Abu Dhabi in famiglia: la meta perfetta per fuggire dall’inverno

Abu Dhabi è la destinazione ideale se cercate una meta non troppo distante per fuggire dal rigore invernale. Parola di mamma Francesca, che ci racconta tutto quello che si può fare in città con i bambini, tra mare e divertimenti.

 

Siamo stati così contenti dell’esperienza a Dubai, che abbiamo deciso di tornare negli Emirati Arabi l’anno successivo per dedicarci alla scoperta della seconda meta più gettonata da quelle parti: Abu Dhabi!

Dicembre secondo noi è il periodo ideale: caldo a sufficienza per stare in spiaggia e per visitare la città senza soffrire le temperature del deserto e… volete mettere il fascino di vedere alberi di Natale in mezzo alle palme e con un paio di infradito ai piedi?!

Ci siamo fermati 5 giorni, secondo noi più che sufficienti per visitare la città e concedersi una breve fuga nel deserto. A differenza di Dubai, infatti, Abu Dhabi è meno turistica e più concentrata su industria e servizi, quindi le attrazioni e i siti più importanti si visitano abbastanza velocemente.

I nostri bambini, al momento del viaggio, avevano 6 e 4 anni e mezzo e se la sono goduta tantissimo! Come al solito, infatti, abbiamo alternato momenti per noi genitori e momenti per i più piccoli (in cui ovviamente anche noi ci siamo divertiti tantissimo!). La città è sicura, i trasporti facili, parlano tutti benissimo inglese, le strutture sanitarie sono eccellenti.

Abu Dhabi è una meta adatta a tutti! E’ forse un po’ più “islamica” di Dubai, ma non abbiamo dovuto osservare nessuna limitazione se non, giustamente, nella moschea – quindi via libera a bikini in spiaggia e pantaloncini corti senza particolari problemi.

Abu Dhabi in famiglia: voli e alloggio

Abbiamo volato con Etihad, preferendola ad altre compagnie in quanto collega direttamente Milano ad Abu Dhabi. La compagnia è molto buona, leggermente inferiore ad Emirates in quanto a servizi per bambini, ma decisamente meglio di tutte le grosse compagnie europee ed americane, secondo noi. A bordo è presente la “nanny” che se serve gioca un po’ con i bambini e ci sono ovviamente pranzi e merende dedicate.

Per l’alloggio abbiamo scelto il Radisson Blu Yas Island, un business hotel vicino all’aeroporto sull’isola di Yas. Qui si trovano il circuito di Formula 1, il Ferrari World, un grandissimo parco acquatico e soprattutto alcune fra le migliori spiagge della città. Camera quadrupla, colazione continentale e una bellissima piscina per rilassarsi fra una visita e l’altra.

 

Relax ad Abu Dhabi

Il primo giorno, siccome avevamo proprio voglia di caldo, sole e dolce far niente, abbiamo usufruito della spiaggia gratuita dell’hotel, collegata con servizio navetta: sabbia bianca, mare turchese, giochi per bambini a disposizione… ci voleva per staccare dopo i primi mesi di scuola e rientro al lavoro.

abu dhabi radisson yas island

Nel pomeriggio, appena calato il sole, siamo corsi a visitare il monumento decisamente più bello e suggestivo della città: la Moschea Sheikh Zayed. Non è antica (risale alla fine degli anni ’90), ma non per questo è priva di fascino.

Siamo arrivati al tramonto e rimasti a vederla illuminata, passeggiando per il cortile e visitando le aree di culto accessibili anche agli occidentali. La corte centrale, interamente in marmo decorato, è impressionante per grandezza e opulenza; le colonne sembrano palme dorate; gli specchi d’acqua e l’illuminazione creano giochi di luce e riflessi incantevoli. Il tutto in un silenzio suggestivo, rotto soltanto dal canto del muezzin. Anche i bambini erano impressionati e hanno visitato tutto il complesso in religioso silenzio.

Per non farci mancare nulla, siamo stati a cena a Yas Marina, sul circuito di Formula 1! La passeggiata lungo il porto è piacevole, piena di locali e ristoranti di tutti i tipi, prezzi e gusti. Quando ci siamo stati, c’erano anche auto che giravano nel circuito, per la gioia dei miei figli! In fondo alla passeggiata segnaliamo un bellissimo playground dove usare le ultime energie della giornata!

 

Abu Dhabi in famiglia:
Yas Waterworld e Ferrari World

Yas Waterworld è il più grande parco acquatico di Abu Dhabi – i numeri parlano da soli: 43 scivoli su un’area grande come 15 campi di calcio, con attrazioni adatte a tutte le età, anche per i bambini sotto i 110cm. Sono presenti tantissimi giochi, qui annoiarsi è impossibile. Piscine, scivoli, castelli, fiumi da percorrere in gommone… abbiamo anche provato a fare surf!

Siamo arrivati all’apertura e rimasti fino alle 15 circa, abbastanza per fare tutte le attrazioni adatte ai bambini e goderci il parco con calma.

yas waterworld con bambini

Ci sono tantissimi bar e ristoranti all’interno del parco: noi ci siamo accontentati di un gelato per non perdere tempo e stare il più possibile in acqua. Consigliatissime le zone dei castelli per i bambini, si divertono come matti, in mezzo a spruzzi, scivoli e passaggi di ogni tipo.

Nel pomeriggio ci siamo spostati al vicinissimo Ferrari World: se prendete il biglietto in anticipo per entrambi i parchi e li usate nello stesso giorno, ci sono sconti interessanti. E’ fattibile, dato che dopo 5/6 ore in acqua i bambini erano comunque stanchi. Il Ferrari World è aperto fino a tardi e si riesce a fare tutto con calma anche in mezza giornata.

quanto costa un viaggio abu dhabi ferrari world
Ferrari World, Abu Dhabi (foto del 2015)

Il Ferrari World di fatto è un parco tematico con attrazioni di ogni genere e grado, per adulti e bambini. Di nuovo, i miei figli hanno provato quasi tutto tranne gli ottovolanti per adulti, i più veloci del mondo. Di sicuro comunque il divertimento non manca: lezioni di guida su mini Ferrari, percorsi a bordo di Ferrari vintage (in una fantastica Italia in miniatura!), gonfiabili a tema, cinema 3D, simulatori.

Per i più grandicelli c’è anche un “percorso avventura” in cui arrampicarsi su una gru e lanciarsi nel vuoto! Siamo rimasti fino a sera, ripetuto le giostre più e più volte e poi ci siamo fermati all’interno del centro commerciale per cenare in un bellissimo ristorante libanese, affacciato sulle classiche fontane danzanti che ogni ora “si esibiscono” in uno spettacolo di luci e suoni.

 

Abu Dhabi in famiglia: l’escursione nel deserto

Il terzo giorno è stato secondo me il più bello in assoluto: lo abbiamo dedicato a un’escursione nel deserto per l’intera giornata! Ci siamo organizzati direttamente in hotel, dall’Italia non ero riuscita perché non avevo capito se fosse adatta anche ai bambini (in particolare al 4enne). Prenotando direttamente ad Abu Dhabi, abbiamo invece avuto modo di chiedere tutto quello su cui avevamo dubbi e ricevere spiegazioni. L’escursione è stata fattibile, anche se il piccolo è arrivato a sera abbastanza sconvolto; diciamo che dai 6 anni in su non ci sono problemi.

deserto di abu dhabi con bambini

Partiti dall’albergo, in un’ora di strada in Jeep con il nostro autista siamo arrivati ai margini del deserto. Da li, ci siamo addentrati nelle dune – dopo un inizio tranquillo, ci siamo fermati, l’autista ha sgonfiato le gomme e… via con il Dune Bashing! Il Dune Bashing consiste nel lanciarsi su e giù dalle dune con la Jeep a tutta velocità, derapare, sgommare, fare testacoda…. Il tutto dura circa un’ora, i bambini erano gasatissimi e urlavano dalla gioia, io confesso di avere avuto un po’ di nausea…

Immancabile la sosta in mezzo al deserto, che regala ogni volta una sensazione unica. Noi soli, in mezzo a questa distesa sconfinata di sabbia, con le dune e il vento, i bambini liberi di correre e rotolare, il cielo terso e azzurro sopra di noi… è indescrivibile e regala una sensazione di assoluta libertà, di essere piccoli in un mondo enorme e tutto da esplorare.

Dopo un altro percorso in Jeep, si arriva a un’oasi dove è possibile vedere mandrie di cammelli e farci un giro. Si riprende ancora la Jeep e si arriva finalmente in un campo tendato, dove si trascorre il resto del pomeriggio e viene poi preparata la cena. Nel campo tendato, ci sono laboratori per grandi e piccoli: abbiamo giocato con i falchi, disegnato con l’hennè, assistito a spettacoli di danza araba (ecco, forse questo punto un po’ troppo turistico per i nostri gusti) e provato lo snowboard sulle dune. Il pomeriggio è volato e abbiamo concluso la giornata con una bellissima cena sotto le stelle, con tanto di finale a luci spente per goderci il più possibile la notte nel deserto. Esperienza bellissima, straconsigliata, il deserto è sempre affascinante, avendolo fatto con i bambini porterò questa esperienza nel cuore!

Qualche informazione pratica:

  • la sera fa freddo – piumini e felpe con cappuccio sono d’obbligo per tutti!
  • Il percorso è impegnativo, se soffrite l’auto rinunciate. La parte nelle dune, fra una sosta e l’altra, è di oltre due ore all’andata e non è adatta a stomaci deboli.

Abu Dhabi in famiglia: La Corniche

L’ultima mattina l’abbiamo passata nella zona della Corniche. Siamo partiti con l’idea di visitare l’hotel più lussuoso degli Emirati, Emirates Palace, ma purtroppo ci siamo dovuti accontentare dei giardini esterni, dato che non eravamo vestiti sufficientemente eleganti per entrare nell’albergo!

Abbiamo ripiegato salendo in cima alle Ethiad Towers e gustandoci uno spuntino al caffè con vista panoramica superlativa.

La zona della Corniche ha tante spiagge private, una volta vista dall’alto non c’era niente di interessante da fare e ci siamo quindi spostati al carinissimo Emirates Heritage Village, la ricostruzione di come si viveva negli Emirati fino a qualche decennio fa.

Ci sono capanne, pozzi, ricostruzioni di antichi mestieri.. molto interessante sia per i grandi che per i piccoli! L’ingresso è gratuito e ci si trascorre tranquillamente un paio d’ore, a zonzo fra botteghe e laboratori di tutti i tipi di artigianato. La vista che dal villaggio si gode sulla città è notevole (vedi immagine di copertina).

Con questo panorama negli occhi, abbiamo salutato Abu Dhabi e ci siamo diretti all’aeroporto… anche questa volta gli Emirati non ci hanno deluso! Destinazione perfetta a medio raggio per interrompere l’inverno e passare qualche giorno al caldo, offrono divertimento, natura e tanta modernità in contesti sicuri e vivibilissimi con bambini!
Siamo già alla ricerca della nostra prossima meta nell’area!



Booking.com

Francesca

{testi e fotografie di Francesca Porta}
{foto di copertina da Shutterstock}

 

Dai un’occhiata anche qui:

Abu Dhabi con bambini: ultima tappa del viaggio di nozze in tre

Emirati Arabi con bambini: con tutta la famiglia ad Abu Dhabi

Emirati Aravi: tutti i nostri racconti di viaggio

 

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

Per altre informazioni sui viaggi con bambini, leggi la nostra guida: “Bimbi e Viaggi: la guida completa per viaggiare sereni con i bambini

Per saperne di più, clicca qui: Cos’è Bimbieviaggi Blog di Viaggi e Vacanze con bambini

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOK, INSTAGRAM, TWITTER e GOOGLE+

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *