Stati del Sud con bambini: USA on the road con bimba di 1 anno

 

Prosegue il tour degli USA on the road di mamma Giovanna con la piccola Eva di 1 anno: dopo il Texas, oggi si prosegue con Tennesee, Georgia, Florida, Golfo del Messico e Louisiana, per poi rientrare in Texas. Ecco il diario di viaggio…

La prima tappa del viaggio l’ho raccontata qui > Texas con bambini: prima tappa di un viaggio on the road

Eravamo rimasti sulla strada che porta a Memphis, la città culla di molti generi musicali americani fra cui blues, gospel e rock and roll…

Stati del Sud con bambini: Tennessee

Dopo il veloce giro della città di Little Rock, siamo ripartiti per Memphis.

Prima tappa in città ovviamente Graceland, la tenuta di Elvis Presley.

Stati del Sud con bambini-Graceland

La visita di Graceland è molto interessante: viene fornita un’audioguida anche in italiano e si segue un percorso predefinito. Io consiglio la visita anche a chi non è appassionato di Elvis: gli arredi originali dell’epoca, estremamente kitsch, le auto meravigliose, tutti i costumi di scena e i premi… Insomma, se si passa da qui, una visita secondo noi è d’obbligo.

Il percorso non è per nulla consigliato con i passeggini, vi sono passaggi stretti e scale: Eva ha goduto della visita utilizzando il marsupio ergonomico sulle spalle della mamma.
Stati del Sud con bambini-tomba-Elvis

Memphis è conosciuta anche come il luogo dove è stato assassinato Martin Luther King: il Lorrein Motel è diventato museo nazionale.

Passeggiata per Memphis dove la musica è ad ogni angolo di strada, Eva si diverte a correre in un parchetto dove un’orchestrina sta improvvisando una jam session.

Questa sera pernottiamo a Nashville, la patria della country music, e ci rimaniamo per due giorni, per ricaricare un po’ le batterie e per godere dell’atmosfera locale. È una città veramente piacevole, uno di quei posti dove ti viene da pensare “ecco qui ci potrei vivere“.

Prima tappa Grand Ole Ofry, il teatro dove si tengono i maggiori spettacoli country. Eva apprezza moltissimo le chitarre giganti che ci sono nel parco esterno.

Stati del Sud con bambini-chitarra

Una zona molto carina da esplorare è la 12th Ave Street, dove si trovano negozi originali e anche un posto imperdibile per bimbi e adulti: Las Paletas, dove fanno dei gelati con lo stecco davvero strepitosi, materie prime freschissime e tantissima frutta. In fondo alla via c’è un bel parco ombreggiato, contornato da splendide casette,  dove poter fare una pausa, giocare un po’ sulle altalene o fare una passeggiata. Tutto è curato ed estremamente pulito.

Per pranzo decidiamo di  provare una specialità locale, il pollo fritto. Non un pollo fritto qualunque, ma quello di Prince’s Hot Chicken Shack: niente paura, se si prende il mild chicken, possono mangiarlo anche i bimbi, anche perché la parte spicy è la panatura. Che dire, mai mangiato un pollo così succulento, Eva nell’attesa si è divertita molto col ventilatore  diventando la mascotte del posto.

Stati del Sud con bambini-pranzo

Dopo il pranzo ci aspetta un bel giro per la via principale piena di locali che fanno musica. Per strada c’è tanta gente, a qualsiasi ora del giorno e della notte. Il nostro giro termina da Mike’s Ice Cream, per una pausa golosa.

Con Eva non possiamo pensare di cenare ascoltando musica dal vivo, esperienza consigliatissima invece, per chi ha bimbi un po’ piu grandi.

Stati del Sud con bambini: Georgia

A nanna presto perché domani si va in Georgia!

Qui visitiamo Atlanta. Tra le attrazioni principali c’è il museo della Coca Cola e l’Acquario, uno dei più grandi del mondo, oltre agli studi CNN.

La visita all’acquario richiede molto tempo e non ritenevamo che Eva potesse ancora apprezzare; la CNN è stata scartata perché mio marito aveva visitato gli studi qualche anno prima: quindi optiamo per la visita al museo Coca Cola, che richiede un paio d’ore di tempo e ha anche attrazioni che possono divertire la piccola.

Se siete interessati a più attrazioni (Museo Coca Cola-Acquario- CNN) è possibile fare dei biglietti ingresso cumulativi, che permettono di risparmiare un po’ rispetto ai singoli ingressi.

Stati del Sud con bambini-coca cola

Il museo Coca Cola è un tripudio di gente e attrazioni: è possibile fare le foto seduti sul famoso orso bianco, oppure assistere ad un cartone animato in 4D sulla nascita della bevanda, davvero molto divertente anche per i piu piccoli. Il tour non è guidato se non nella parte introduttiva, per il resto è possibile girare da soli in totale libertà. Alla fine della visita si approda ad alcuni grandi distributori di bevande dove è possibile assaggiare bibite dai sapori impensabili, vendute in tutti i paesi del mondo. Passeggini ammessi.

Terminata la visita, ci aspetta il Centennial Olimpic Park, imperdibile nel suo splendore e ovviamente dotato di una fantastica area gioco per i bimbi, dove ci sono giochi di ogni tipo e tutta la superficie è ricoperta di un morbido tappeto a prova di caduta.
Eva si scatena in completa sicurezza e noi ne approfittiamo per fare due chiacchiere con i genitori presenti, affascinati dalla nostra provenienza.

Stati del Sud con bambini-dondolo

Questa sera si cena bio, e quindi andiamo a mangiare uno degli hamburger più buoni di tutta la vacanza, da Farm Burger. Prodotti genuini, carni scelte e possibilità di combinare il piatto come più ci aggrada: Eva mangia il suo hamburger soddisfatta e ruba anche un paio di patate dal mio piatto (ogni tanto ci concediamo uno sgarro all’alimentazione sana 😉 ).

La mattina successiva visitiamo i luoghi che hanno visto protagonista Martin Luther King, recandoci al King Historic District, un percorso molto suggestivo a cui vale la pena dedicare un po’ di tempo. Al termine del percorso, si arriva al mausoleo con la piscina dove è stato sepolto. In un quartiere poco distante è possibile invece vedere la casa dove è nato, ma non è visitabile, se non nella parte esterna.

Stati del Sud con bambini-luther king

Stasera pernottiamo a Tahallasse, tappa obbligata, perché domani si va al mare. Eva è eccitatissima e un po’ lo siamo anche noi… finalmente un po’ di relax, dopo tanti chilometri!

Stati del Sud con bambini: mare in Florida

Qui ci fermiamo 6 giorni perché il nostro giro nel Golfo del Messico prevede le seguenti tappe: George Island State Park, Cape San Blas, Panama City, Grayton Beach State Park, Destin, con l’Henderson State Park, Santa Rosa Beach, Pensacola Beach.

Stati del Sud con bambini-spiaggia

La Florida e le sue fantastiche spiagge soleggiate sono meravigliose, ma è  fondamentale fare attenzione al sole: la sabbia borotalcata è fortemente riflettente, occorre utilizzare sempre protezioni alte. Per Eva ho usato una 50+ e nelle ore più calde indossava anche la maglietta protettiva, con la quale poteva anche fare il bagno.

Ombrellone protezione 100 (quelli doppi con lo strato argentato) tante bottigliette d’acqua, nel fido frigorifero di polistirolo, il mare del Golfo del Messico davanti a noi e intorno il silenzio. Si perché il bello di questi luoghi è l’assenza di calca e ressa alla ricerca di un fazzoletto di sabbia.

I parchi sono attrezzati di docce e servizi igienici, mentre cibo e acqua è meglio portarli, difficilmente ci sono all’interno punti ristoro.

Stati del Sud con bambini-mare

Solitamente si paga un ingresso giornaliero, per ogni auto che accede, tra gli 8 e i 10 dollari. Viene fornita una mappa del parco, con le aree di parcheggio, i sentieri e le zone provviste di spiagge oltre che i servizi.

Abbiamo pernottato per 3 giorni a Destin e i restanti tre giorni a Pensacola beach. Il nostro Days Inn si affaccia proprio sulla spiaggia, ma purtroppo ne abbiamo goduto poco a causa di una perturbazione abbastanza fastidiosa: ci consoliamo quindi con gli outlet per fare un po’ di shopping!

Stati del Sud con bambini-tramonto

E’ ora di rifare le valigie, sgonfiamo il salvagente di Eva (meno di 5$ da Wakmart), puliamo secchiello e palette, la pausa al mare è conclusa e, dopo 7 giorni, si torna on the road.

Stati del Sud con bambini: Louisiana

Il nostro viaggio sta per volgere al termine…La penultima tappa è una città che ha molto  da raccontare, New Orleans.
Questa città ci ha affascinato per l’atmosfera che si respira, ma soprattutto per il grande Mississipi… è immenso! Si può fare un giro in battello, per apprezzarne ancora di più la maestosità.

Stati del Sud con bambini-new orleans

Eva ha molto gradito anche i beignets del Cafè du Monde, dei dolcetti di pasta lievitata ricoperti di zucchero a velo, gustati una mattina con una fresca spremuta d’arancia dopo un bel giro per il French quarter. È una tappa che non si può perdere.

Un altro luogo che merita una visita è senz’altro l’Armstrong Park, ovviamente dedicato all’omonimo musicista. Nel verde del parco vi sono diverse sculture, oltre che una bellissima statua ed un grazioso laghetto. Attenzione al caldo, conviene andarci di mattina presto!

Stati del Sud con bambini-armstrong park

A New Orleans abbiamo mangiato la vera cucina cajun, già assaggiata durante il viaggio, che comprende tra le altre cose pesce gatto fritto, crabs cake, gumbo di pesce, e delle meravigliose polpettine con farina di mais, Hushpuppies, letteralmente squisite.

La Louisiana è un ottimo posto dove fare shopping perché per i turisti è tax free, pertanto abbiamo dato fondo ai nostri ultimi dollari e comprato una valigia in più per il viaggio di ritorno. Ho acquistato a prezzi molto scontati anche i mattoncini Lego Duplo – Eva ne va matta – e con un notevole risparmio ne abbiamo ora una gran quantità.

Domani ultima tappa, si torna a Houston, dove tutto è cominciato, venti giorni fa.

Stati del Sud con bambini: ritorno in Texas

Houston è una vera metropoli, grattacieli di vetro in ogni angolo…tutto è immenso in Texas!

Facciamo un breve giro per la città, che per i nostri gusti non è particolarmente attraente. Dobbiamo però ricordare che vi sono tantissime aree verdi e anche un museo meraviglioso per i bimbi il Children’s Museum of Houston.

All’interno del Museo, tra le altre cose, è stata ricostruita una città in miniatura in cui i bambini possono svolgere le varie professioni, dal commesso, al cuoco, alla cassiera, al pompiere, con tutti gli attrezzi e le postazioni. Insomma un luogo veramente interessante, dal mio punto di vista per bimbi di almeno due anni.

Per la nostra ultima cena negli States scegliamo un tipico BBQ, da Rudy’s, tavoloni con panche e tovagliette usa e getta, si mangia tutti insieme, ovviamente quello che vuoi, rigorosamente cotto al barbecue!

Il nostro viaggio è giunto al termine, domani un meraviglioso A380 di Lufthansa ci riporterà a casa, con tanti bellissimi ricordi.
E’ stata un’esperienza elettrizzante, viaggiare con i bimbi è una nuova scoperta dei luoghi, è regalare e regalarsi la possibilità di conoscere e sperimentare, senza mai porsi dei limiti che in verità stanno solo nelle nostre teste.. i bambini sanno stupirci, dobbiamo solo dare loro fiducia!

Ora, un nuovo viaggio ci aspetta… a presto!

Giovanna
[Testi e fotografie di Giovanna Zema]
(la foto di copertina e di  tratte dalle originali  di Abuakel con Licenza Creative Commons)

 

Potrebbero interessarti anche:

Texas con bambini: prima tappa di un viaggio on the road

Florida con bambini on the road: le più belle spiagge della costa ovest

Exploring the sunshine state: le più belle spiagge della Florida, costa est

 

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *