Alsazia con bambini: una vacanza in Francia con neonato

Simone era ancora nel pancione quando mamma Laura ha organizzato il suo primo viaggio: all’età di 1 mese e mezzo quindi eccolo già in partenza con mamma e papà alla volta dell’Alsazia. Non sapete dove sia? Eccola raccontata qui!

La prima domanda che gli amici ci hanno fatto è stata: “ma perché in Alsazia? E dov’è di preciso?” Noi abbiamo risposto che da sempre amiamo la Francia e che con Simone di un mese e mezzo l’Alsazia ci pareva una meta tranquilla e allo stesso tempo originale.

Alsazia con bambini-Ribeauville
Ribeauville

Questa regione ad est della Francia sul confine con la Germania, si trova a sole quattro ore di macchina dal nord Italia e con il suo clima fresco è un ottimo rifugio nei mesi estivi, quando ci si vuole allontanare dalla calura. La temperatura ad agosto oscilla tra i 25 gradi giornalieri e 18 gradi notturni, inoltre ci sono pochissime zanzare, che non guasta mai!

La presenza di turisti italiani non è massiccia, per lo più si vedono famiglie e anziani francesi, inglesi e tedeschi.

La principale attrazione dell’Alsazia è “La Route des Vins“: 170 km di pura natura e bellezza con alternarsi di vigne e borghi medievali fatti di case a graticcio variopinte, incoronate da vasi straboccanti di fiori.

Alsazia con bambini-Route
Route

Ogni centro abitato nasconde scorci che rubano il cuore e negozietti dove curiosare senza fretta e in totale relax.

I pregi di questa regione sono la natura e la possibilità di passare del tempo con i propri figli in un contesto storico affascinante, direi senza tempo.

Inoltre, se volete lasciare la campagna per immergervi in una visita cittadina, Strasburgo fa al caso vostro. E’ vicina, la separano pochi chilometri dalla zona vinicola, il centro è piccolo per cui visitabile in giornata e ben organizzata. Insomma direi proprio piacevole!

Alsazia con bambini-Strasburgo
Strasburgo

Infine qui si degusta e si acquista a prezzi contenuti l’ottimo Riesling, un vino bianco dal gusto fruttato ma deciso, ottimo da abbinare con la cucina tipica alsaziana. Tra le cui ricette non possiamo dimenticare la Tarte Flambé: una via di mezzo tra una piadina e una pizza, cotta con uno strato di cipolle, pancetta e munster, un formaggio locale molto saporito.

Alcuni consigli pratici…

Alsazia con bambini: l’alloggio

Noi abbiamo optato per un appartamento. Essendo il primo viaggio con Simone ci siamo portati quasi tutta casa per cui pensare di farla entrare in una stanza d’albergo ci sembrava utopico. Avendo prenotato quando il piccolo era ancora nel pancione non avevamo ancora acquisito un’ottica completa di quello che ci sarebbe servito, per cui ci siamo fatti trasportare dalla visione poetica di questi villaggi e delle loro case a graticcio e abbiamo affittato una casetta in centro deliziosa. Peccato che la casetta deliziosa non si è rivelata pratica. Su più livelli, con una scala angusta da rendere impossibile il trasporto del bebè nella carrozzina dal piano terra alla stanza da letto e un po’ polverosa con tutto quel legno.

Alsazia con bambini-Obernai
Obernai

Alsazia con bambini: in quale paese soggiornare?

Colmar è sicuramente il più famoso e di conseguenza il più caro. Tuttavia l’abbiamo trovato meno suggestivo di altri per due motivi: è un po’ dispersivo e desolato, la crisi si è fatta sentire anche qui e molti negozi nel ring della città sono vuoti. Inoltre, trovandosi all’inizio della Route, vi trovereste lontani dai paesi che si trovano all’estremità opposta.

Consiglierei Riquewihr o Ribeauville, accoglienti, suggestivi e dotati di tutti i servizi necessari durante la permanenza.

Alsazia con bambini-Riquewhir
Riquewhir

 

Le tappe imperdibili di questa zona?

Riquewihr, Ribeauville, la Cave di Ribouville la piú grande della Route, le cicogne di Munster, il castello di Haut Koenigsbourg, il negozio Käthe Wohlfahrt di Riquewihr due piani di addobbi natalizi aperto tutto l’anno, Strasburgo e una crociera tra i canali della Petite France.

Alsazia con bambini-Koenigsbourg
Haut Koenigsbourg

Alsazia con bambini: alcune informazioni

  • I centri storici sono pavimentati con pavé. Ma non è simile al nostro, è composto da lastroni di pietra ampi con dei dislivelli importanti tra una lastra e l’altra. Consiglio di essere muniti di un trio ammortizzato. Tuttavia noi che ne eravamo sprovvisti abbiamo potuto constatare che Simone dormiva beatamente, il problema era solo nostro e delle nostre braccia!!!
  • parcheggi vicini ai paesini sono tutti a pagamento.
  • Questa destinazione è ideale anche per periodi invernali, perché ci sono dei bellissimi mercatini di natale.
  • Non ci sono molti supermercati ma più che atro negozietti. Se avete la necessità di fare un vera spesa tenete d’occhio i cartelli lungo la N83, i supermercati sono tutti nei paraggi di questa arteria principale.
  • Se passate dalla Svizzera vi suggerisco una tappa a Mendrisio a Fox Town, l’outlet per eccellenza, con negozi per tutti i gusti e con prezzi veramente speciali.

Alsazia con bambini-noi

La chicca in più

Nell’estate 2014 in Alsazia (a Ungersheim) ha inaugurato il Parco del Piccolo Principe, il primo parco aereo del mondo: 2 mongolfiere che sorvolano il parco, il bar posto a 35 metri da terra, ma anche le volpi ed un percorso a tappe che riprende l’intera favola del principino più amato del mondo!

Parco divertimenti Piccolo Principe Alsazia

Orari di apertura, costi e tutti i dettagli sono disponibili sul sito del Parco > Le Parc du Petit Prince

Per altre informazioni sulla zona > Turismo Alsazia

Laura
[Testi e foto di Laura Maestrini]

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

  1. Provenza con bambini: le gole del Verdon, il più grande canyon d’Europa
  2. Parigi con bambini: 48 ore alla scoperta della città
  3. Disneyland Paris con bambini: le attrazioni del parco
  4. Costa Azzurra con neonato: a spasso tra Saint Tropez e Marsiglia
  5. Berlino con bambini: consigli pratici per organizzare un weekend
  6. Austria in campeggio con bambini: la Carinzia tra laghi, montagne e antichi castelli

L'autrice: *Laura*

*Laura*

Mamma di Simone, classe 2013. Per me un viaggio è una scoperta che può essere fatta dietro l'angolo di casa o dall'altra parte del mondo. Certo quando parto per mete esotiche ho più aspettative, anche perchè solitamente significa maggior impegno nell'organizzazione rigorosamente fai da noi (io e mio marito). Prediligo l'oriente e non vedo l'ora di ritornarci con il piccolino.

Commenti

  • Reply Michela

    Anche io adoro la Francia…e infatti questo viaggio l’ho fatto e proprio durante la vacanza..saranno state le cicogne…abbiamo scoperto di essere in tre invece che in due…
    Non me la sono gustata in pieno perchè ero un pò “nauseata” ma è davvero una bellissima regione. Durante la vacanza abbiamo visitato anche la Lorena , Borgogna e Champagne ma ci hanno un pò deluso…L’Alsazia invece è deliziosa 🙂
    Complimenti ai genitori per il viaggio con un neonato di un mese, io non avrei avuto il coraggio.

    • Reply * Milly Marchioni *

      Dai Michela, che bello tornare in 3 da un viaggio!!
      E confermo, brava mamma Laura!! 😀

      • Reply Laura

        Effettivamente mi sono data dell’incosciente prima di partire… Peró devo dire che la vacanza è stata più facile del previsto!

        • Reply * Milly Marchioni *

          Io mi do sempre dell’incosciente prima di partire, quindi…continuiamo così, che dici? 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *