Vacanza a Valencia tra mare e città: le tappe da fare con bambini

Tra antichi palazzi e mercati storici, passando per l’Orto Botanico e arrivando fino in spiaggia: una vacanza a Valencia con bambini è un’occasione unica per far divertire tutta la famiglia. Ecco il racconto di Serena, che ci è stata due volte con i bambini.

Dopo aver raccontato le tappe “animalesche” della nostra vacanza a Valencia (Valencia per bambini: a spasso tra leoni, elefanti e squali) oggi vi racconto cosa abbiamo visto in città, tra tanti tesori culturali e un mare che rende la città ancora più magica!

 

Vacanza a Valencia con bambini:
il centro storico, l’orto botanico e la spiaggia

Vale la pena di dedicare qualche ora a passeggiare nel centro storico per scoprire i tanti tesori di Valencia: la cattedrale, che una leggenda descrive come scrigno del Santo Graal; la Lonja della seta, luogo in cui si svolgevano anticamente le operazioni di contrattazione della pregiata stoffa ed oggi sito Unesco; le numerose chiese, gli eleganti palazzi, la stazione ferroviaria, imponente e riccamente ornata all’interno ed all’esterno; il bel palazzo del Comune; la Plaza de Toro, fino ad arrivare alla bellissima piazza del mercato, Mercado Central, costruita  in ferro battuto e vetrate colorate, secondo i dettami dello stile Liberty.

Vacanza a Valencia -cattedrale
Questo luogo  è il tempio del patrimonio gastronomico spagnolo:  frutta colorata e dal profumo invitante, spezie, pesce, riso, carni e prosciutti. Inutile dire che non abbiamo potuto fare a meno di rifocillarci a dovere e fare incetta di mille prelibatezze da portare a casa come gustosi souvenir.

Per smaltire qualche caloria e far sfogare un po’ i bambini ci siamo poi diretti all’Orto Botanico. Si trova poco distante dal centro ed appartiene alla tradizione secolare dell’Università. Circondato da possenti mura che lo isolano dai rumori e dalla concitazione della città, questo giardino ospita svariate tipologie di piante provenienti da ogni angolo del pianeta e si prefigge lo scopo di esibire le diverse caratteristiche, oltre che le differenti proprietà, delle specie botaniche presenti.

Vacanza a Valencia Orto Botanico

Al centro ospita una elegante serra in ferro dove sono conservate le piante tropicali. Un angolo insolito di Valencia, dove i  bambini hanno potuto correre in libertà, divertendosi  ad osservare fiori colorati e piante dalle foglie stravaganti, in compagnia di simpatici gattini.

Alle spalle di questa struttura si trova il Museo della Preistoria che avremmo visitato con piacere, ma purtroppo abbiamo trovato chiuso.

Tra i tanti  aspetti piacevoli di Valencia c’è anche quello di disporre di diverse spiagge, poco lontane dal centro. La Malvarrosa è una di queste: una lunga striscia di sabbia dorata, fiancheggiata da un ampio marciapiede lastricato, che  ben si presta per fare lunghe passeggiate e per far giocare i bambini . La leggere brezza che soffia dal mare richiama numerosi appassionati di aquiloni che si ritrovano qui per dare spettacolo e tenere i turisti curiosi con il naso all’insù.

Vacanza a Valencia -aquilone

Museo Lliadro  e il Parco dell’Albufera

Anche i dintorni di Valencia non sono da trascurare, avendone il tempo.

Durante il nostro primo soggiorno in questa città ho avuto modo di scoprire che le famose porcellane Lladrò vengono prodotte proprio qui. E visto che sono una collezionista di questi capolavori in miniatura ho cercato di scoprire se fosse possibile visitare la fabbrica.

A seguito di un contatto via mail, abbiamo preso appuntamento per una visita guidata all’interno del centro di produzione delle pregiate statuette. Il tour nella “città della porcellana” permette di visitare un piccolo museo in cui sono conservate alcune opere originali e molto preziose ed il laboratorio vero e proprio dove si svolge ogni singola fase della lavorazione. In pratica si passa tra le varie sale mentre gli artigiani, o più correttamente gli  artisti, sono intenti nella colatura del materiale liquido negli stampi, nella pitturazione e nella creazione dei minuscoli dettagli, attorniati da mille strumenti  di precisione. La guida parla solo in spagnolo, ma la traduzione servirebbe a poco perché basta osservare l’eleganza dei gesti e la pazienza di queste mani esperte per capire cosa si celi dietro a questo mondo.

Tutte le informazioni qui > Museo Lladrò

Vacanza a Valencia - museo lladro

I bambini sono rimasti in silenzio, completamente rapiti nell’osservare una piccola meraviglia prendere forma sotto i loro occhi.
La visita, per chi vuole, termina in uno spaccio in cui finiscono le realizzazioni per così dire “imperfette”. A me sembravano tutte straordinarie ed il prezzo ribassato mi avrebbe indotto a comprarle tutte….peccato ci fosse il vincolo imposto dal bagaglio a mano!

Vacanza a Valencia

Un’ altra escursione  che ci eravamo ripromessi di fare era quella all’Albufera, una zona umida poco fuori dall’abitato della città.
Questo parco naturale, a cavallo tra terra e mare, grazie alle sue ricche acque, è casa per molti uccelli che vengono qui a svernare. L’origine araba del nome significa piccolo mare e purtroppo negli anni le sue dimensioni sono andate riducendosi per opera dell’uomo che ha iniziato a sfruttare queste zone come risaie. Pare infatti che la paella, il più famoso piatto di Valencia, abbia avuto origine proprio qua.

Vacanza a Valencia -albufera barca

Arriviamo con l’auto in un piccolo paese denominato El Pilar, in cui pullulano i ristoranti. Una volta però che i pullman carichi di turisti satolli, riprendono la via del rientro, passeggiando tra le stradine silenziose, ci si cala in un tempo lontano in cui questi luoghi erano appannaggio dei soli pescatori. Le case con i tetti di paglia e le imbarcazioni in legno ne sono testimonianza.

L’ufficio turistico sta chiudendo e per un attimo temo di non riuscire a realizzare quello che mi ero prefissata, ma il sorriso sincero di un anziano signore riaccende in me la speranza. Saliamo tutti velocemente sulla sua imbarcazione in legno per andare a vedere il tramonto dalla laguna. Il tempo per un attimo si ferma, mentre solchiamo le placide acque disturbando qualche airone che spicca il volo, infastidito.

E mentre ascoltiamo la storia dell’Albufera, osservando i numerosi uccelli che volano sopra di noi o si nascondono tra le canne, un sole infuocato si prepara a lasciare il palcoscenico alla notte. Non avrei potuto chiedere di meglio.

Vacanza a Valencia -albufera

Anzi, forse si! Una cena a base di paella …..proprio nel luogo in cui è stata creata.
E dato che anche questo desiderio è presto soddisfatto, siamo pronti a lasciare Valencia….per  questa volta!

Per concludere…qualche informazione pratica su Valencia

Per quanto riguarda l’alloggio, abbiamo optato per una soluzione che ci permettesse di gestire liberamente i pasti del piccolo, scegliendo su Booking: Apartamentos City beach, in prossimità della spiaggia della Malvarrosa.

Per i ristoranti, tra la vasta scelta che la città offre, abbiamo provato:

  • La Riuà cucina tipica valenciana in un locale dall’atmosfera familiare.
  • El Bolon Verde locale molto particolare gestito da due fratelli. Cucina tipica rivisitata. All’interno del locale c’è una sala intera dedicata a Julio Iglesias.
  • Navarro cucina mediterranea curata in ogni dettaglio, ambiente raffinato.
    Pasqualet ( presso El Palmer nel Parco dell’ Albufera) paella ed arroz per tutti i gusti.

 

Per sapere di più, leggi tutti i nostri ARTICOLI SU VALENCIA

 

Serena

(testi e fotografie di Serena Borghesi)

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

 

Per altre informazioni sui viaggi con bambini, leggi la nostra guida: “Bimbi e Viaggi: la guida completa per viaggiare sereni con i bambini

 

Per saperne di più, clicca qui: Cos’è Bimbieviaggi Blog di Viaggi e Vacanze con bambini

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKINSTAGRAM, TWITTER e GOOGLE+

 

Dai un’occhiata anche qui:

  1. Weekend a Valencia con adolescenti: a spasso per la città con 2 ragazzi di 12 e 16 anni
  2. Valencia con bambini: una città decisamente children friendly
  3. Spagna con bambini: guida completa per organizzare il viaggio
  4. Siviglia con bambini: alla scoperta di città e dintorni
  5. Madrid con bambini: un weekend invernale nella capitale spagnola
  6. 10 cose da fare a Benidorm con bambini (ma anche senza)

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *