Amsterdamse Bos con bambini: avventure in un bosco urbano

[FAMIGLIA A(MSTER)DAMS]  Oggi la nostra Olandesina Michela ci svela il fascino di una bellissima escursione a pochi Km da Amsterdam, ovviamente in compagnia dell’immancabile Memi globetrotter.

Non che Amsterdam sia proprio una di quelle città dalle quali uno spera di fuggire durante il fine settimana, anzi: è piena di parchi, giardini, piazzette e angoli nascosti di tranquillità.

Però, se proprio appartenete alla categoria di quelli che se non hanno a disposizione almeno 10km quadrati di verde non si sentono in pace con il mondo… beh, non preoccupatevi, Amsterdam ha anche posti così!

Vi basterà inforcare il vostro mezzo a due ruote, caricarci sopra gnomo, plaid e vettovaglie e percorrere i 7 km di pista ciclabile che separano il centro storico dall’Amsterdamse Bos, il bosco cittadino (certo, ci si può arrivare anche in auto o con i mezzi pubblici ma… ragazzi, siete in Olanda, se non pedalate qui dove lo fate?).Amsterdamse Bos con bambini - Amsterdam con bambini

Diciamo che chiamarlo bosco in effetti è un pochino esagerato, la nostra vicina di casa finlandese sostiene che le foreste siano ben altra cosa dalle sue parti, e non si può mica darle torto. Però il posto è davvero bello, enorme, pieno di sentieri dove poter passeggiare, correre, sfrecciare in bici o galoppare allegramente.

Ecco, a proposito di questo, c’è solo una regola ferrea da seguire: ognuno al posto suo! Che tradotto in altre parole significa pedoni con pedoni, ciclisti con ciclisti, cavalli con cavalli: ognuno ha il suo percorso riservato e non deve invadere gli spazi dedicati agli altri mezzi di locomozione. Modello nord europeo, interpretazioni fantasiose delle norme non ammesse.

Amsterdamse Bos con bambini: cosa fare?

Cosa fare una volta giunti al Bos? Praticamente di tutto! Noi abbiamo organizzato un bel picnic sul prato, giocato a palla, dondolato sulle altalene in uno dei tanti playground, fatto merenda con latte biologico delle mucche che vivono nelle stalle del bosco e, ultimo ma non ultimo, visitato la Goatfarm.Amsterdamse Bos con bambini  Bos Goatfarm - Amsterdam con bambini
Chi conosce un minimo di inglese forse pensa di avere già intuito di cosa sto parlando… sorry guys, ma davvero non potete immaginare che posto pazzissimo sia questa fattoria didattica popolata da centinaia di caprette bianche stile Heidi (oltre che da maiali, cavalli e galline)! Visualizzate una marea di animali che se ne vanno a zonzo passandovi di fianco, sotto le gambe, sopra la testa.Amsterdamse Bos - Amsterdam con bambini

Aggiungete decine di bambini che hanno libero accesso ai loro recinti, ci entrano letteralmente dentro, inseguono le bestiole, le coccolano, se le prendono in braccio, muniti pure di biberon di latte da dare agli agnellini. Metteteci infine un attacco di regressione infantile che vi spinge a finire dentro le stalle pure voi perché magari da piccoli dalle vostre parti certe cose non esistevano e dovete rifarvi del tempo perduto…. beh, eccovi catapultati nella Geitenboerderij!Amsterdamse Bos con bambini caprette - Amsterdam con bambini

Memi inizialmente si è dimostrato un po’ intimidito da tanta natura a portata di mano, limitandosi a fare qualche carezza alle caprette più tranquille; ma ho visto i bimbi più grandi combinare cose che voi umani non potete nemmeno immaginare: c’era chi cullava gli agnellini, chi tentava di mungere le capre adulte sdraiandocisi sotto, chi rincorreva i maiali, chi faceva le carezze alle galline. Insomma, una invasione di fattori in miniatura, perfettamente a loro agio mentre si ruzzolavano nel fieno assieme ai loro amici animali.

Per la cronaca, tutte le bestiole sembravano gradire tante attenzioni, non erano minimamente spaventate dall’orda degli gnomi urlanti e pertanto, per quanto mi riguarda, non ho avuto la sensazione che la cosa potesse essere considerata in qualche modo pericolosa né per le belvette umane né per le specie che là vivono.Amsterdamse Bos con bambini pony - Amsterdam con bambini

Se uscite dalla fattoria didattica con ancora in corpo un minimo di energie (le mie erano a zero causa corse dietro a Memi che sembrava una pallina del flipper impazzita), potete proseguire con altre attività formato famiglia, come la Fun Forest (un mini parco avventura dove potrete fare un percorso soprelevato tra gli alberi con ponti tibetani, funi, ecc) o il Miniport (un porto in miniatura con barchini a grandezza gnomo, per sentirsi capitan Findus per un giorno) o ancora il Museumtram (un tram d’epoca che vi permette di spostarvi in modo divertente all’interno del bosco).
Fonti attendibili mi dicono anche che, con l’arrivo della stagione estiva, gli Amsterdammers si facciano anche fior fior di nuotate nel grande lago che si trova nella parte nord del Bos… se mai troverò il coraggio di immergermi nelle acque gelide del Nieuwe Meer sarete i primi a saperlo!Amsterdamse Bos-Geitenboerderij - Amsterdam con bambini

Info utili

Per tutte le informazioni aggiornate sull’Amsterdamse Bos, inclusi eventi, ristoranti, campeggi e ogni altro tipo di notizia utile per pianificare la vostra escursione, potete visitare il sito ufficiale.

 

Michela
[testi e fotografie di Michela Toffali]


Potrebbero interessarti anche:

Zaanse Schans con bambini: tra zoccoli e mulini a vento

QUI TROVI TUTTI I POST DELLA FAMIGLIA A(MSTER)DAMS

Dublino con gnomo che cammina!

 

L'autrice: *Michela*

*Michela*

Mamma di Meltemi, baby-giramondo classe 2011. Sono una vera e propria travel-addicted: appena torno da un viaggio non vedo l'ora di iniziare a pianificare il successivo... e ho già in mente destinazioni per i prossimi 10 anni! L'arrivo di Memi non ha fatto altro che accrescere questa passione: io e mio marito Luca vogliamo regalargli il globo intero! Il piccoletto a 3 mesi era già in possesso di passaporto e valigia personale, pronto per il primo di una lunga serie di voli. Ora siamo partiti per un viaggio davvero unico con biglietto aereo è one-way: da gennaio 2014 viviamo ad Amsterdam. La prima di una futura serie di case in giro per il mondo ;-)

Commenti

  • Reply jessica

    …Che dire???dopo ogni post della super famiglia expat la nostra voglia di partire e di conoscere l’ Olanda, soprattutto un’ Olanda a misura di gnomi, è sempre di più…ci stiamo innamorando di questa nazione ancor prima di metterci piede…la guida l abbiamo comprata ( e poi la cè la nostra guida infallibile Michela), bisogna soltanto prenotarci un volo e partire….

    • Reply * Milly Marchioni *

      Sono d’accordo!! Più leggo e più mi viene voglia di partire…Miky, aspettaciiiii!!!!

  • Reply Elena

    Miky mi prenoto anche io, si può? I mariti si lasciano a parlar di aerei, Clara e Memi faranno la loro prima uscita insieme e io ti tartasserò di domande per giorni e giorni.

  • Pingback: Utrecht per bambini: una città a misura di bimbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *