Islanda con bambini in tenda: come organizzare il viaggio

Se volete organizzare un viaggio in Islanda alloggiando in tenda, oggi Perla ci lascia tanti consigli pratici per pianificare tutto al meglio!

Ho già raccontato nei precedenti articoli tutte le tappe del nostro viaggio, che trovate a questo link >>> Islanda by Perla

Come promesso, con questo ultimo articolo vi lascio dei consigli utili per organizzare un viaggio in Islanda con bambini in tenda e qualche considerazione personale finale…

 

Islanda con bambini in tenda:
informazioni pratiche

 

RIEPILOGO COSTI (2 settimane, estate 2018)

Volo: per 2 adulti e 2 bimbi e 4 bagagli da stiva 1.137 € con Lufthansa, prenotato con larghissimo anticipo. Si può trovare a meno ma non volevamo usare lowcost e non volevamo scali troppo lunghi, inoltre portandoci la tenda avevamo bisogno assoluto di 4 bagagli da stiva. I seggiolini auto vi confermo che sono extra rispetto ai bagagli.

Auto: 1.112,60 € Dacia Duster 4×4 diesel noleggiata con Blue Car Rental. Anche in questo caso si può spendere molto meno, se vi accontentate di un’utilitaria, ma noi volevamo un auto spaziosa e comoda, dovendo fare parecchi km.

Un’auto 4×4 non è indispensabile se non fate le piste o non andate in inverno, ma sinceramente a noi in diverse occasioni è stato utile, con un utilitaria ci avremmo impiegato molto più tempo e certe strade onestamente non mi sarei sentita di farle con tranquillità. Valutate bene in base al vostro itinerario.

Noi abbiamo scelto il noleggio con la Blue Car perché è quella che offre la copertura maggiore a livello assicurativo: abbiamo fatto ogni assicurazione possibile inclusa la saap che copre danni da polvere e sabbia, che al sud sono piuttosto frequenti, e anche un’assicurazione integrativa per azzerare le franchigie che sono piuttosto alte.

Islanda con bambini in tenda

Pernottamenti: noi abbiamo fatto 3 pernottamenti in strutture e il resto tenda. Vi metto i dettagli delle strutture e successivamente quello dei campeggi.

  1. Nordic guesthouse 131.25€: camera quadrupla senza colazione, l’abbiamo scelta perché ha il checkin auomatico ed è vicinissima all’aeroporto. Stanza semplice, pulita, non abbiamo avuto nessun problema a entrare nel cuore della notte.
  2. Minniborgir cottages 175.5 €: cottage indipendente, molto carino, inserito in un piccolo villaggio di cottage, con hot tube fuori, zona barbecue e piccolo playground per bimbi. Tutto perfetto.
  3. Heydalur campsite summerhouses 145€: è un campeggio sperduto in mezzo al nulla nei westfjords, ha alcune stanze, cottage e spazio per campeggiare. Noi abbiamo preso un cottage perché i bimbi volevano dormire in una casa di legno e ci hanno fatto 4.000 isk di sconto perché facevano rumori con dei lavori. Cottage gigante, con balcone e vista mozzafiato sul fiordo. Nel campeggio c’è un ristorante, ottimo, con prezzi in linea allo standard islandese, una piccola piscina, una hot tub naturale e un playground. Ci siamo trovati benissimo.

 

Islanda con bambini in tenda

Campeggi: noi abbiamo fatto la camping card, perché a conti fatti ci faceva risparmiare circa 60 €. Costa 149€ e potete fare 28 notti in tutti i campeggi convenzionati, valutate bene perché non tutti sono inclusi, la tassa di soggiorno di 333isk a persona è esclusa, anche se non ovunque ci hanno fatto pagare.

Ecco i campeggi in cui abbiamo alloggiato:

  1. Campeggio Kleifarmork (incluso) in assoluto il campeggio peggiore di tutti in quanto a servizi, non aveva nemmeno l’acqua calda, bagni sporchi, il prato si allaga creando delle pozze, unica nota positiva una bellissima vista su una cascata.
  2. Campeggio Hofn í Hornafirdi (non compreso) 28€, campeggio molto carino, dotato di cucina, bagni e docce pulitissimi e playground. Ha anche dei cottage e si trova vicino al centro abitato.
  3. Campeggio Seyðisfjörður (incluso): campeggio molto carino, ci siamo rimasti 2 notti e abbiamo anche fatto lavatrice e asciugatrice. Si trova proprio in centro e vicino c’è un bel playground.
  4. Campeggio Heidarbær (incluso): campeggio molto carino, c’è una bella piscina ma le cucine lasciano un po’ a desiderare. Si trova un po’ fuori dal centro di Husavik.
  5. Campeggio Kirkjuhvammur, Hvammstanga (incluso): campeggio nuovissimo e molto pulito, abbiamo trovato anche un cestone di lego con cui giocare.
  6. Campeggio 520 Drangsnes (incluso) campeggio semplice ma molto carino, c’è una hot tub gratuita nelle vicinanze e una bella piscina comunale oltre a un bel playground.
  7. Campeggio Tungudalur (incluso) campeggio carino, pulito e con una vista spettacolare su una cascata, comodissimo perché appena fuori dalla cittadina di Ísafjörður.
  8. Campeggio Melanes, Raudasandi (non compreso) 24€ campeggio molto basico ma abbastanza pulito, compensa con il panorama più bello di tutto il viaggio.
  9. Campeggio Laugar 371 Búðardalur (incluso) campeggio abbastanza basico in quanto a servizi ma c’è una bella piscina nelle vicinanze e una splendida hot tub naturale.
  10. Campeggio Laugardalur Reykjavík Campsite (non compreso) 39€: campeggio molto grande e in mezzo alla città di Reykjavík, fornito di tutti i servizi.

Islanda con bambini in tenda

Cambusa: abbiamo quasi sempre cucinato noi nei campeggi o in giro con il fornellino, nostro portato da casa. I prezzi dei supermercati sono più alti dei nostri ma accessibili, non serve portarsi nulla perché c’è tutto, l’unica cosa che non ho trovato è il parmigiano. I prezzi dei ristoranti e dei bar sono davvero altissimi, preparatevi! Abbiamo speso 304 € di spesa al supermercato e 510€ tra cene (abbiamo mangiato fuori circa 4/5 volte di cui diversi street food), birra al Vinbudin e qualche consumazione al bar.

Benzina: i prezzi sono leggermente più alti ma non di molto, abbiamo fatto 3200km e abbiamo speso 259€

Spese varie: 152€ di spese varie quali: lavatrice, docce, ingressi in piscina, ingresso al centro della volpe artica, souvenir, visita al cratere e 2 bombole per il fornello.

In totale abbiamo speso 4.156, mi ritengo soddisfatta della mia pianificazione, volevo stare sotto i 5000 euro e ci sono riuscita.

 

CONSIGLI UTILI PER ORGANIZZARE UN
VIAGGIO IN ISLANDA CON BAMBINI IN TENDA

Per quanto riguarda l’abbigliamento vi consiglio di vestirvi a strati perché la temperatura percepita può variare molto a causa del vento freddo e soprattutto vestiti impermeabili, comprese le scarpe.

Fate attenzione alla guida, controllate sempre le condizioni meteo e delle strade soprattutto in certi punti dove anche la N1 è sterrata e attenzione massima al vento. Io onestamente credevo fossero consigli esagerati ma uno dei danni più frequenti, a detta dell’autonoleggio, sono gli sportelli spaccati dal vento quando si scende dall’auto.

Le vasche naturali e le hot tub sono ovunque e ben segnalate, così come i punti di avvistamento foche e in generale la segnaletica è precisissima.

Noi abbiamo quasi sempre usato il gps ma nei Westfjords non sempre funzionava e per fortuna avevamo le mappe e io mi ero segnata il numero della strada da fare.

In molti mi hanno chiesto se è una meta baby friendly e la mia risposta è che dipende sia dai bambini sia dai genitori: i bimbi sono accolti con gioia ovunque, ma se vi aspettate le classiche attrattive per bambini non ne troverete. Ci sono punti pericolosi: scogliere a strapiombo, cascate… ma noi non abbiamo avuto difficoltà. Alcune cose le ho volutamente saltate ma l’Islanda ha tantissimo da offrire per tutti.

Ultimo consiglio che mi viene in mente è il tax refund, di cui io mi ero completamente scordata, ahimè, ma se fate acquisti di oggetti superiori ai 6000isk potete chiedere al negoziante il modulo per il rimborso tasse da richiedere in aeroporto prima di partire: vi restituiranno una percentuale.

Islanda con bambini in tenda

SITI UTILI PER ORGANIZZARE UN VIAGGIO IN ISLANDA:

 

A questo link trovate tutte le tappe del nostro viaggio: Islanda by Perla

 

Perla

{testi e fotografie di Perla Pani}
{foto di copertina di Standret via Shutterstock}

 

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

Per altre informazioni sui viaggi con bambini, leggi la nostra guida: “Bimbi e Viaggi: la guida completa per viaggiare sereni con i bambini

Per saperne di più, clicca qui: Cos’è Bimbieviaggi Blog di Viaggi e Vacanze con bambini

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOK, INSTAGRAM, TWITTER e GOOGLE+

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *