Aeroporti baby friendly: Newark, Turchia, Austria, Germania

[Aeroporti BABY FRIENDLY] Oggi è ancora Enrica a raccontarci le sue esperienze negli aeroporti in giro per il mondo, dall’Austria agli Stati Uniti.

Ho già pubblicato le mie recensioni degli aeroporti di Londra e Roma in questo post > Aeroporti baby friendly: tutti gli scali di Roma e Londra.

Oggi invece vi racconto alcuni degli aeroporti visitati in giro per il mondo…

Aeroporti baby friendly in USA: Newark

A me Newark non dispiace. Il Terminal C (da cui partono e arrivano i voli intercontinentali) è un buon terminal senza particolari pretese.

Fasciatoi capienti sia nel bagno degli uomini che in quello delle donne, tanti ristoranti family friendly, non mi sembra di aver visto aree giochi (Martina era troppo piccola per usufruirne), ma c’è un parrucchiere/spa che secondo me è una genialata dovendo aspettare 3 ore in aeroporto.

I taxi ti accompagnano davanti all’entrata. All’interno dell’aeroporto c’è anche un servizio medico. La connessione wifi è gratuita e gli hubs aperti.

Voto 4/5

Aeroporti baby friendly-martina

 

Aeroporti baby friendly in Turchia: Ataturk

Non male. La disposizione dei terminal e dei parcheggi ricorda molto Fiumicino. I taxi devono aspettare nell’area di sosta breve.

Fasciatoi nell’area bagno delle donne. Tenuto discretamente bene e pulito, tempi attesa bagagli medi, hubs aperti ma distanti dall’area negozi e ristoranti. C’è la connessione wifi libera e gratis.

Non ci sono aree giochi ma prima degli scanner c’è un’area per bambini con divanetti, seggioline e tavolinetti colorati, Martina non voleva venir via perché diceva che lei li era comoda.

Linea di scanner, in teoria, preferenziale per famiglie, in pratica, più congestionata delle altre perché utilizzata anche dal personale dell’aeroporto e dai piloti che hanno la precedenza.

La cosa più bella di Ataturk è che ci sono poltrone massaggio un po’ ovunque e un massaggio di 15 min costa soltanto 2 Euro. Io ne ho fatti 3!

Voto 3/5

Aeroporti baby friendly-ataturk

Aeroporti baby friendly in Austria: Vienna International Airport

Piccolo ma efficiente come tutto in Austria.

Fasciatoi in entrambi i bagni, non ci sono né l’area giochi né la connessione wifi libera, ma un paio di buoni ristoranti che servono un’ altrettanta buona Sacher. Per Martina quasi meglio dell’area giochi!

Hubs aperti, parcheggi all’entrata e all’uscita e treno comodo per il centro città.

Negozi praticamente inesistenti come anche i tempi di attesa sia del check in (linea privilegiata famiglie) e della consegna bagagli.

Voto 3.5/5

Aeroporti baby friendly in Germania: Francoforte

Martina era troppo piccola quindi non ne abbiamo usufruito ma si narra di un’area giochi molto bella, come ha già raccontato Francesca in questo post: Aeroporti baby friendly: quali ci piacciono e quali no?

Hubs aperti, buoni negozi, bei ristoranti family friendly, poltrone comode nell’area scali, wifi libera.

A chi interessa, camerette chiuse con vetri per fumatori all’interno dell’area scali.

Tempi spostamento brevi. Tutto perfetto. Niente da aggiungere.

Voto 5/5

Con questo termino la rassegna dei miei aeroporti baby friendly preferiti, ma termino il mio articolo con una speciale menzione alla stazione Eurostar di St. Pancreas.

Sì, lo so che non è un aeroporto ma se potessi io viaggerei soltanto in Eurostar partendo da St. Pancreas!

Architettonicamente parlando la stazione è un capolavoro in legno, vetro e acciaio, è nuova e curatissima. All’interno ci sono negozi, caffè e ristoranti disposti su due piani. E’ al centro di Londra e vi arrivano 4 linee di metropolitana.

Aeroporti baby friendly-san pancras

I tempi di check in sono brevissimi ed è stata la prima stazione in Europa (al mondo?) ad introdurre la lettura biglietti da cellulare o tablet.

La connessione wifi è libera, le poltroncine di attesa comode.

Viaggiare in Eurostar è veloce, efficiente ed elegante come prendere un aereo ma non si debbono lasciare i bagagli, non ci sono restrizioni per i liquidi e non bisogna imbarcarsi 40 minuti prima della partenza.

All’interno della stazione non ci sono aeree giochi ma non servono perché non ci sono tempi di attesa, i fasciatoi e le aree famiglia sono moderne e funzionali.

Se poi tutto ciò non bastasse, dalla adiacente King Cross, al binario 9 ¾, parte il treno per Hogwart quindi se all’ultimo minuto ci fossero ripensamenti nell’attraversare la manica sotto terra, si può sempre volare li! 😉

Voto 5/5

Alla prossima avventura!

 

Enrica
(testi e fotografie di Enrica Ippoliti,
(la foto di copertina è tratta dall’ originale di JamesZ_Flickr con Licenza Creative Commons)

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

 

Dai un’occhiata anche qui:

L'autrice: *Enrica*

*Enrica*

Mamma di Martina, classe 2010. I mei genitori avevano un camper ed all’età di 16 anni avevo gia visitato la maggior parte delle città italiane ed europee! Per questo mi sento parecchio cittadina europea di nome e anche di fatto. Ingegnera, romana di nascita, al momento vivo con mio marito e mia figlia a Londra, il trampolino del mondo. Un paio di valigette sotto il letto sono sempre pronte, il mondo e’ grande e meraviglioso e il piu’ bel regalo che sto tentando di fare a mia figlia è quello di fargliene conoscere un pezzettino alla volta!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *