Thailandia del nord con bambini: itinerario e consigli pratici

Voliamo in Thailandia del nord in compagnia di Vanessa che ci racconta il suo viaggio itinerante in Thai con la sua bimba di 13 mesi, fatto tra fine settembre e inizio ottobre.

Il viaggio è durato complessivamente 14 giorni (di cui  di viaggio) e si è svolto nel mese di ottobre.

 

THAILANDIA DEL NORD CON BAMBINI:
LE NOSTRE TAPPE

KO SAMUI

La nostra prima tappa è stata Ko Samui, con arrivo a Bophut e da lì in fino taxi all’Ibis Hotel; poco tradizionale, colazione e struttura ottima equipaggiata di tutto, costo medio. Ho apprezzato alloggiare a Bophut per la tranquillità della zona, e la vicinanza ai templi dell’isola: il grande Buddha e Wat Plai Laem.

Poco distante si trova il Fisherman’s Village. Ottimo il ristorante Thai vicino all’hotel, il Giant House Bophut: economico, babyfriendly, buon cibo, lungo la strada principale con marciapiede (ottimo per uscire in passeggino).
Per visitare l’Arcipelago di Ang Thong abbiamo partecipato ad una escursione organizzata, in giornata, con pick-up dall’hotel. Ottima organizzazione, buon pranzo, e bellissimi posti. Noi armati di marsupio e abituati a scarpinare siamo anche saliti in cima all’isola attraverso il sentiero in costante salita. Tanta fatica ma arrivati in cima la vista merita lo sforzo.

Thailandia del nord con bambini - Ang Thong con bambini
Ang Thong

Siamo poi stati con un’altra escursione organizzata, in giornata, a KoTao e Konangyuan, con una sosta snorkeling, in Speedy boat. Avevo paura che fosse un po’ troppo impegnativa per la piccola, devo dire che abbiamo vissuto l’intera giornata e tutte le tappe con facilità. Forse avrei preferito passare più tempo alla spiaggia di Ko Nang Yuan ma a posteriori ho apprezzato la tappa per fare Snorkeling, anche per chi non sa nuotare. Il tempo a disposizione era sufficiente anche per alternarsi a tenere la bambina sulla speedy boat (che avendo il tettuccio offriva sempre ombra in grande quantità per tutti i tragitti e soste).

Ko Samui con bambini - Thailandia del nord con bambini
Ko Samui

 

CHIANG MAI

Il quarto giorno ci siamo spostati in aereo a ChiangMai, alloggiando presso il Rustic Guest House, a 5 minuti a piedi dal centro e nel mezzo di un mercato diurno. Hotel apprezzatissimo, con microonde, stuzzichini, bollitore e frigo a disposizione al primo piano. Ottima colazione principalmente salata e tradizionale. Qui abbiamo assaporato l’accoglienza Thai in ogni suo lato. Nel pomeriggio abbiamo preso un taxi rosso per vedere il doisuthep.
I taxi gialli restano nella zona urbana, i rossi raggiungono le mete turistiche anche periferiche mentre i verdi coprono distanze più lunghe. Trattare sempre il prezzo, se vedono turisti cercano di alzare il prezzo rispetto al giusto importo.

Thailandia del nord con bambini

Abbiamo utilizzato invece l’autobus per spostarci a Sukothai. Qui abbiamo alloggiato allo Smilingface Guest House, in pieno centro a 500m dall’ingresso del parco. Una volta scesi dall’autobus infatti siamo andati a piedi all’alloggio e da qui ci siamo sempre mossi in bicicletta, la guest house le forniva gratuitamente a disposizione per gli ospiti. Posto splendido. In bici si riesce a goderlo appieno e in poco tempo, essendo tutte strade comodamente percorribili con questo mezzo. Solo che con giornate di pieno sole diventa impegnativo il caldo per i piccoli. Noi bagnavamo di continuo Letizia con l’acqua e la proteggevamo con l’ombrello dal sole, tenendola più nel marsupio che nel seggiolino della bici. Devo dire che due giorni ci sono bastati per vedere tutto. Per rientrare a Chiang Mai abbiamo di nuovo utilizzato l’autobus.

Sukothai con bambini - Thailandia del nord con bambini
Sukothai

A Chiang Mai siamo stati a vedere gli elefanti con la piccola. Noi abbiamo scelto l’escursione con la Mae Rim che prevedeva arrivo e saluto agli elefanti, cibarli con le banane (è stato molto divertente), passeggiata e bagno con i pachidermi. La piccola ovviamente non è entrata in acqua, è stata con il papà a guardare il piccolo elefantino. Alla fine corso di cucina incluso e cena con la nostra zuppa Thai. Bellissima esperienza possibile anche con i più piccoli per chi vuole vedere gli elefanti.

Chiang Mai con bambini - Thailandia del nord con bambini
Chiang Mai

 

CHIANG RAI

Con un’altra escursione organizzata siamo stati a Chiang Rai per vedere il Tempio Bianco, ma a posteriori avrei preferito organizzarla in autonomia in autobus. L’escursione è stata decisamente faticosa per la bambina: partenza alle 7:30 rientro alle 22. La maggior parte delle tappe non mi hanno entusiasmato come il resto della Thailandia: fermata alle sorgenti calde (è un parcheggio con tantissimi negozi di souvenir e delle vasche di acqua termale nel mezzo dove puoi bagnarti i piedi), visita al Tempio Bianco (il tempio merita veramente essendo anche molto diverso dagli altri in Thai) e a un Villaggio tribale (nessuno del gruppo ha voluto vedere le “donne dal collo lungo”, mi avevano detto essere una meta prettamente turistica), pranzo e fermata al Golden Triangle (qui ci siamo fermati lungo il fiume per 1h e 30 in mezzo ad aspettare tre persone che all’ultimo hanno voluto fare il giro in battello e così ci siamo trovati ad aspettarli in mezzo ad un mercato di souvenir prettamente a scopo turistico). Poi abbiamo proseguito fino al confine con il Myanmar per poi tornare indietro. Mi è sembrata una corsa contro il tempo senza aver visto molto.

Chiang Rai con bambini - Thailandia del nord con bambini
Chiang Rai

 

BANGKOK

Da Chiang Mai a Bangkok ci siamo spostati in aereo. Qui abbiamo soggiornato presso il Meet Up Hostel, colazione scarsa a buffet, camere decisamente rumorose, soprattutto in caso di pioggia notturna. Credo che il tetto fosse coperto con lamiera e la notte che ha piovuto sembrava potesse cedere da un momento all’altro, visto il rumore assordante. Posizione comodissima perché vicino alla linea del tram e della linea che collega la città all’aeroporto. Qui abbiamo trovato un ottimo ristorante Thai vicino l’hotel il B-Story Cafe& Restaurant.
Abbiamo provato ad arrivare in centro a piedi, errore enorme: il traffico intensissimo, il caldo, lo smog, l’afa e l’inquinamento acustico ci hanno esaurito dopo poco. Conviene usare la metro dove possibile -non arriva vicino ai templi più importanti- e i tuk tuk (attenti perché in molti vedendo i turisti cercano di sparare prezzi folli, giustificandoli dal traffico e dai vari sensi unici della città). A Bangkok abbiamo visto inoltre il Gran Palace (aperto solo la mattina) e la Jim Thompson House (qui c’è un ristorante un po’ più costoso ma decisamente da provare, anche per rilassarsi un po’; noi dopo 11 giorni di viaggio eravamo molto stanchi e provati dal caldo e così abbiamo apprezzato rallentare un po’ verso la fine) e centro commerciale Siam.

Bangkok con bambini - Thailandia del nord con bambini
Bangkok

L’ultimo giorno, senza possibilità di far doccia e refresh generale prima del volo serale di rientro, abbiamo preferito rilassarci con una giornata di shopping (avendo ormai tutto sporco e sudato abbiamo comprato qualcosa da metterci per il rientro).Abbiamo visitato Ayuttawa muovendoci in treno, una volta arrivati abbiamo noleggiato un Tuk tuk per 4 ore e mezza per il costo di 600 bath in tre e ci ha portato a vedere una serie di templi che noi abbiamo scelto, erano 6 in totale. Se volete vedere dei templi in particolare preparatevi un elenco prima da poter mostrare all’autista.

Con il senno di poi, per rendere migliore il viaggio, avrei organizzato tutto al contrario: da Bangkok, spostandomi in treno e corriere fino al nord della Thailandia. Da qui avrei preso l’aereo per le isole e avrei completato qui il viaggio prima del ritorno.

Thailandia del nord con bambini

THAILANDIA CON BAMBINI:
INFORMAZIONI UTILI

CIBO & ACQUA

La nostra bambina è già completamente svezzata; ma abbiamo preferito sempre cercare ristoranti dove poter farla mangiare con comodità, un piatto caldo, nutriente e ben cotto. Il riso in bianco, le omelette e le banane sono stati la nostra salvezza un po’ ovunque. Anche perché giusto tre giorni prima della partenza si era presa una bella gastroenterite, quindi ci siamo armati di fermenti, crema, e pazienza. Ci sono comunque farmacie ovunque per chi ne avesse bisogno. Dopo 4 giorni in Thailandia con dieta a base di riso e banane le è passato tutto. Sempre acqua da bottiglia per tutti anche per lavarci i denti, per la doccia della piccola compravamo i bottiglioni da 5 litri nei vari Tesco/7eleven per poterle lavare la testa senza aver paura che ingerisse acqua e rischiasse di peggiorare la ‘situazione pannolino’. Alla fine devo dire che nessuno di noi ha mai avuto particolari problemi. Pannolini, cracker e latte in polvere si trovano ovunque ma biscottini per bambini e omogenizzati non li ho mai trovati in nessun supermercato. Se non avete bambini già svezzati vi consiglio di portarli da casa. Li potete poi far scaldare nei vari ristoranti aggiungendoli al riso in bianco senza problemi.

 

METEO e CLIMA

Nonostante dovesse essere periodo di pioggia devo dire che abbiamo usato i K-Ways e gli ombrelli portati da casa solo per un paio di minuti, ma li abbiamo subito tolti perché è uscito il sole. Ha piovuto ma sempre di notte, mattina presto e un paio di volte per 10 minuti e poi ha subito smesso. Devo dire che forse siamo stati fortunati, quindi meglio equipaggiarsi ma mai scoraggiarsi perché le piogge sono brevi e intense e soprattutto utili dato che rinfrescano un po’, considerando che la temperatura media del viaggio è stata 30°/35° gradi. Più fresco a Chiang Mai e decisamente più afoso a Bangkok.

Chiang Rai con bambini - Thailandia del nord con bambini
Chiang Rai

 

VOLI E SPOSTAMENTI VARI

Siamo partiti da Venezia con la Austrian Airlines verso Bangkok con uno scalo di 7 ore a Vienna. Il volo intercontinentale sia in andata che al ritorno partiva tardi, verso le 23.30, questo ci ha permesso di intraprendere sia il volo di andata che di ritorno dormendo praticamente 9 ore su 10, seppur non avessimo preso il posto per la piccola. La tappa di 7 ore a Vienna (orario di cena) ci ha permesso di uscire dall’aeroporto e di cenare con un piatto caldo in centro a Vienna, in modo anche da spezzare le ore di volo e prepararci alla lunga traversata. Una volta a Bangkok dopo 2h e 30 avevamo il volo con la Bangkok Airways per Ko Samui. Arrivati a Bangkok devo dire che per il visto e l’imbarco per il volo successivo sono stati velocissimi. Per chi ha bambini c’è una fila a parte, dove non c’è coda e in 45 minuti siamo riusciti a ritirare i bagagli dal nastro, ottenere il visto e imbarcarci (valigia compresa) per il volo domestico.In Thai ci siamo spostati da Bangkok verso Ko Samui, da Ko Samui verso Chiang Mai, da Chiang Mai a Bangkok con la Bangkok Airways pensando che volare era un ottimo modo per non far pesare gli spostamenti alla piccola: la compagnia è stupenda, sempre gadget per i piccoli, ottimi pasti in volo, partenze e arrivi sempre in perfetto orario, velocità nell’imbarco/sbarco di valigie e passeggeri (per i voli domestici basta arrivare un’ora prima anche se avete bagagli da imbarcare). Inoltre non essendo una compagnia low cost c’è la possibilità di spostare in caso anche l’orario del volo.

 

Volo intercontinentale di A/R con la AustrianAirlines, devo dire che pensavo meglio, personale di bordo un po’ distratto, essendo un volo notturno non riuscivano a gestire le persone che si alzavano di continuo per passeggiare su e giù per i corridoi, parlando a voce alta. Al ritorno però i posti erano stati assegnati un po’ in malo modo, c’erano file vuote e nella nostra fila invece eravamo abbastanza stretti (un signore che necessitava di un aggiunta alla cintura di sicurezza, io, mio marito e la bambina in braccio), così il personale di bordo ci ha spostato in modo da dare più spazio a tutti e alla fine la piccola aveva un posto tutto suo, devo dire che in questo caso sono stati molto gentili.
In Thailandia treni e autobus a mio parere sono molto comodi e decisamente non dispendiosi. A posteriori posso dire che avrei preferito muovermi con questi due mezzi per assaporare meglio i tragitti e poter così anche fermarmi in altre tappe in città che non hanno possibilità di arrivo in aereo. I treni sono alla pari dei nostri Trenitalia regionali più vecchiotti, ma il prezzo è veramente irrisorio, da Bangkok a Ayutthawa abbiamo pagato 60 bath in tre (i bambini non pagano il biglietto) in terza classe. Tra seconda e terza classe non cambia molto, però il prezzo aumenta quasi di tre volte. Quando comprate il biglietto specificate che volete viaggiare in terza classe perché sennò loro in automatico vi propongono il prezzo più alto.

Thailandia del nord con bambini

 

In autobus abbiamo fatto il tragitto Chiang Mai-Sukothai A/R con la Wintour (5 ore e mezza a tratta). Prezzo economico e vetture comode e moderne, nonostante mi avessero detto che guidano come pazzi devo dire che in autobus rispettano tutti i limiti e hanno una guida sicura. Di sicuro ho trovato una guida più ‘sport’ in taxi e mini van dei tour organizzati.

Noi abbiamo viaggiato portando con noi il marsupio, che reputo necessario per un viaggio come il nostro, dato che non avrei avuto modo di usare il passeggino né in barca, né in bici, né sui templi, né sulle escursioni in van. Ma abbiamo portato anche il passeggino compatto che ci è stato molto comodo per le attese negli aeroporti e nelle passeggiate a piedi nelle varie città dando anche la possibilità alla piccola di fare i vari riposini un po’ più comodamente.

 

Vanessa

{testi e fotografie di Vanessa Zanibellato}
{foto di copertina di KoBoZaa via Shutterstock}

 

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

 

Per altre informazioni sui viaggi con bambini, leggi la nostra guida: “Bimbi e Viaggi: la guida completa per viaggiare sereni con i bambini

 

Leggi anche qui:

  1. Thailandia alla menta: viaggiare in gravidanza
  2. Koh Lipe con bambini: tra tuffi e sorrisi
  3. Thailandia con bambini: come organizzare un viaggio nel Paese dei sorrisi
  4. leggi tutti i nostri articoli di viaggio sulla Thailandia

 

Per saperne di più, clicca qui: Cos’è Bimbieviaggi Blog di Viaggi e Vacanze con bambini

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOK, INSTAGRAM, TWITTER

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

  • Reply Sandro

    Ciao
    In che mese siete andati?

    • Reply * Milly Marchioni *

      Ciao Sandro, Vanessa è andata a fine settembre – inizio ottobre. Ora aggiungiamo l’informazione nell’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *