Quanto costa un biglietto per Disneyworld Orlando?

Alla ricerca di un biglietto last minute per i parchi divertimento americani? Scordatevelo! Disney ha annunciato ufficialmente l’era dei prezzi dinamici. Ce li spiega Luca Liboa, il nostro esperto di parchi tematici.

Acquistare un biglietto per i parchi di divertimento (Disney in USA, e in Italia…) assomiglierà sempre più all’acquisto di un biglietto aereo: “chi prima arriva meglio alloggia”; prima compri-meno paghi.

La domanda rimbalza sulla rete dal 4 Ottobre dopo l’annuncio (niente meno che sul Wall Street Journal) da parte di Disney dell’introduzione dei cosiddetti “prezzi dinamici” per acquistare i biglietti per i famosi Parchi di divertimento in Florida ed in California.

Disneyworld Orlando con bambini-autostrada

Quanto costa un biglietto per Disneyworld? Vi presento i prezzi dinamici

Cosa sono i prezzi variabili, e come funzionano? Questo meccanismo, che nel settore del divertimento sembra una rivoluzione (e per alcuni addirittura un azzardo), in realtà è assolutamente familiare a quasi tutti noi da almeno un decennio.

Ryanair -come tutte le compagnie aeree- costituisce forse l’esempio più immediato di prezzi dinamici: semplificando siamo consapevoli che acquistando i biglietti in anticipo pagheremo meno di quanto dovremmo fare all’ultimo momento.

Il prezzo di una camera di hotel, sia attraverso portali come Booking.com che direttamente tramite le strutture, funziona in modo analogo: la quotazione varia in base al riempimento camere, in base alle festività, ai “ponti”, ai grandi eventi.

Disney ha intenzione di introdurre negli Stati Uniti lo stesso criterio, per vari motivi: innanzitutto per riuscire a gestire l’enorme flusso di visitatori che, talvolta inaspettatamente persino per un colosso come Disney, si riversa alle entrate.

Disneyworld Orlando con bambini-castello
In alcune occasioni i Resort sono stati addirittura costretti a chiudere i cancelli, con un evidente danno di immagine dovuto alla delusione dei bambini e alla frustrazione dei genitori, arrivati appositamente con aspettative molto alte da mesi.

Si aggiunge una motivazione economica: le persone rimaste fuori dai cancelli costituiscono una “mancata entrata”, da qui l’idea di aumentare il prezzo del biglietto man mano che le prevendite prima, e gli ingressi poi, “saturano” i Parchi.

Quindi Disney “brutta e cattiva, mi fai pagare un prezzo più alto proprio nei momenti di picco”, come ho letto su qualche blog americano? Non è affatto così, perché il sistema prevede di premiare chi acquista in anticipo (il funzionamento non è stato ancora svelato).

Disneyland Tokyo con bambini-attrazioni
Questa è una ottima notizia per chi è abituato a prenotare con mesi di anticipo i voli per permettersi viaggi altrimenti da sogno, ed è una “dritta” utile per i lettori di Bimbi e Viaggi: quanto prima prenoterete tanto meno pagherete. Non male!

E in Italia?

Da noi, come nel resto d’Europa, le cose vanno a rilento, tutto è abbastanza tradizionale, eccetto per LEOLANDIA, il bel parco a metà strada tra Milano e Bergamo, famoso in passato come Minitalia, oggi rinomato anche per la casa di Peppa Pig.

Nel 2013 Leolandia ha introdotto i prezzi variabili per l’acquisto di un biglietto a data fissa: come riporta il sito web “Ogni data ha un prezzo di partenza che può variare da un minimo di € 13,50 a un massimo di € 29,50, a seconda della data selezionata e dell’affluenza prevista.”

Leolandia con bambini-peppa pig
Sempre dal sito “In alternativa ai biglietti a data fissa trovi anche quelli a data libera ma che costano di più! L’intero a data libero acquistato on line costa € 31,50. Il biglietto intero a data libera acquistato in biglietteria  costa € 33,50.

Semplice e conveniente.

“Ma se quel giorno piove? Io all’ultimo vedo il meteo e decido…” Già, per poi ritrovarsi tutti teneramente imbottigliati in autostrada. Ma non solo: nel caso piova per più di 3 ore Leolandia dà un biglietto omaggio per tornare in un’altra data.

In attesa di sapere i dettagli Disney, il consiglio è di prenotare per tempo e godersi camere d’albergo, voli, skipass, parchi di divertimento, “sottocosto”.

 

Luca Liboa
{Testi di Luca Liboa, da 15 anni esperto di parchi tematici, consulente nel settore entertainment per theme parks italiani ed europe}

(La foto di copertina è tratta dall’ originale di Chad Sparkes con licenza Creative Commons}

 

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

Ti piacciono i Parchi divertimento?

  1. Allora dai un’occhiata alla sezione dedicata > Articoli sui Parchi divertimento
  2. Il mondo di Peppa Pig: bimbi felici a Leolandia
  3. Disneyworld Orlando
  4. Disneyworld Paris

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *