Cuba per bambini: consigli pratici per organizzare il viaggio

Mamma Michela, new entry della nostra community, è stata a Cuba con la sua bimba di 2 anni! Ecco tutti i suoi consigli per organizzare al meglio un meraviglioso viaggio on the road tra case particular e contatti ravvicinati con la popolazione locale…

Ad inizio anno solitamente comincio a chiedermi dove passare le Vacanze in giugno… è più forte di me. Cominciare a fantasticare, e dare una qualsiasi forma alla vacanza mi aiuta a liberare un po’ per volta la mente, così da mandarla già a rilassarsi in qualche luogo, quando serve!

Cuba in famiglia: una scelta “combattuta”

E’ marzo 2015, la piccola a giugno farà 2 anni, quindi quest’anno sento che possiamo osare. La scorsa
estate abbiamo fatto due settimane alle Canarie, tra Tenerife e Lanzarote… non male, ma per la nostra idea di Vacanza era tutto troppo lineare, diciamo così, tranquillo.
Scorro i post su Facebook e trovo un articolo sulla pagina di Bimbi e Viaggi “Cuba con bambini?
Assolutamente sì! Ecco perché…” e mi incuriosisco.

Ammetto che mai e poi mai avrei pensato a Cuba come la nostra possibile meta… ma più leggo più ne vorrei sapere, cerco i voli, mi convinco, so che entro l’anno a Cuba la storia cambierà e la voglio vedere così come la immagino, chiusa in se stessa…

Ne discutiamo un po’ in famiglia, mi documento, sono scettica, lo ammetto, e lo resterò finché -a viaggio iniziato- non lasceremo L’Habana, che il mio compagno crede sia pericolosa e poco sicura, queste convinzioni date un po’ dal sentito dire, dal passaparola. Prenotiamo ugualmente il volo e un po’ per volta disegniamo il nostro possibile itinerario lungo 16gg.

Quando ci chiedevano dove avremmo passato le vacanze e la risposta era Cuba la domanda era sempre “ma con la bambina???” Mi sono resa conto che lo scetticismo era comune!
Siamo viaggiatori piuttosto autonomi, non organizziamo mai troppo, ci piace vivere l’avventura giorno per giorno, decidere dove stiamo bene e dove no, e sono convinta che la bimba possa adattarsi al nostro ritmo il prima possibile, e so che non avrà problemi.

viaggio a cuba con bambini - cuba per bambini -murales
Cuba per bambini: visto, tasse e preparativi

Per Cuba serve il VISTO, ci sono molte agenzie viaggi che lo fanno on line; io ho chiesto un paio di preventivi e ho scelto la più economica, ho preferito quelle che non chiedevano l’invio del passaporto, ho compilato i nostri dati in un form on line. Se non ricordo male avevamo speso sulle 100€ per tutti e tre. Il visto serve e lo chiedono, quindi non dimenticatelo.

Per saperne di più sul visto, presto arriverà un articolo di Michela Toffali!

All’uscita da Cuba ci potrebbe essere una tassa da pagare, dico potrebbe perché noi avevamo tenuto i soldi per pagarla ma non ce l’hanno chiesta.

Già detto e ridetto, ma le medicine vanno portate, tutte quelle immaginabili, la nostra pediatra mi aveva imbottita! E l’assicurazione medica va sempre fatta (attenzione perchè non tutte le assicurazioni coprono Cuba, quindi informatevi bene!).

Per saperne di più:

Per i bambini servono:

  • pannolini
  • latte in polvere
  • in generale, tutto quello di cui necessitano portatelo dall’Italia;
  • sugo e pasta; nelle case noi siamo riusciti anche a cucinare la pasta per la piccola, fatelo voi che loro non hanno idea di come fare, ma vedrete il loro entusiasmo nella scoperta!

Avete vestiti, soprattutto dei bambini, che non usate più, scarpe, giochi che non vi occupano troppo in valigia? Portateli e regalateli, all’Habana, a Trinidad, ovunque, vedrete i bambini e le loro mamma per strada, se non chiedono, offrite, non si offendono, vi diranno si e grazie, perché ne hanno bisogno.
Io avevo anche penne, colori, block-notes, super apprezzati. Anzi a saperlo portavo cose in più!

cuba per bambini -giochi

Come organizzare un viaggio a Cuba per bambini?

Il volo

Venezia-Parigi, Parigi-Habana con AirFrance. Per la prima volta prenoto direttamente sul sito della compagnia aerea, che rispetto agli intermediari costa poco di più ma offre un servizio migliore e sicuro. Melissa dorme quasi tutto il volo (10 ore) distesa nel suo posto, e tutto fila liscio.

Spostamenti interni

Confesso che il nostro più grande dubbio è stato, fino a poche ore prima della partenza, il noleggio dell’auto. Abbiamo trovato pareri discordanti: chi diceva assolutamente no!, chi invece non aveva avuto problemi di sorta.
Con la piccola e la mole di cose che avevamo dietro, e per nostra abitudine, avremmo noleggiato, ma alla fine ancora in dubbio non abbiamo dato l’ok alla prenotazione dall’Italia, convinti che in caso avremmo trovato là. ASSOLUTAMENTE NO!!

Se volete noleggiare un’auto dovete considerare un po’ di cose:

  • non ci sono molte indicazioni stradali e le strade sono in pessime condizioni;
  • la macchina va controllata anche quando andate semplicemente in spiaggia, quindi o la tenete a vista o pagate qualcuno per farlo;
  • i seggiolini per i bambini sono molto molto optional;
  • noleggiare l’auto direttamente in loco ti fa spendere il triplo, se va bene, quindi va assolutamente prenotata prima!

Potete tuttavia, se i bambini sono grandi, pensare allo spostamento in Viazul, i loro autobus, forse non precisi e in orario ma comodi (noi con valigie e passeggino l’abbiamo scartato), che però vi obbliga a prendere i taxi per raggiungere poi le mete di interesse.

Oppure potete optare per i taxi condivisi, facendo solo attenzione che siano “certificati”, perché altrimenti potreste avere problemi se vi fermano.

Noi ci siamo ritrovati il giorno in cui dovevamo partire dall’Habana verso Vinales in “braghe di tela”, perché abbiamo capito che noleggiare l’auto era diventato costosissimo e il ragazzo del bicitaxi che ci aveva indicato un suo amico per il trasporto, diciamo non aveva ben capito le nostre esigenze (in macchina non entrava nemmeno la valigia).

Questa situazione ci ha dato le nostre prime certezze cubane: da un lato c’è qualcuno che cerca di guadagnare in qualsiasi modo, specie sui turisti, dall’altro  a Cuba c’è sempre un’alternativa!

La proprietaria della casa in cui alloggiavamo ha contattato l’agenzia Case Cubane, abbiamo concordato il prezzo (ci costava come noleggiare l’auto dall’Italia, sulle 60€ al giorno) e poco tempo dopo avevamo un Driver a disposizione, lui si sarebbe occupato del suo vitto e alloggio, noi avremmo pagato la benzina.
La scelta migliore che abbiamo fatto: Michel, il nostro Driver, si è rivelato più che prezioso. Da Vinales in poi con lui abbiamo fatto l’itinerario giorno per giorno, ci ha consigliato, ci ha sempre trovato le Case Particular, non abbiamo mai sbagliato strada, ci ha raccontato la sua Cuba, ci ha persino ospitati nella sua casa: insomma abbiamo trovato un amico!

E ricordate, i cubani sono gente solare ed ospitale, ma entrare con uno di loro anche nelle case particular, ci ha permesso di vivere quella Cuba che da turista non sempre puoi conoscere, fatta di chiacchere sotto al portico di casa, sulle sedie a dondolo, di storie di vita, di un mondo così diverso dal nostro che va toccato con mano per comprenderlo almeno un po’.

cuba per bambini -bancomat

Alloggi a Cuba con bambini

Abbiamo alloggiato solo in case particular: i prezzi sono standard (dalle 25€ alle 35€ a camera), ce ne sono alcune solo per turisti e altre per turisti e cubani, la scelta sta a voi. Sono comunque case accoglienti e comode e i cubani sono ospitali.
Non tutte hanno l’aria condizionata, quindi se ne avete bisogno chiedete.
Alcune fanno anche la cena oltre alla colazione, con cucina casalinga: noi ne siamo rimasti sempre soddisfatti.

A Varadero conviene scegliere uno dei tanti resort (il nostro era il Blau Marina) e optare per l’all inclusive: avrete l’imbarazzo della scelta.

Abbiamo prenotato dall’Italia solo la prima e la seconda casa sul sito CASE CUBANE, che offre anche il servizio taxi dall’aeroporto quando arrivate, e il resort. Le altre case le abbiamo scelte tramite il nostro autista Cubano Michel.

Denaro

Non portatene tanto, ma considerate che la vostra carta di credito servirà a poco, specie se alloggerete nelle case, e che la Cadeca, la cassa di cambio (potete prelevare con la carta), è rara e preziosa: se ne vedete una prelevate!!

.

Curiosi di conoscere il nostro itinerario di viaggio?
Ve lo racconto fra qualche giorno!

.

Michela
{ Testi e foto di Michela Bressaglia }
{ Foto copertina di Anna Jedynak via Shutterstock }

.

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

.

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

.

Potrebbero interessarti anche:

  1. Cuba fai da te: consigli per il visto e l’assicurazione sanitaria
  2. Cuba con bambini? Assolutamente sì! Ecco perchè…
  3. Dormire e mangiare a Cuba con bambini: i consigli di mamma Cristina
  4. Spostamenti a Cuba con bambini: i trasporti sull’isola

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

  • Pingback: Cosa vedere a Cuba con bambini: itinerario di 2 settimane

  • Reply STEFANIA

    HAI IL NUMERO DI MIGUEL SAI COME POSSO CONTATTARLO

    • Reply ELISA CAMUSSO

      si anche a noi interessa il numero di miguel… andremo a cuba la prossima estate con Enrico di 16 mesi e ci porteremo il seggiolino da casa!

  • Reply Giovanna

    Ciao anche a noi potrebbe interessare il numero dell’autista… siamo con bimbo di 4 anni e una di 2, le macchine con cinture dietro esistono?
    Qual è stato il costo dell’auto con autista? Per capire quanto contrattare nel cercarlo una volta là.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *