Texas per bambini: 1200 km on the road in 2 settimane!

Come organizzare un viaggio in Texas con bambini? Ecco il racconto di Alessia, che proprio leggendo Bimbieviaggi ha trovato l’ispirazione per partire con la sua Vittoria di 20 mesi…

L’idea di visitare il Texas era nata molto prima dell’arrivo di Vittoria, gli USA ci avevano già affascinato in un precedente viaggio e pregustavamo il tanto acclamato BBQ alla texana, vero filo conduttore della nostra avventura.

Armati di entusiasmo abbiamo scoperto il blog di “bimbi e viaggi” e da qui abbiamo definitivamente capito che sì, questo viaggio si poteva fare. Per questo motivo ci tengo a raccontarvi come è andata.

Texas per bambini: l’organizzazione

Punto primo: non si trovano guide turistiche esclusivamente dedicate allo “stato della stella solitaria” in lingua italiana per cui abbiamo setacciato la rete alla ricerca di informazioni in inglese ed abbiamo così scoperto che l’ente del turismo texano spedisce gratuitamente opuscoli e mini-guide in tutto il mondo…nel giro di un mese avevamo tutto il materiale necessario.

Punto secondo: il volo. Abbiamo volato con KLM all’andata e con Air France al ritorno, tratta Milano Malpensa – Houston International. Fantastico il primo, con un buon prezzo abbiamo usufruito dei posti Economy Comfort, a mio avviso un’ottima soluzione viaggiando con una bimba di 20 mesi appena compiuti…opzione non disponibile sul volo di ritorno ma devo specificare che le hostess di terra hanno avuto l’accortezza di assegnarci dei posti con un pochino più di spazio davanti, in modo da permettere a Vic di sedersi a terra a giocare. Volerei altre mille volte con KLM mentre non voglio più nemmeno sentire nominare Air France: attenzione verso la bimba meno di zero.

Texas per bambini -klm

Punto terzo: abbiamo pianificato un itinerario complessivo di circa 1200 km, da suddividere in due settimane, visitando tutte le città principali…e i santuari del BBQ…mio marito ne fa una vera malattia ma io e nostra figlia non siamo da meno! Abbiamo noleggiato un’auto che in Italia sarebbe stata sovradimensionata per noi ma che per gli standard texani era fin piccola…ci ha consentito di viaggiare comodi e con tutto a portata di mano senza dover ogni volta mettere e togliere ogni cosa.

Punto quarto: abbiamo sempre alloggiato in motel; stanze enormi, a volte delle vere suite, pulite e molto ben attrezzate. Il tutto prenotato dall’Italia con prezzi dai 60 ai 100 $ a notte a seconda della posizione. Ho imparato che le lavanderie americane sono fantastiche: con 1$ lavi e con un altro asciughi. E NON STIRI!! il tutto in un’ora o poco più; la prossima volta porterò un terzo degli abiti…anche perchè poi si finisce sempre col riempire la valigia con quello che si compra negli Outlets.

Ultima precisazione: noi abbiamo scelto di partire senza passeggino e di acquistarlo là; decisione azzeccatissima: con 40$ abbiamo comprato da Walmart il passeggino migliore che abbiamo mai avuto… lo portiamo ovunque… e almeno all’andata abbiamo viaggiato con le mani più libere.

Texas per bambini: le nostre tappe

Abbiamo visitato Houston, Galveston, Lockhart, San Antonio, Austin e Dallas.

Per ogni tappa abbiamo riservato a Vittoria qualcosa di speciale, che le facesse pesare meno il viaggio on the road; a dire il vero è stata bravissima ma una volta in Italia non ha più voluto fare giri in macchina per circa un mese!!

Una nota di merito va ai texani nei confronti dei bambini: una premura tale non l’avevo mai vista! Ti danno la precedenza sempre e ovunque, li riempiono di gadget ma soprattutto di sorrisi; addirittura mettono il canale dei cartoni se non ci sono partite da seguire… senza parole!

Abbiamo cercato di fermarci più notti possibili nello stesso posto e di spezzare i trasferimenti…al massimo due ore e mezza/tre per volta e abbiamo ottenuto un buon risultato; certo da soli avremmo visto più cose, ma non con gli stessi occhi con cui ci ha permesso di vederle e viverle viaggiare insieme a lei.

HOUSTON

Vi segnalo principalmente quel che c’è da fare e vedere coi bimbi a seguito poiché per un adulto in sostanza è una grandissima città con tutte le attrazioni che un neogenitore si può più o meno scordare… Vittoria si è divertita immensamente al Children’s Museum dove ha sperimentato e giocato nei panni di un piccolo adulto: in pratica tutti i bimbi possono interpretare un mestiere con tutto ciò che serve all’interno di una vera e propria città in miniatura; lei era ancora piccola per cui ha scelto il minimarket e l’atelier del pittore ma per bimbi dai 3 anni in su è un vero paradiso. In più c’è un’interessantissima sezione dedicata agli esperimenti scientifici.

Texas per bambini -Children's Museum
Bello anche l’Aquarium e i vari parchi giochi, immensi, disseminati nelle numerose aree verdi della città.
Memorabile la visita alla NASA anche se in versione ridotta dal momento che Vittoria era sveglia come un grillo e che era troppo piccola per prestare attenzione ad una visita guidata. È stato molto emozionante ma dovremo tornarci quando anche lei saprà apprezzare la grandezza del luogo; per ora si è limitata a guardare ammirata gli immensi “razzi” e tutti i “bottoni” delle cabine di comando.

Texas per bambini -Nasa

 

GALVESTON

Purtroppo pioveva molto e il vento non dava pace, per cui papà è uscito a fare qualche foto mentre noi ci intrattenevamo in camera con l’ultimo acquisto duplo fatto al legostore di Houston.

LOCKHART

Il mattino seguente dopo un enorme pancake ci siamo diretti a Lockhart, la Capitale texana del BBQ, per festeggiare in grande stile il compleanno di papà. Dopo avere acquistato una valigia in più abbiamo dedicato una giornata allo shopping presso gli outlets di San Marcos…in pratica mi sono portata avanti col guardaroba di Vittoria per i prossimi due anni…assolutamente conveniente!

SAN ANTONIO

La prima sosta a San Antonio è stata tutta per la nostra cucciola: un’intera giornata dedicata ad uno zoo enorme dove gli animali vivono in habitat veramente ampi e interamente pensato per i bambini. Vittoria ha potuto dar da mangiare a tante specie diverse e ammirare da vicino il suo animale preferito: l’ippopotamo! Finora il parco faunistico più bello che abbiamo visitato.

Texas per bambini -ippopotamo

Abbiamo trascorso la serata passeggiando lungo il riverwalk, un lungofiume costellato di locali e bancarelle, luci e ponti…ovviamente la piccola non si è affatto annoiata!

Il giorno successivo la pioggia ci ha fatto optare per una ludoteca al coperto: tantissimi giochi per bambini in età prescolare che hanno intrattenuto la nostra bimba per tre ore abbondanti. Ovunque prezzi ragionevolissimi nonostante si trattasse di attrazioni per bambini, generalmente piuttosto care.

AUSTIN

Ad Austin il sole ci ha finalmente concesso un po’ di compagnia e ne abbiamo approfittato per trascorrere la giornata in un grande parco pubblico dotato di parcogiochi grandi ed originali che alternano ai giochi tradizionali alcune novità interattive; molto bello.

Per pranzo ci siamo fermati in una piazzola in cui campeggiavano variopinti foodtrucks: un’esperienza gastronomica notevole, se qualcuno ha presente il programma tv “eatstreet” sa a cosa mi riferisco. La sera invece abbiamo deciso di far sentire di nuovo Vittoria a casa e ci siamo fermati a mangiare la pizza in un ristorante italiano che sembrava esser davvero tale; abbiamo mangiato bene e il personale parlava italiano…unico lato negativo il conto!

Dopo un’ulteriore tappa Bbq ci siamo diretti a Fortworth per immergerci nella cultura cowboy e vedere la famosa kettledrive, la marcia dei longhorns. Per paura che Vittoria si spaventasse abbiamo preferito non assistere ad un rodeo, rimandando l’esperienza a quando sarà in grado di coglierne lo spirito e l’entusiasmo. Discorso analogo per il soggiorno in ranch: 20 mesi per trascorrere le giornate a cavallo erano ancora davvero troppo pochi. In ogni caso non siamo rientrati a casa senza aver prima acquistato un cappello originale per la nostra piccola cowgirl. Se avete figli in età adatta per apprezzare i western portateli qui: sembra di fare un salto nel tempo e nella storia…emozionante e contagioso.

DALLAS

Dallas ha riservato a Vittoria la sorpresa di un acquario interamente pensato per i bambini, dove hanno modo di vedere, toccare, nutrire, sperimentare… l’approccio statunitense ai bimbi nei musei è sempre una piacevole conferma.

Texas per bambini -acquario

Abbiamo poi approfittato del riposino pomeridiano per recarci al museo dedicato al presidente Kennedy e precisamente al suo assassinio, avvenuto nella città texana; commovente e molto ricco di dettagli, è costituito sostanzialmente da immagini e didascalie per cui è poco adatto per i bambini a meno che non sappiano bene l’inglese ed abbiano già un’età che gli permetta di apprezzare il percorso per famiglie, pensato proprio per i più giovani.

RITORNO A HOUSTON

Tornati a Houston abbiamo dedicato la mattina pre-partenza ad una visita alla Old McDonald Farm, l’equivalente della nostra vecchia fattoria, dove i bambini possono giocare nel fango a diretto contatto con gli animali: astenersi maniaci dell’igiene (per darvi un’idea gli abiti che indossava Vittoria sono rimasti in Texas!).

Texas per bambini -fotolibro

Dal momento che la nostra bimba era ancora piuttosto piccola abbiamo creato un album dei ricordi a sua misura, colmo di foto dettagliate di ciò che ha fatto e che più l’ha divertita o incuriosita. Oggi, a qualche mese di distanza, è diventato uno dei suoi “libri” preferiti: le piace vedere “cosa fa Viky” e spiegarlo agli altri… è stato tenerissimo vedere come la prima volta cercasse di entrare nell’album fotografico per poter salire di nuovo sulle giostre che vedeva raffigurate!

La bimba nel riquadro è proprio lei… ritratta dalla sua bravissima zia nei panni di piccola esploratrice.

.

Alessia
{testi e fotografie di Alessia Dotti}
{La foto di copertina e la foto di Klm sono tratte da Shutterstock}

 

Dai un’occhiata anche qui:

  1. Houston con bambini: alla scoperta del Texas
  2. Texas con bambini on the road
  3. Souvenir di viaggio per bambini: come aiutarli a ricordare

 

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

 

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *