Toronto con bambini: alla scoperta della più grande città del Canada

Dagli enormi grattaceli al giro in traghetto sul fiume, dai centri commerciali ai musei: tutto quello che c’è da sapere per scoprire la città di Toronto con bambini. Consigli freschi freschi dalla nostra Alessia, in diretta dal Canada!

Dalla provincia del Québec ci trasferiamo in Ontario per visitare Toronto, la città più grande del Canada, considerata anche capitale finanziaria e commerciale del paese…

Toronto: qualche informazione

La provincia dell’Ontario prende nome dal termine irochese che sta per “acque splendenti”. Siamo infatti nella zona dei grandi laghi (Huron, Erie, Superiore e l’omonimo Ontario) nonché il bacino idrico più grande del mondo. La sua superficie è più vasta di Francia e Spagna messe assieme e si estende per più di 1600 km dalla costa della Baia di Hudson a nord alla zona dei laghi al confine con gli USA a sud.

Si arriva a Toronto o in aereo o in 6/7 ore d’auto da Montréal percorrendo la Hwy 401.

Toronto è una città molto dinamica. Questa caratteristica è ben rappresentata dal gruppo di grattacieli del centro inframezzati agli antichi palazzi lungo le vie principali di Yonge Street e Queen Street: percorrendole a piedi sembra quasi di trovarsi a New York o a Londra.

Bisogna pernottare almeno due notti in questa città per riuscire a vederne tute le principali attrattive senza dover correre come pazzi da un capo all’altro con l’ottima rete di servizi urbani, tra cui il metrò (se nel vostro itinerario è compresa una gita a Niagara Falls l’affitto di una macchina sarà necessario).

Toronto con bambini-EatonCentre
Il cuore di Toronto si trova presso il centro commerciale Eaton Centre (tra Yonge e Dundas Str.), che vanta di vendere quanto c’è di disponibile al mondo, ed in effetti è vero; anche se non siete in vena di shopping vi consiglio di farci un giretto solo per ammirarne l’immensità e l’architettura.

Dall’Eaton Centre percorrendo Yonge Str. in direzione del porto trovate la Hockey Hall of Fame tributo imponente allo sport nazionale del Canada, l’hockey su ghiaccio.

Toronto con bambini: dove alloggiare

Queste attrazioni si trovano nella zona centrale, vicino a Queen Str. West, che pullula di caffè, ristoranti dal raffinato design e bar informali.

Gli alberghi appartenenti alle maggiori catene conosciute si concentrano in questa zona e in quella del porto (più turistica): ricordate che le camere con vista lago ai piani altri sono sempre le più care. Personalmente ho alloggiato al Novotel Toronto Centre di Eplanade Str. situato tra il porto e la zona centrale, un buon compromesso tra posizione e costo delle camere. Dall’albergo ho potuto raggiungere tutti i punti di interesse della città comodamente a piedi e con tanto di passeggino.

Un altro albergo che vi consiglio perché molto carino e comodo come posizione (ma attenzione, essendo centralissimo, non è dotato di parcheggio!) è l’hotel Victoria, il più antico della città: l’edificio appena restaurato conserva l’aspetto più “vecchio” nella struttura della facciata mentre le camere sono ultramoderne.

Toronto con bambini-hotel victoria

Toronto con bambini: cosa visitare oltre al centro città

Andando verso nord dal centro si arriva ai quartieri di Chinatown, alla zona dei musei, all’università, a casa Loma, un’eccentrica residenza edoardiana, e, lì accanto, a Spadina House, un’elegante casa vittoriana.

Dirigendosi a sud invece dal centro si arriva comodamente a piedi alla zona più turistica: l’Harbourfront, il lungolago, tappa d’obbligo per chi visita la città.

Un must è il giro in traghetto delle 18 isole che formano un piccolo arcipelago al largo di Toronto con vista sublime dei grattacieli scintillanti della città.
Le Toronto Island sono collegate da ponti pedonali e rappresentano un luogo ideale per divertirsi lontano dal traffico del centro. Qui si trova anche il Centreville Amusement Park parco divertimenti per bambini e Hanlan’s Point la migliore spiaggia delle isole.

Toronto con bambini-mappa

Toronto con bambini: le attrazioni imperdibili

Tra tutti i grattacieli spicca in altezza la CN Tower, icona di Toronto, la più elevata torre autoportante del mondo, con i suoi 553 m eretta nel 1976 dalla Canadian Broadcasting Company, che decise di costruire una nuova antenna di comunicazione, in collaborazione con la Canadian National. E’ forse l’attrazione più famosa della città, vi si può salire, se non si soffre di vertigini, per godere di una vista mozzafiato dal belvedere a 346m d’altezza o ancor più dal più elevato Skypod a 447m, e perché non degustare un piatto nel ristorante girevole della torre che compie un giro completo in 72 minuti?

Toronto con bambini-CN Tower
Di fianco alla CN Tower si trova un altro dei simboli della città: il Rogers Centre del 1989 il primo stadio sportivo al mondo ad avere un tetto totalmente retrattile grazie a pannelli costruiti su rotaie che in 20 minuti coprono o scoprono l’intera area di gioco.
Riepilogando, ecco cosa non dovete perdervi visitando Toronto:

  1. CN Tower
  2. Harbourfront
  3. Eaton Centre
  4. Toronto Island (in battello)

Toronto presenta inoltre alcuni dei migliori musei del paese, come la Art Gallery of Ontario, che ospita una delle collezioni più ampie di belle arti e scultura moderna, e il Royal Ontario Museum, con una eclettica collezione di scienze naturali ed archeologia (come la sala dei dinosauri ed una importante galleria di arte asiatica).

Toronto con bambini-Rock

Il sito ufficiale della città è a questo link.

Se anche doveste rinunciare a qualche museo con i bimbi, tranquilli, vi racconterò presto cosa fare di divertente a Toronto con bambini!

Seguite tutti i miei articoli a questo link > Canada by Alessia

 

Alessia 
(testi e fotografie di Alessia alias Mammacongelo)
(la foto di copertina è tratta dall’originale di James Wheeler con Licenza Creative Commons)

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

L’acquario di Toronto con bambini, il più grande acquario del Canada

Canada con bambini: dieci giorni di viaggio on the road

Canada low cost: consigli pratici per risparmiare

Voli low cost per bambini: le dritte per risparmiare

Come siamo sopravvissuti a 18 ore di viaggio (e 6 di fuso orario)

L'autrice: *Alessia*

Mamma di "merdolo", classe 2013, oltre a un figlio ho un marito, un cane, una passione e tanti sogni. Testarda, lunatica, generosa, curiosa, adoro gli animali, sono innamorata del mare. Credo nell'amicizia e mi stupisco di fronte alle bellezze della natura. Per amor di sintesi un chiasmo vivente. Ah sono un Ariete...

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *