Dinosauri in Olanda: il Naturalis Biodiversity Center

Siete ad Amsterdam e avete voglia di vedere un dinosauro? Nessun problema: a Leiden c’è il Naturalis Biodiversity Center, un museo di storia naturale dove presto arriverà niente meno che..unA T-Rex! Ce ne parla Michela.

Dove trovare i dinosauri in Olanda?

Memi, come il 99% dei nanerottoli under 12, è in fissa con in dinosauri: l’Era Glaciale 3 gira praticamente in loop nel nostro lettore DVD, e non passa giorno in cui uno dei suoi amici dell’era giurassica appaia simpaticamente in qualche angolo della casa.

Quando il Libero Pensatore mi ha detto “Ehi, ho scoperto che a 20 minuti da casa c’è un museo con un bel po’ di dinosauri”, ovviamente il piano era già chiaro nelle nostre teste: andiamoci!

Detto fatto, la domenica mattina eravamo già sul treno che da Amsterdam porta a Leida, pronti per fare un tuffo di qualche milione di anni nel passato.

In realtà il Naturalis non ospita solo dinosauri: è un museo di storia naturale con tutti i crismi, quindi ci sono animali, pianeti e compagnia bella. Ma ovviamente uno scheletro di dinosauro gigante batte farfalle, fossili e globi terrestri che ruotano.

Dinosauri in olanda-dinosauro
E la collezione di dinosauri si ingrandirà ulteriormente con l’arrivo di un T-Rex. Eh già, un grande e grosso Tirannosauro che arriva direttamente dal Montana (USA) e che, dalle analisi fatte ad oggi, sembra essere una…. Signora T-Rex! Girl power, dalla preistoria con furore!
L’ingresso in scena della possente signora è previsto per il 2016, in occasione di una mostra temporanea dedicata proprio ai dinosauri, durante la quale le restanti aree del museo saranno chiuse al pubblico per un progetto di ristrutturazione generale dell’edificio che durerà all’incirca due anni.

Cosa vedere al Naturalis?

Il museo è suddiviso in aree tematiche, distribuite su 4 diversi piani espositivi. Considerate che il tempo medio per visitare tutto (senza partecipare ai seminari e ai laboratori che sono in olandese e quindi forse poco interessanti per i bambini italiani) è di circa 3 ore.

La primissima esposizione in cui ci si imbatte è il “Nature’s Theatre”, praticamente una parata di animali, animaletti e animaloni a dimensione reale che, tutti insieme appassionatamente, sono messi in bella mostra per farsi ammirare.

Dinosauri in olanda - animali

Da lì, pochi passi a piedi e molti indietro nel tempo, si salta direttamente alla “Primeval Parade”: tra fossili e scheletri di dinosauri, si scopre a poco a poco come la vita si è svilippata sul pianeta terra, dal Big Bang alla comparsa dei primi esseri umani. Protagonista assoluto di questa sala è il Camarasaurus, 18 metri di bestione, decisamente impressionante.

Cammina cammina, si arriva alla sezione dedicata al pianeta terra, “Earth”, dove c’è un enorme planisfero rotante che devo dire ci ha attratto come il richiamo delle sirene… Finalmente siamo riusciti a spiegare per bene a Memi dove viviamo noi, dove stanno i nonni, dove si trova l’India (il viaggio ad oggi che lui preferisce) e dove andremo per la nostra prossima avventura.

Dinosauri in olanda - mondo

Da lì siamo poi tornati agli animali, che pianeti e rocce son belli, ma vuoi mettere il fascino delle bestioline su un quasi quattrenne? Quindi daje di giochi e giochini: Memi si è trasformato in ape ed è andato a succhiare polline in giro, per poi passare dall’essere quello che mangia a quello che dà da mangiare nell’area “Earth inside”.

Dinosauri in olanda - ape

Nella sala sono presenti tutta una serie di animali del bosco robotizzati (uccelli, insetti, chinghialetti), che non aspettano altro che essere sfamati dai bambini. A disposizione ci sono diversi cestini pieni di bacche, frutta, semi, funghi e pure qualche sassolino (tutti finti) che i bambini devono selezionare e offrire all’animale che secondo loro potrebbe essere felice di papparseli. Se si avvicina il cibo giusto all’animale, questo apre la bocca e se lo mangia; se invece si tenta di rifilare un fungo ad una coccinella – giusto per fare un esempio – quella tiene le ganasce ben serrate e scuote il capo.

Dinosauri in olanda - pupazzi

Dinosauri in Olanda: altre informazioni utili sul Naturalis

Sempre in tema di cibo, all’interno del museo c’è modo anche per i visitatori di sfamarsi! Si può scegliere tra il ristorante, la caffetteria oppure – come abbiamo fatto noi – ci si può portare il cibo da casa e mangiare sulle panchine posizionate nelle vicinanze del bar.

All’ingresso – o all’uscita, a seconda di quando i vostri figli si butteranno per terra perchè non possono vivere un altro giorno senza aver comprato un uovo di dinosauro – c’è anche uno shop con un bel po’ di gadget a tema.

Sempre all’ingresso, è possibile lasciare borse e giacche o in armadietti con lucchetto oppure semplicemente appesi ad una enorme fila di attaccapanni.

Tutte le aree sono inoltre facilmente accessibili con passeggini e carrozine grazie ai molteplici ascensori.

Ultimo ma non ultimo, come arrivare a Naturalis?

Dinosauri in olanda-indicazioni

Da Amsterdam è davvero semplicissimo: prendete il treno direzione Deh Haag (L’Aja) e scendete a Leiden Central (circa 20 minuti di viaggio). Una volta in stazione, prendete l’uscita secondaria (non quella che porta al piazzale dei bus, per intendersi) e da lì seguite le indicazioni, ovvero gli scarabei disegnati per terra e le frecce sulle paline. In meno di 10 minuti a piedi sarete arrivati. Organizzazione nordica, non vi potete sbagliare.

Per tutte le informazioni aggiornate, gli orari e i costi, visitate il sito > Naturalis Biodiversity Center.

Dinosauri in olanda-dinosauri

Ricordate che ad ottobre 2016 il museo chiuderà per un paio di anni per ristrutturazione, ma rimarrà comunque aperta l’esposizione dei dinosauri.

Michela
{testi e fotografie di Michela Toffali}

 

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

Dai un’occhiata anche qui:

  1. Olanda con bambini: tutti i nostri articoli
  2. Sculture di Lego: la mostra di Nathan Sawaya a Londra
  3. Il Muse di Trento: un intero museo a misura di bambino!
  4. Mostra dinosauri a Milano: lo Spinosauro a Palazzo Dugnani

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

L'autrice: *Michela*

*Michela*

Mamma di Meltemi, baby-giramondo classe 2011. Sono una vera e propria travel-addicted: appena torno da un viaggio non vedo l'ora di iniziare a pianificare il successivo... e ho già in mente destinazioni per i prossimi 10 anni! L'arrivo di Memi non ha fatto altro che accrescere questa passione: io e mio marito Luca vogliamo regalargli il globo intero! Il piccoletto a 3 mesi era già in possesso di passaporto e valigia personale, pronto per il primo di una lunga serie di voli. Ora siamo partiti per un viaggio davvero unico con biglietto aereo è one-way: da gennaio 2014 viviamo ad Amsterdam. La prima di una futura serie di case in giro per il mondo ;-)

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *