Mar Rosso in formula weekend? Yes we can!

Ecco un nuovo racconto di Michela, che ha appena trascorso una vacanza last minute a Sharm El Sheik e ci dà qualche consiglio per goderci il Mar Rosso con bambino in formula weekend!

Cosa fare se nel bel mezzo di agosto ti ritrovi con una impellente necessità di vacanza ma le tue ferie sono previste per il mese di novembre? C’è solo una cosa che ti può salvare: approfittare del ponte di Ferragosto per organizzare un lungo weekend (non previsto né pianificato) di relax. Destinazione? Sharm El Sheik!

ENGLISH VERSION

Si, avete letto bene, abbiamo sperimentato il Mar Rosso in formula weekend e vi posso dire che è un’esperienza assolutamente fattibile, pure se si parte con uno gnometto di 20 mesi!

Il pacchetto prevedeva 4 giorni/3 notti all inclusive al Domina Coral Bay Elisir, uno dei tanti hotel inseriti all’interno del complesso Domina.Mar Rosso con bambino

Orari dei voli ottimizzati per permettere di godere a pieno dei pochi giorni a disposizione: siamo partiti mercoledì mattina ora 8.00 da Bergamo Orio al Serio e siamo atterrati a Sharm alle 12.10 circa… alle 15.00 eravamo già con in costume e spalmati di crema, e ci siamo spaparanzati in spiaggia tutto il pomeriggio! Considerando che il giorno prima eravamo al lavoro e con un colorito tendente al grigiastro, beh, 4 ore di volo non sono poi uno sforzo così grande da affrontare no?
Perfetti anche gli orari del rientro: volo in partenza sabato sera alle 22.00, arrivo a Bergamo alle 2 di notte… Certo, un po’ uno sbattimento, ma almeno anche l’ultima giornata l’abbiamo sfruttata al 100%.

Se si viaggia con un piccoletto e non si vogliono fare grandi escursioni, devo dire che anche 4 giorni possono essere sufficienti per ricaricare le pile e fare una full immersion di sole&mare: il volo non è poi così lungo, il fuso orario è come quello in Italia (in realtà all’interno del Domina c’è un fuso +1h per assicurarsi più ore di luce) e la sistemazione in villaggio permette di spostarsi in pochi minuti dalla camera, alla spiaggia, al ristorante. Minimo sforzo, massima resa!Mar Rosso con bambinoMar Rosso con bambino

Le nostre 4 giornate hanno seguito uno schema pressoché identico, che si è ripetuto in loop per tutta la durata della vacanza: spiaggia + spiaggia + spiaggia! Memi ha trascorso intere ore in acqua e ha avuto modo di vedere tantissimi pesci che nuotavano a pochi metri dalla riva. Il punto mare si è rivelato perfetto per uno gnometto desideroso di sperimentare le sue capacità natatorie: pochi sassi, acqua calda e digradante, reef sufficientemente lontano per non essere fonte di ansia per noi, che abbiamo trascorso il 99% del tempo sdraiati sul bagnasciuga supervisionando il nanerottolo e preoccupandoci di ottenere un’abbronzatura dignitosa in tempi record (e quando il piccolo faceva la nanna nel suo passeggino sotto l’ombrellone, noi abbiamo consumato le mitiche sdraio acquatiche).Mar Rosso con bambino

Problemi zero anche per il cibo: devo ammettere che noi siamo piuttosto fortunati perché abbiamo un bambino che mangia di tutto (inclusi cibi speziati & Co.) ma i grandi classici tipo pasta al pomodoro, patatine fritte e pizza erano sempre disponibili e tutti i bimbi presenti mangiavano di gusto. Giusto per essere precisi: la pasta era precotta e ovviamente tutti i cibi italiani non erano proprio una prelibatezza ma ho visto piccoli fare molte meno storie degli adulti!Mar Rosso con bambino

Riassumendo: viaggi medio raggio con under2 per un solo weekend?
Si può fare… prenotate e divertitevi!

Mar Rosso con bambino in formula weekend: qualche consiglio pratico
  • Infilate in valigia un brick di latte a lunga conservazione: non lo abbiamo usato perché il ristorante ci riforniva di latte a tutte le ore, ma sempre meglio averlo con sé se il vostro gnometto è abituato a spuntini notturni
  • Recuperate delle mini scarpette da scoglio per piccoli piedi: spesso le spiagge sono fatte di sabbia mista a sassolini e i bimbi piccoli possono avere alcune difficoltà a camminarci agevolmente. Noi avevamo solo un paio di ciabattine tipo crocs che Memi non si è mai voluto togliere, ma non erano proprio il massimo della vita perché i sassolini ci entravano dentro
  • Acquistate una t-shirt acchiappa raggi UV: si trova tranquillamente nei negozi di articoli sportivi e vi permette di lasciare il pupo in ammollo per ore senza grossi patemi e ansie da scottatura. Di solito partono dalla taglia 3-4 anni ma non vi fate scoraggiare: sono così strette che possono andare bene anche a piccoli di 18-24 mesi
  • Partite sereni e godetevi la vacanza… ll tempo che si può passare in famiglia è un bene prezioso, non vi fate rovinare le ferie dalle paure da genitori in trasferta 😉

Mar Rosso con bambino

Michela
[testi e fotografie di michela toffali del blog una valigia per tre]

 

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

 

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

 

Dai un’occhiata anche qui:

 

 

 

L'autrice: *Michela*

*Michela*

Mamma di Meltemi, baby-giramondo classe 2011. Sono una vera e propria travel-addicted: appena torno da un viaggio non vedo l'ora di iniziare a pianificare il successivo... e ho già in mente destinazioni per i prossimi 10 anni! L'arrivo di Memi non ha fatto altro che accrescere questa passione: io e mio marito Luca vogliamo regalargli il globo intero! Il piccoletto a 3 mesi era già in possesso di passaporto e valigia personale, pronto per il primo di una lunga serie di voli. Ora siamo partiti per un viaggio davvero unico con biglietto aereo è one-way: da gennaio 2014 viviamo ad Amsterdam. La prima di una futura serie di case in giro per il mondo ;-)

Commenti

  • Reply Una Valigia per Tre

    Grazie Milly 🙂 è sempre un piacere scrivere per la community di Bimbi e Viaggi!

    • Reply *Milly*

      E per me è un onore poterti annoverare tra i membri della nostra community! Grazie a te! 😀

  • Reply Vale@beroad

    Ciao! Non avevo mai pensato al Mar Rosso solo per un weekend 🙂 Ma ad Agosto non avete sofferto il caldo?

    • Reply Michela

      Ciao! Allora, caldo era caldo ovviamente, ma secco e molto ventilato, quindi ti devo dire che non abbiamo sofferto troppo le alte temperature. Oltre al fatto che eravamo praticamente sempre in acqua 🙂

  • Reply fabi

    Ciao. Avrei intenzione di partire con la mia piccola di 2 anni e vorrei sapere se hai fatto al tuo piccolo una cura antibiotica intestinale o in generale, sapere come ti sei regolata.
    Grazie mille.

    • Reply * Milly Marchioni *

      Ciao fabi, io ti consiglio solo una prevenzione con fermenti lattici. Fatti consigliare dalla pediatra quelli più adatti in base all’età

    • Reply Michela Toffali

      Io sinceramente gli avevo dato solo fermenti lattici, e mi ero portata dietro qualcosa per la dissenteria, in caso di emergenza. In questo tipo di strutture di solito non ci sono problemi, sono complessi cosi grandi e occidentalizzati che i rischi sono davvero minimi. Comunque senti il pediatra 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *