Etihad Airways con bambini: la nostra esperienza

Quando si deve intraprendere un lungo viaggio con bambini, il primo pensiero è sempre quello del volo: quanto dura, a che ora parte, quanti scali, come gestiremo gli spostamenti, come faremo a stare tante ore in aereo…

La scelta della compagnia aerea non è mai un fattore da sottovalutare e lo dico per esperienza, perchè anch’io, fino a qualche anno fa, non vi prestavo attenzione. Finché un giorno ci siamo ritrovati su un charter per una meta intercontinentale che ci ha fatto seriamente riflettere sulla possibilità di non imbarcarci e ci siamo detti che una cosa del genere non sarebbe più dovuta accadere.

E’ chiaro che non si può sapere con certezza come andranno le cose, ma sulle compagnie aeree raramente “il sentito dire” sbaglia: la fama in genere se la costruiscono grazie a professionalità e serietà, che incidono direttamente sulla qualità dei nostri spostamenti.

Qualche tempo fa ho dedicato un articolo alle compagnie aeree che non amano i bambini, citando, come esempio positivo, la compagnia Etihad Airways, la compagnia aerea di bandiera degli Emirati Arabi Uniti (con sede ad Abu Dhabi).
Il caso ha voluto che, proprio in occasione del nostro recente viaggio alle Maldive, abbiamo potuto testare direttamente questa compagnia…

Come sarà andata?

Etihad Airways con bambini

Devo riconoscere che, dopo l’esperienza con quel volo charter cui accennavo, nonostante abbiamo quasi sempre optato per compagnie di linea, raramente ho pensato: “WOW questo sì che è stato un gran volo!”.
Atterrando ad Abu Dhabi prima e Malè poi, invece, questa volta ho potuto confermare che Etihad si merita decisamente la fama di cui gode, per diversi motivi…

Check in online

Etihad Airways con bambini: check in onlineSul sito della compagnia aerea, da 24 ore prima del volo è possibile effettuare il checkin online: non consente di scegliere i posti, ma all’aeroporto c’è la fila dedicata e si risparmia tantissimo tempo.

Imbarco prioritario

In tutti e 4 i voli in cui ci siamo imbarcati, abbiamo usufruito dell’imbarco prioritario, un servizio semplice ma indispensabile, soprattutto se si viaggia con bambini piccoli e la fila è sempre un problema da gestire.

Il servizio di Flying Nanny

Non abbiamo avuto occasione di testarlo perchè, essendo il volo notturno, abbiamo dormito tutto il tempo, ma all’imbarco da Milano la prima cosa che è stata annunciata al microfono è stata: “a bordo vi aspetta Nanny Tania”, con la quale i bambini avrebbero potuto fare giochi vari e passarsi il tempo durante il volo.

Gadget

Etihad Airways con bambini: gadgetQuesto effettivamente è un fattore secondario (soprattutto se si viaggia di notte e i giochini non servono): ma vedere la gioia dei bimbi che ricevono un bel regalino (in questo caso uno zaino con dentro diversi giochi da tavolo) è sempre un piacere per tutti.

Cartoni animati e giochi

Etihad Airways con bambini: giochi a bordoDavanti ad ogni sedile ovviamente c’era un monitor su cui era possibile vedere film, cartoni animati e fare giochi interattivi. Niente di nuovo, direte voi. Invece sì, perchè innanzitutto c’erano cartoni animati anche in italiano (raramente capita quando si vola con compagnie straniere, anche se partono dall’Italia). Inoltre i giochi interattivi erano tarati su diversi livelli di difficoltà in base all’età (ed erano anche molto educativi!)

Dispositivi elettronici

Etihad Airways con bambiniEstrema sorpresa nel constatare che presso ogni sedile erano disponibili una presa elettrica e una presa USB!! Smartphone, tablet…si poteva attaccare qualsiasi cosa!
Inoltre -a pagamento- sarebbe stato possibile connettersi alla linea wifi dell’aereo.

Pasti

Etihad Airways con bambini: pasti a bordoIo in aereo non ho mai mangiato bene. Da quando viaggio con Amanda mi sono resa conto che i child meal sono decisamente migliori dei pasti standard, non fosse altro che per la semplicità dei piatti che contengono (perché mi devi preparare un pollo al curry su insalatina di nonsisacosa, quando con cotoletta e patatine tu risparmieresti fatica e io mangerei molto meglio?). Sui voli Etihad, poi, vengono presentati in modo molto accattivante, da invogliare anche il bimbo più pigro.

Maggiori dettagli sui servizi a bordo sono a questo link: Fun Onboard

Aeroporto di Abu Dhabi

Etihad Airways con bambini: l'aeroporto di Abu DhabiGrande attenzione per i piccoli viaggiatori anche presso l’aeroporto di Abu Dhabi:

  • in diversi punti dell’aeroporto sono disponibili passeggini che si possono utilizzare gratuitamente
  • oltre al playground nell’area lounge della business class, è presente un piccolo parco giochi gratuito presso l’area d’imbarco 32 del terminal 3, da cui partono i voli intercontinentali

Alcuni dettagli sui servizi presso l’aeroporto sono a questo link: Travelling with babies and children

Insomma, il servizio a bordo dei voli Etihad è stato decisamente baby friendly per tanti motivi, ma soprattutto per uno in particolare, che può sembrare banale e scontato ma di fatto non lo è (e sfido chiunque a sostenere il contrario!): i sorrisi! Tutto il personale incontrato, a terra e in volo, è stato sempre gentile, cordiale, sorridente e disponibile, come mai ci era capitato prima.

Io mi rendo conto che spesso non si possa investire economicamente in servizi particolari, ma questo servizio costerebbe poco e sarebbe sicuramente apprezzato da tutti i bambini viaggianti, dai loro genitori e -ne sono certa- anche dagli altri passeggeri! 😉

Etihad Airways con bambini

Milly Marchioni
[testi e fotografie di milena marchioni]

Potrebbero interessarti anche:

Compagnie aeree che non amano i bambini

Come siamo sopravvissuti a 18 ore di viaggio (e 6 di fuso orario)

Il primo volo di Sofia: ce lo racconta mamma Raffaella

Maldive fai da te: come organizzare un viaggio in guest house

L'autrice: * Milly Marchioni *

Mamma di Amanda, classe 2007. Viaggiatrice indipendente, adoro il mare e le isole tropicali ma anche la montagna e in generale i viaggi a contatto con la natura...passando per le città, i piccoli borghi, i castelli, le sagre di paese... Scoprire il mondo con gli occhi di mia figlia mi sta aiutando a crescere come viaggiatrice ma soprattutto come persona.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *