Parco divertimenti vicino Amsterdam: vi presento Efteling

Efteling, il famoso parco divertimenti a 2 ore da Amsterdam: una full immersion nelle favole per bambini anche piccolissimi! Ecco il magico weekend di Michela, la nostra inviata olandese!

Devo essere onesta, prima di trasferirmi in Olanda non avevo mai sentito parlare di Efteling. Sono veronese, sono cresciuta a pane e Gardaland, il mio mondo dei parchi divertimenti finiva lì, al massimo Mirabilandia giusto se uno voleva fare una cosa diversa.

Ecco, una volta arrivata ad Amsterdam, mi è bastata una settimana per capire che Efteling è il parco per eccellenza nei Paesi Bassi, amatissimo dagli olandesi e non solo, visto i quasi 4 milioni e mezzo di visitatori che varcano i suoi cancelli ogni anno.

Parco divertimenti Amsterdam-Efteling
Non potevamo quindi lasciarci sfuggire l’occasione di vederlo con i nostri occhi e, approfittando di un weekend di sole dopo un’estate di pioggia, abbiamo trascorso un weekend “favoloso”, nel senso letterale del termine visto che ogni attrazione ad Efteling è a tema fiabesco.

Parco divertimenti Amsterdam-Efteling-Baron

Parco divertimenti Amsterdam:
come raggiungere Efteling

Noi non abbiamo l’auto, quindi abbiamo usato i super efficienti mezzi pubblici olandesi e siamo arrivati comodi comodi in meno di 2 ore di viaggio. Se siete ad Amsterdam in vacanza, vi basterà prendere il treno fino a ‘s-Hertogenbosch, e da lì il bus che porta dritto al parco (ce ne sono diversi, il 300, il 301, l’800… non preoccuparvi, nel piazzale della stazione c’è un tabellone con tutte le info, non vi perderete). Idem partendo da L’Aja. Se invece siete a Rotterdam o a Eindhoven (dove atterrano gli aerei Ryanair), vi conviene arrivare in treno a Tilburg e da lì prendere il bus. Il Parco, trovandosi a sud dell’Olanda, non è troppo distante nemmeno dal Belgio: un’ora di auto da Anversa, un’ora e mezza da Brussels.

Parco divertimenti Amsterdam-stazione

Benvenuti a Efteling, il regno delle favole!

Efteling è decisamente la celebrazione delle fiabe classiche: da Cappuccetto Rosso ad Hansel e Gretel, dalla Bella Addormentata nel Bosco alla Piccola Fiammiferaria, da Rapunzel a Biancaneve, il tutto condito da gnomi, folletti, troll, draghi e cavalieri. Insomma, ce n’è un po’ per tutti i gusti. Memi tanto per cambiare è stato attratto da treni, automobiline e caroselli con cavalli e carrozze; ma ho visto femminucce con occhi e bocca spalancati di fronte a fatine svolazzanti e principesse sparse ovunque.

Parco divertimenti Amsterdam-hansel&gretel
Due sono le cose che mi hanno colpito maggiormente di Efteling.

La prima: è immenso, per visitarlo tutto servono 2 giorni. Le attrazioni sono moltissime > attrazioni Efteling < e le distanze sono grandi, tant’è che c’è un trenino interno che ferma in due stazioni per spostarsi velocemente da una parte all’altra.
In alternativa al trenino, si può noleggiare una specie di carretto che per noi è stata una manna dal cielo: il primo giorno ci siamo dovuti caricare Memi modello sacco di patate perché era cotto dalla stanchezza, ma il secondo giorno ci siamo fatti furbi e con 4 euro (prezzo per l’intera giornata, soldi ben investiti) abbiamo preso anche noi ‘sto aggeggio ed è stata una genialata.

Parco divertimenti Amsterdam-carretto

Memi contentone di essere portato modello imperatore sulla sua piccola biga, noi con una notevole riduzione del mal di schiena.

Per ottimizzare km e tempi, vi consiglio di scaricarvi anche l’App gratuita e di usarla allegramente: la mappa virtuale è davvero utile per orientarvi e capire dove siete (sono disponibili comunque anche mappe cartacee gratuite) e se cliccate sulle varie attrazioni ci sono delle brevi descrizioni e soprattutto i tempi di coda in real time.

Parco divertimenti Amsterdam-mappa virtuale
Il secondo aspetto che rende Efteling unico nel suo genere è che è un parco tematico più che un parco divertimenti. Mi spiego meglio: l’atmosfera all’interno è decisamente meno caotica rispetto ai luoghi come Disneyland o lo stesso Gardaland che citavo all’inizio, non c’è quella sensazione di rimbambimento da luci e suoni, è tutto più sobrio e delicato. C’è moltissimo verde, alberi, prati, lunghi viali dove passeggiare e un tocco di magia che aleggia nell’aria.

Insomma, se vi aspettate di essere bombardati da musichette e flash stroboscopici, beh, non li troverete. Se invece vi piace l’idea di fare un tuffo nelle favole di quando eravate bambini, di mettere da parte le giostre adrenaliniche per fermarvi di fronte alla casetta della nonna di Cappuccetto Rosso e spiare il lupo dalla finestra, allora siete nel posto giusto.

Parco divertimenti Amsterdam-cappuccetto rosso
Intendiamoci, ci sono anche dei roller coster e delle attrazioni per un target più grandicello, ma in linea generale Efteling è davvero il paradiso dei più piccoli, di quelli che ancora si lasciano affascinare dalle piccole magie, dagli alberi che parlano e dai giganti che dormono. Memi ha quasi 4 anni e se l’è goduta alla grandissima, ma visto il numero spropositato di passeggini e carrozzine che giravano per il parco devo dire che anche i visitatori piccolissimi trovano pane per i loro denti, più che in qualsiasi altro parco sul genere che io abbia visitato ad oggi.

Parco divertimenti Amsterdam-alberi parlanti

Che lo spettacolo abbia inizio!

Se chiedete a Memi cosa gli è piaciuto più di Efteling vi risponderà: lo spettacolo dei cavalieri con il drago! Più della corsa con il bob? Si mamma. Più del bosco incantato? Si mamma. Più del treno a vapore? Si mamma. Ecco, se qualcosa supera nella lista delle preferenze di mio figlio una qualsiasi forma di treno significa che stiamo parlando davvero di qualcosa di straordinario.

Parco divertimenti Amsterdam-locomotiva
In effetti Raveleijn, lo show in cui 5 fratelli devono sconfiggere un mostro a cinque teste che sputa fuoco, è davvero un capolavoro. Così bello che siamo andati a vedercelo 2 volte. La musica, i costumi, le scenografie, gli effetti speciali, il fascino dei cavalli, il numero di falconeria: 20 minuti di spettacolo che hanno lasciato Memi con la bocca spalancate e hanno affascinato molto pure noi.

Parco divertimenti Amsterdam-Parkshow Raveleijn
I biglietti per assistere allo show (gratuito) possono essere ritirati direttamente nella piazzetta di fronte al teatro: ci sono dei distributori automatici, basta scegliere l’orario che vi interessa e la macchinetta vi stampa al momento i vostri tickets (se soggiornate all’hotel, potete richiederli direttamente allo shop interno).

Raveleijn non è però il solo spettacolo a cui si può assistere: noi abbiamo visto anche Aquanura, il terzo show di fontane danzanti più grande più grande al mondo, che credo in versione by night sia ancora più impressionante (in questo periodo il parco chiude alle 18, quindi non abbiamo sperimentato le attrazioni in notturna).

Parco divertimenti Amsterdam-fontane danzanti
Ci sono anche altri spettacoli, parate e piccole performance in giro per il parco. Ovviamente tutti le esibizioni sono in olandese, e anche se l’unico che ha capito cosa dicevano è stato Memi devo dire che sono state assolutamente piacevoli anche per noi che non abbiamo compreso una parola.

Parco divertimenti Amsterdam-montagne russe

Sento un leggero languorino…

Se c’è una cosa che proprio non manca ad Efteling è il cibo: ci sono punti ristoro ovunque, dai semplici chioschi a ristoranti veri e proprio, dove è possibile mangiare di tutto. Hot dog, pizza, kebab, crocchette, waffle, zucchero filato, pasta, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Parco divertimenti Amsterdam-pranzo

E i prezzi ci hanno piacevolmente stupiti perché decisamente non cari (considerate che l’Olanda di per sé non è proprio un paese economicissimo). Bibite a 2.50 euro, caramelle a 1.00 euro, combi meal hot dog e bevanda a 5.00 euro. Noi abbiamo fatto una merenda con 17,90 euro (3 waffle, 2 cappuccini grandi e 1 succo di frutta) e abbiamo pranzato spendendo 25 euro in 3. Insomma, prezzi assolutamente abbordabili.

In tema di costi, devo dire che anche i gadget hanno cifre popolari: Memi ha voluto una spada (9.99 euro) e una cannuccia con un drago (3.00 euro), ma i negozi sono fitti di articoli di ogni tipo e in linea generale non troppo dispendiosi.

Parco divertimenti Amsterdam-gadget

Hotel e appartamenti:
dove dormire ad Efteling

Come ho già scritto all’inizio del post, per riuscire a vedere tutto il parco vi servono almeno 2 giorni. Pertanto ipotizzare di dormire 1 notte nelle vicinanze è una buona idea. Se volete che l’atmosfera magica vi segua anche al di fuori del parco, Efteling offre anche due diversi tipo di sistemazione per la notte: l’Efteling Hotel oppure l’Efteling Village Bosrijk, una serie di deliziose casette immerse nella natura per chi preferisce l’appartamento all’albergo.

Efteling Parco divertimenti Amsterdam-Efteling Bosrijk
Noi abbiamo trascorso una notte all’Efteling Hotel ed è stata una scelta davvero azzeccata: la struttura è a 2 minuti a piedi dal parco, ha un suo ingresso preferenziale e gli ospiti (lo stesso vale anche per il Village) possono entrare ad Efteling prima dell’apertura al grande pubblico e godersi per un pochino il parco in esclusiva.

La cosa positiva è che acquistando la camera (i bambini da 0 a 3 anni compiuti non pagano), si ha incluso nel pacchetto anche l’ingresso illimitato al parco, una super colazione a buffet, i posti garantiti per vedere Raveleijn, il parcheggio gratuito, il wi-fi e… la gioia di dormire con un topolino nella camera! Ah ah ah, topino finto, ovviamente.

Efteling Parco divertimenti Amsterdam -topino

Anche le camere dell’hotel ovviamente sono a tema favole, con tanti piccoli particolari da scoprire.

Il prezzo delle camere varia a seconda della stagione e del tipo di camera, per darvi un’idea generale si parte dai 250 euro a notte per due adulti e un bambino sotto i 4 anni e siamo intorno ai 299 euro a notte se il bambino ha già compiuto i 4 anni. Come ho scritto prima, i prezzi includono la colazione e gli ingressi per 2 giorni al parco (il prezzo del solo biglietto per il parco è di 34 euro a persona al giorno, quindi se fate 2 conti non è poi una tariffa esagerata), quindi anche in questo caso posso dire che come cifre Efteling se la batte bene.

Anche il ristorante interno non è da salasso: noi abbiamo cenato in 3 spendendo 75 euro (1 hamburger con patatine e succo di frutta per Memi, 2 antipasti e 2 piatti principali, con acqua e 3 bicchieri di vino per noi poveri genitori stanchi che necessitavano di alcolici per rifarci delle corse dietro lo gnomo).

Parco divertimenti Amsterdam -Efteling Hotel

Ma il vero plus del cenare dentro all’hotel è che a 5 metri dal ristorante c’è una sorta di piccolo parco giochi dove i bambini possono spendere le ultime energie che hanno in corpo mentre gli adulti mangiano in tranquillità. Voi mi capite che queste sono quelle piccole idee geniali che meritano il nobel vero? 😉

Spero di essere riuscita a darvi un po’ di informazioni utili, se avete qualche curiosità scrivetela nei commenti di questo post oppure date un’occhiata al > sito ufficiale di Efteling, che è davvero ben fatto.

Per un racconto più recente, ecco l’esperienza di Jessy > Tre giorni a Efteling con bambini: il parco divertimenti più grande d’Europa

Buon Efteling a tutti!

Michela
{testi di Michela Toffali}
{Le foto degli alberghi, delle fontane, del pranzo, della vista dall’alto e delle montagne russe sono tratte dalle originali concesse dall’ufficio stampa di Efteling}

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

Dai un’occhiata anche qui:

  1. Olanda con bambini: tutti i nostri articoli
  2. Disneyland Paris con bambini: le attrazioni del parco
  3. Parco divertimenti in Romagna: emozionarsi a Mirabilandia
  4. Parchi divertimento in Italia: gite fuori porta per un’avventura speciale

L'autrice: *Michela*

*Michela*

Mamma di Meltemi, baby-giramondo classe 2011. Sono una vera e propria travel-addicted: appena torno da un viaggio non vedo l'ora di iniziare a pianificare il successivo... e ho già in mente destinazioni per i prossimi 10 anni! L'arrivo di Memi non ha fatto altro che accrescere questa passione: io e mio marito Luca vogliamo regalargli il globo intero! Il piccoletto a 3 mesi era già in possesso di passaporto e valigia personale, pronto per il primo di una lunga serie di voli. Ora siamo partiti per un viaggio davvero unico con biglietto aereo è one-way: da gennaio 2014 viviamo ad Amsterdam. La prima di una futura serie di case in giro per il mondo ;-)

Commenti

  • Reply Elena

    Ecco questo potrebbe essere il parco di Clara. Certo Gardaland….;)

    • Reply * Milly Marchioni *

      Ahahah, tutti a Gardaland?? Ma Michela ci aspetta ad Amsterdam per Efteling e io sono proprio curiosa!

  • Pingback: Posti strani dove dormire con un bambino...ma anche senza!

  • Reply claudia

    Ciao! grazie per l’articolo coinvolgente e entusiasmante… é stato un piacere leggerlo! Vorrei una mano: mi sai dire quali sono le fiabe rappresentate all’interno del parco? non riesco a trovare informazioni online e ci terrei molto a leggere a mio figlio di 4 anni quelle storie prima di partire per l’Olanda. Conoscendolo, penso sarebbe felicissimo di arrivare a Efteling e riconoscere da solo i personaggi e le ambientazioni di cui aveva sentito parlare nei libri delle favole a casa… Grazie!

  • Reply manuela loforte

    Salve, sembra proprio bellissimo! Ho visto che è aperto anche in inverno, mentre altri parchi solitamente chiudono. Secondo te è fattibile anche a Dicembre? Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *