A Leolandia per conoscere Peppa, Thomas e Masha

Quest’anno all’inaugurazione di Leolandia avevamo un’inviata d’eccezione: super mamma Azzurra del blog babytrekking, che oggi ci racconta l’incontro con Peppa Pig!

Cosa potevo fare il primo giorno di primavera assieme ai miei bimbi, che fosse all’aria aperta (viste le previsioni di sole e calduccio), che consentisse loro molto divertimento e che magari potessero pure incontrare qualche beniamino dei cartoni animati? Risposta semplicissima: Leolandia, di cui aveva già parlato Jessica qui > Leolandia con bambini

Da Milano, raggiungere il parco è semplicissimo: uscita Capriate, e poi si è subito arrivati; il parcheggio, enorme, è proprio appena varcato l’arco d’ingresso (costo: 4 euro l’intera giornata), ed è molto comodo (degli addetti aiuteranno subito a trovare un posto, evitando la tortura della ricerca); subito scesi, ci siamo diretti alle casse e, successivamente ai tornelli d’ingresso.

A Leolandia per conoscere Peppa -ingresso

Leolandia è sicuramente il regno dei bambini: qui è tutto a loro misura, e appena entrati stupisce subito la pulizia (non troverete una cartaccia per terra), l’estrema cortesia del personale e le ambientazioni curate e ricche di particolari; viene subito fornita una cartina con l’elenco delle attrazioni, con chiaramente indicate le altezze minime previste sia per chi vi accederà da solo (i più grandicelli) sia per chi sarà accompagnato (ricordo che nei parchi divertimenti, gli ingressi sono regolamentati in base alla statura). Inoltre, al suo interno, la splendida ricostruzione della nostra Italia con tutti i monumenti in miniatura, tutta esplorabile e visitabile.

Ma cosa abbiamo visto noi, in questa stupenda giornata d’inizio primavera?

A Leolandia per conoscere Peppa -torta

Beh, subito siamo corsi ad ammirare una delle novità giunte proprio a festeggiare il 45esimo compleanno di Leolandia: il trenino Thomas! Federico, il piccolo di casa (due anni), non appena ha scorto, ancor fuori dai cancelli, l’azzurro delle locomotive, ha subito avuto chiaro il suo obbiettivo di giornata: salirci! Ed infatti, l’abbiamo immediatamente accontentato: dopo aver incontrato Sir Topham, ci siamo accomodati a bordo per compiere un delizioso giretto, che ci ha anche fatto scoprire meglio la sistemazione delle attrazioni che, successivamente, saremmo poi andati a sperimentare…

…direttamente dall’isola di Sodor per stupire i più piccini con l’inconfondibile fischio!

A Leolandia per conoscere Peppa -trenino

Non ci siamo fatti mancare le montagne russe, un giretto sulle navi “da combattimento” (che spruzzano acqua dai cannoni e consentono di iniziare una vera e propria battaglia con le avversarie che passano vicino), la ruota panoramica e la giostra che simula un intervento dei pompieri sparando getti contro delle finte finestre con incendio (e qui Davide, quattro anni, avrebbe passato la sua intera giornata).

A Leolandia per conoscere Peppa -pompieri

Ma la vera star della giornata era lei, la beniamina dei più piccini (e ormai anche dei loro genitori): Peppa Pig! Anche in questo caso Jessica ci aveva già illuminato > Il mondo di Peppa Pig.

Proprio il 20 marzo è stato infatti presentato, in anteprima nazionale, il nuovissimo episodio “Peppa Pig e gli stivali d’oro”, della durata di 15 minuti: dopo aver indossato le sue nuovissime galosce color oro, la nostra protagonista ne viene derubata da parte di una dispettosa anatra! Peppa, dovendo partecipare alla gara di salto nella pozzanghera, deve assolutamente recuperarle e quindi, con l’aiuto di tutti i personaggi della serie, si reca dapprima su di un’isola, poi addirittura sulla luna ed infine nel giardino del nonno, dove riesce nell’impresa di farsi restituire il maltolto. Può così partecipare alla competizione, che vince grazie alla collaborazione dei suoi amici, realizzando lo schizzo di fango più grande di sempre (e possiamo anche così trarre lo spunto per insegnare ai nostri piccini che, remando tutti nella stessa direzione, si possono ottenere grandi risultati!)

A Leolandia per conoscere Peppa -peppa

E se i pargoletti desiderassero ammirare dal vivo anche i luoghi ove si svolge la storia, non avranno che da chiedere e saranno immediatamente accontentati:

il mondo di Peppa infatti ospita la casa della maialina perfettamente ricostruita, con tanto di rain boots all’ingresso, televisione col Signor Patato, scale con bagno e cameretta al piano superiore, con tutti i giochi menzionati nelle puntate.

Al piano inferiore, appena prima dell’uscita, si può addirittura incontrare la vera Peppa in carne e ossa! Ci farà accomodare nella sua cucina, dove potremo aprire il frigo, il forno, gli armadietti e addirittura sederci per un pasto con i cibi preferiti della famiglia Pig.

A Leolandia per conoscere Peppa -cameretta

Appena fuori, ecco la macchina di Papà Pig, con tanto di volante per imparare a sterzare, nonché lo scivolo della torre ove è posto Nonno Coniglio; poco sotto, ecco il cantiere del signor Toro, pieno di attrezzi, buche, mattoni proprio come nel cartone: si potrà anche vedere l’acqua che fuoriesce da un tubo! E attenzione che nei paraggi si aggira sempre George

A Leolandia per conoscere Peppa -mattoni

Insomma: a Leolandia gli incontri con le baby-star non mancano!

C’è anche Masha con Orso, che però non abbiamo visto, impegnati com’eravamo tra Peppa e Thomas…ma certamente è un’occasione da non perdere per incontrare la bimba più pestifera della tv assieme al plantigrado con la pazienza di un santo.

Non posso che consigliare una giornata a Leolandia: i miei bambini si sono divertiti un mondo e non vedono l’ora di tornare!

A Leolandia per conoscere Peppa -auto

A Leolandia per conoscere Peppa: informazioni utili

  • passeggini: non l’avete portato e ve ne siete pentiti? Nessun problema! E’ attivo un servizio di noleggio interno al parco, così se i vostri figli fossero particolarmente stanchi, potrete tranquillamente correre ai ripari!
  • ristoranti: ce ne sono moltissimi, adatti ad ogni palato; chiaramente l’attenzione ai bimbi è massima, e si può sempre chiedere di scaldare eventualmente una pappa o un piatto fuori menù
  • aree baby: per i piccolissimi, sono previste aree allattamento, cambio e sosta. Utilissime per neonati!

.

Azzurra del blog babytrekking
{testi e fotografie di Azzura Forti}

.

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

.

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

L'autrice: Azzurra

Azzurra

Mamma di due bimbi (classe 2012 e 2013), fin da bambina ho sempre adorato camminare in montagna, in mezzo alla natura, rimanendo estasiata dai magnifici panorami e dagli assordanti silenzi che solo la natura può offrire. Ora mi accingo a trasmettere questa passione ai miei pargoletti, sperando che anche loro possano diventare dei trekker ed assaporare con me le bellezze delle nostre bellissime Alpi!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *