Bangkok con bambini: 2 giorni alla scoperta della città

Patrizia ci racconta la sua recente vacanza estiva in Thailandia: un viaggio zaino in spalla col marito e la figlia Giada, 10 anni. Prima tappa: Bangkok.

Complice una tariffa straconveniente della compagnia Oman Air trovata a gennaio mentre girovagavo sul web in cerca di mete per le vacanze estive (meno di 400 euro a testa) si decide: a luglio si va in Thailandia.

Da quel momento organizzare la vacanza diventa un lavoro, come sempre, ma qui ancor di più, visto che tappa obbligata sarà la visita a Bangkok e che poi ci sposteremo in 2 isole del golfo del Siam, Koh Tao e Koh Phangan, che dovrebbero garantire un tempo migliore rispetto alle altre della costa delle Andamane (più soggette al monsone) e mete predilette soprattutto da turisti con zaino in spalla, i cosiddetti backpackers. Anche noi, con la nostra Giada di 10 anni, vogliamo cimentarci per la prima volta in questa avventura! Devo quindi prenotare 4 alberghi, tutti i trasferimenti per le isole e nelle isole, assicurazione, e studiare l’itinerario della visita a Bangkok, che appare tutt’altro che facile! Pertanto inizio a documentarmi sul web, dove si trovano esperti viaggiatori che ti possono fornire una miniera di informazioni!

ECCO LE TAPPE DEL NOSTRO VIAGGIO A BANGKOK

  • Malpensa-Muscat-Bangkok, arrivo in serata, 1 notte e 1 giorno a Bangkok
  • Partenza alla sera in pullman+ catamarano per Koh Tao, dove ci fermiamo 5 notti
  • Partenza al mattino in traghetto per Koh Phangan, dove ci fermeremo 5 notti
  • Ritorno a Bangkok con traghetto + volo, dove ci fermeremo 2 notti

 

VOLARE A BANGKOK

La compagnia Oman Air si è dimostrata molto valida.

E’ possibile prenotare da subito i posti sugli aeromobili e il giorno precedente la partenza inviano un invito per il check in on line, che abbiamo colto. E’ risultato perfetto perché, essendoci un counter dedicato in aeroporto, non abbiamo fatto neanche un minuto di coda. Al ritorno, non potendo stampare le carte di imbarco, siamo arrivati 3 ore prima e non abbiamo fatto comunque fila.

Voli puntuali, atterraggi ottimi, intrattenimento ottimo, film e cartoni in italiano e tanti giochi su schermi personali touch screen; servizio a bordo essenziale, nessun gadget fornito se non nel volo Bangkok-Muscat, una sacca carina per Giada con mascherina e colori, ma per quel prezzo facciamo a meno anche dei gadget!

Estate in Thailandia-volo Oman Air con bambini

Cibo pessimo, molto piccante, tant’è che Giada ha mangiato solo pane e burro e una volta un pezzo di torta.

CONCLUSIONI: visti gli ottimi prezzi dei voli che sta mettendo fuori la compagnia aerea per mete molto interessanti, promossa a pieni voti!!

Bangkok con bambini: la nostra esperienza

L’HOTEL

Ho suddiviso la visita alla città in 2 giornate non consecutive: una il giorno seguente all’arrivo e una al ritorno dalle isole, in quanto volevo essere tranquilla e tornare con 2 notti di anticipo rispetto alla partenza per l’Italia.

Volevo che mia figlia e mio marito avessero un primo impatto davvero sorprendente con questa città molto particolare e quindi ho prenotato una grand room del lussuoso Chatrium Riverside hotel, un grattacielo sul fiume, per la modica cifra di 100 euro in tre! (in italia credo che sarebbe costato 4 volte tanto). Non vi dico l’entusiasmo di Giada all’arrivo in hotel e alla vista dalla nostra bella camera al 31 piano, 60 mq con soggiorno e angolo cottura, vetrata panoramica sullo skyline della città, e favolosa piscina sul fiume vista città, al IV piano!

Bangkok con bambini di notte

Vista l’ora tarda e la discreta stanchezza per il viaggio, ceniamo nel ristorante alla carta dell’albergo che è proprio sul fiume, mangiando bene in una cornice pittoresca e ad una cifra abbordabile..

L’hotel è un po’ decentrato ma ha una barca privata che parte ogni 15 minuti e ti porta al primo imbarcadero dove arrivano le barche del Chao Phraia Express, che fanno servizio lungo il fiume e ti consentono di raggiungere comodamente il centro della città antica e la zona dei templi.

LA VISITA DELLA CITTA’

E’ proprio con le barche che il giorno dopo ci spostiamo: ci vuole un po’ all’inizio ad orientarsi ma anche vedere la città dalla prospettiva del fiume è molto bello.

Scendiamo dalla barca alla fermata del Gran Palace e ci troviamo subito dentro ad un mercato dove vendono di tutto, cibo cucinato al momento, bibite fresche e succhi, vestiti, souvenir, con un caldo e un umidità da togliere il respiro! Non avendo ancora fatto colazione,ci prendiamo delle frittelle dolci ad un banchetto e un succo di melograno: buonissimi!

Riusciamo a visitare il complesso monumentale del Gran Palace, bellissimo e maestoso, ma è un caldo esagerato e c’è tantissima gente (per fortuna è nuvoloso, almeno non ci batte il sole in testa).

Bangkok con bambini Templi

Poi ci spostiamo nell’adiacente Wat Pho, dove vediamo il famoso enorme buddha sdraiato lungo 45 metri, alto 15, che mi è piaciuto tantissimo, oltre ai tanti chiostri e pagode con altre 1000 statue di Buddha.

Bangkok con bambini Wat Pho - Buddha d'oro

Dopodiché i miei compagni di viaggio sono letteralmente stremati e mia figlia scalpita per andare nella piscina dell’albergo a rinfrescarsi. Cerchiamo quindi un posto lungo il fiume per pranzare e, mio malgrado, tralasciamo l’idea del giro in barca lungo i canali fino al mercato galleggiante di Tailing Chan (che c’è solo nel fine settimana e che non potremo quindi vedere nell’altra giornata che abbiamo a disposizione). Ce ne ritorniamo a goderci la fantastica piscina prima della partenza alle 21 per il viaggio pullman + catamarano che ci porterà a Koh Tao.

Bangkok con bambini piscina in hotel

Al ritorno dalle isole alloggiamo nel quartiere di Banglampoo, nella vecchia Bangkok, proprio vicino alla famosa Kao San Road, la via dei backpackers, dove si trovano alloggi anche a pochissimo.

Per fortuna non ho prenotato proprio in quella via perché c’è una confusione infernale, tra gente, bancarelle e bar con la musica alta. Siamo nell’adiacente Rambuttri road, molto carina, all’hotel Rambuttri Village, veramente economico (77 euro x 2 notti) equivalente ad una pensioncina ma in posizione buona e non rumorosa e alla sera la strada diventa un mercato, cucinano di tutto, anche scarafaggi ed insetti!!

La mattina dopo mentre cerchiamo un posto per la colazione sbagliamo strada e un gentile thailandese si ferma offrendoci aiuto e ci consiglia la visita in barca ai canali..decidiamo di ascoltare il suo consiglio! Ci ferma un tuc tuc contrattandoci il prezzo e ci fa portare al molo dove possiamo noleggiare una long tail tutta per noi al prezzo da lui consigliato, che forse è un po’ più alto rispetto a quanto dovrebbe, ma seguiamo l’energia! Il giro è molto interessante, i paesaggi sono molto belli, si assapora la vita sul fiume, e ne vale sicuramente la pena.

Al termine, capito come si fa e i prezzi, fermiamo un altro tuc tuc, contrattiamo e ci facciamo portare ad uno uno dei must per chi visita Bangkok: la Jim Thompson House, ovvero una casa tipica thailandese in tek diventata un museo, costruita da un architetto americano che innamoratosi del paese, riportò in auge il commercio della seta in Thailandia. Oltre ad essere molto bella la costruzione ed essere inserita in un rigoglioso giardino tropicale, durante la visita guidata, si trovano dei pannelli che spiegano la storia del baco da seta e tutto il ciclo: Giada è molto interessata e alla fine è entusiasta di questa visita.

Bangkok con bambini Jim Thompson House

Al termine della visita ci dirigiamo verso i grandi magazzini di Bangkok che sono proprio lì vicino, cercando la piazza principale, Siam square, finchè scopriamo che anche se ha questo nome non è proprio una piazza, ma un insieme di strade trafficatissime e sopraelevate con attorno tutti i magazzini, detti malls, e qui ci perdiamo per ore e ore a guardare a curiosare, a fare acquisti…

Bangkok con bambini - Grandi Magazzini

Bangkok è anche questa. Ormai è il tramonto, avrei ancora un tempio da vedere in programma, la Montagna dorata poco distante, ma mi rendo conto che non posso proporlo; è l’ora di punta in centro quindi anche tornare al nostro albergo chissà quanto impiegheremmo..

…Mi viene un’idea: perché non concludere in bellezza andando a cena sul grattacielo più alto di Bangkok, il Bayoke sky, che è abbastanza vicino? La proposta viene accettata, ma quando arriviamo, il costo della cena è molto più alto rispetto a quello che è indicato sul web, ma si puo’ comunque salire all’ultimo piano del grattacielo e godere del paesaggio dalla piattaforma ruotante, con incluso nel biglietto un drink! E allora si va! Il panorama è veramente entusiasmante, ti accorgi di quanto Bangkok sia enorme e sicuramente è un bel modo per trascorre l’ultima sera..

CONCLUSIONI:

Bangkok è oltre che bella una città, un’esperienza particolare, una bella immersione nella cultura thailandese, bella la parte antica, particolare quella moderna.

Anche a Giada è piaciuta tantissimo: vuoi perché è divertente muoversi con tutti i mezzi di trasporto, dalla barca, al tuc tuc, ai taxi rosa o verdi, vuoi perché ovunque ci sono mercatini, vuoi per i grandi magazzini, che lì sono davvero grandi!

Sicuramente la visita va preparata, e occorre un attimo per orientarsi e capire come funzionano le cose.

In estate poi bisogna fare i conti con il caldo e con il fatto che probabilmente non si riescono a vedere tutte le cose programmate, ma occorre intervallare una rinfrescata in piscina o in un locale con aria condizionata.. Varrebbe la pena restare più dei 2 giorni che abbiamo fatto noi e godere di tutto ciò che ha da offrire per i bambini, come il Sea Life Bangkok Ocean World (un grande acquario che si trova dentro al grande centro commerciale Siam Paragon a Siam square), la ruota panoramica di Asiatique con il suo mercatino, Ancient Siam che è una specie di Thailandia in miniatura…

Per chi decide di recarsi a Bangkok comunque consiglio la scelta, almeno per 1 o 2 notti di un hotel di lusso per vivere anche questa esperienza senza svenarsi!

E le isole? Ve le racconto qui: Estate in Thailandia, le isole del Golfo del Siam

 

Patrizia
[testi e fotografie di Patty]

(la foto di copertina è tratta dall’originale di Adam, con Licenza Creative Commons)

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

 

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

Dai un’occhiata anche qui:

  1. Oman Air con bambini: si o no? Ni!
  2. Thailandia con bambini: come organizzare un viaggio nel Paese dei sorrisi
  3. Thailandia in gravidanza: il nostro itinerario
  4. Koh Lipe con bambini: tra tuffi e sorrisi
  5. Kuala Lumpur con bambini: dove alloggiare e cosa vedere

L'autrice: *Patrizia*

Patty per gli amici, moglie di Giuseppe e mamma di Giada, classe 2004, appassionata in particolare di paradisi tropicali! Ho bisogno di vedere posti nuovi o diversi, di evadere, quando posso, dalle solite visioni e realtà, per vivere con la mia famiglia fuori dalla quotidianità, vedere l'entusiasmo di mia figlia ad ogni viaggio, stare a contatto con la bellezza del mondo e contagiarmene...Amo organizzare vacanze fai da te, che sogno e pianifico molto tempo prima perchè..."non si parte per andare da nessuna parte senza aver prima di tutto sognato un posto e viceversa senza viaggiare prima o poi finiscono tutti i sogni" (W.Wenders)

Commenti

  • Pingback: Thailandia in gravidanza: il nostro itinerario

  • Reply laura

    grazie mille del tuo racconto. parto stasera per Bangkok anche io con oman air e ti confesso che con questa compagnia ne ho sentite di tutti i colori, per cui leggere che ti sei trovata bene mi fa solo che un grande piacere, oltrettutto la mia piccola ha più o meno l’età di Giada e sono convinta che si troverà benone sia in thailandia che malesia e Singapore. non vedo l’ora di leggere da là il racconto delle isole.. noi tentiamo la sorte a Krabi. a presto!!!!

    • Reply Patty

      Importante, se già non l’hai fatto stampati il nome e indirizzo dell hotel a Bangkok in thai :i taxisti spesso non conoscono neppure i migliori hotel e non sanno l inglese!

      • Reply laura

        patty anche tu hai viaggiato di notte con oman air?? per me è la prima volta, ho sempre preso il volo di giorno. la tua giada è riuscita a dormire? valentina, classe 2004 come giada mi ha già detto che ha intenzione di passare la notte a vedere film e display…. praticamente una minaccia.. ma speriamo che crolli

        • Reply patty

          Si ho viaggiato di notte e non è poi male perchè arrivi a Bangkok la sera quindi si cena e poi si dorme! In questo modo anche il jet leg non l’abbiamo sentito mentre è stato tremendo al rientro! Giada è stata sveglia nel primo volo Milano Muscat, eccitata dal voler fare giochi, vedere film, ecc ecc, come sarà la tua, poi nel volo Muscat Bangkok le abbiamo imposto di dormire (ma era anche un bel po’ stanca!!) poi si è rifatta un sonellino nel tragitto dall’aeroporto all’hotel in taxi..giusto per riprendersi per essere di nuovo eccitata dall’hotel!!!

          • laura

            bene.. grazie mille.. speriamo che anche vale alla fine crolli!!!!! e speriamo in un volo tranquillo

          • * Milly Marchioni *

            Arrivare alla sera è sempre la cosa migliore, perchè tanto si tende ad essere a pezzi dal viaggio e quindi si dorme in hotel quando si arriva!

  • Reply Patty

    Beata te che parti stasera! Io ho una gran nostalgia! X Oman air basta portarsi qualcosa da mangiare x i bambini, e qualcosa da intrattenerli nel transito perché non c’è proprio nulla! X il resto attendiamo i tuoi racconti al ritorno, sono curiosa di sapere di krabi che deve essere ancora più bella! Portati una valigia in più perché ci sono tante cose da comprare!!! metti pochi vestiti in valigia e prendi tutto la quel che ti serve, costa pochissimo! Buona vacanza!

    • Reply * Milly Marchioni *

      Sono certa che, almeno nella valigia del marito di Laura, si libererà tanto spazio per poterci mettere le cose comprate in Thailandia! 😉 😉 😉

      • Reply laura

        ahahahah milly tu si che conosci tutta la mia storia

    • Reply laura

      grazie mille.. quest’anno partiamo veramente poverissimi.. solo trolley per tutti più una valigia dove abbiamo messo dentro anche del cibo (per oman air e per la thai visto che ovunque abbiamo il cucinino).. quindi una volta finito il cibo ci resta la valigia mezza vuota da riempire in thaiandia, magari al ritorno quando facciamo le altre due notti a Bangkok.. guarda ho una voglia di partire che fa luce e siccome sono malata di viaggi (milly lo sa e buona come è mi accetta come sono) non ci crederai ma sto già navigando alla ricerca di un buon volo per giappone bis ….ahaahha proprio irrecuperabile.

  • Reply Tiziana

    Noi siamo a Koh Tao in questi giorni e abbiamo fatto prima 4 gg a Bangkok! Anche io consiglio il trasferimento notturno bus + ferry, comodo per le bimbe che hanno dormito, un po’ meno per gli adulti 🙂
    Come albergo a BKK noi siamo stati al Royal Orchid Sheraton, sul fiume e lo straconsiglio! Sono riuscita ad avere la camera doppia (con 2 letti queen size, praticamente 2 matrimoniali quindi perfetti per la nostra famiglia di 2 adulti e 2 bimbe) a 84€ a notte senza colazione (ma con possibilità di prepararsi te e caffè in camera e con dei biscotti ci siamo arrangiati). Ha 2 piscine bellissime sul fiume, utili per rinfrescarsi dopo la giornata calda di BKK e la barca privata che porta alla fermata dello Skytrain e del Chao Phraia Express

    • Reply * Milly Marchioni *

      Ragazze io dovevo conoscervi prima! L’idea di alloggiare nei pressi del fiume è troppo comoda! Io andai in Thailandia nel 2007, in cinta di 2 mesi, quindi potete immaginare in quali condizioni attraversai la città per raggiungere la fermata del Chao Phraia Express!
      Vabbeh, dai, mi toccherà tornarci quanto prima!

    • Reply laura

      bene tiziana noi arriviamo domani. saremo all’asoke suhkumvit, scelto per la bella quadrupla di 123 mq.. io adoro lo spazio e credimi dopo i vari dieci metri quadrati del giappone mi sembra finalmente di respirare.. ragazze fa caldissimo vero? o non peggio della torrida pianura padana?

    • Reply patty

      ottima offerta per il Royal Orchid Sheraton! Milly gli alberghi sul fiume sono stupendi, forse la location migliore di Bangkok! e anche comoda direi. Com’è adesso il tempo a Koh tao? a luglio era spesso nuvoloso. Dopo andate anche a Koh Phangan? Anche quella bellissima isola!! A koh Tao non perdetevi Koh Nang Yuan, meraviglia!!!!

      • Reply * Milly Marchioni *

        Anche alle Perhentian in luglio al pomeriggio veniva sempre a piovere e ci hanno detto che è normale così…probabilmente è proprio una questione climatica di quella zona…

  • Pingback: Estate in Thailandia: le isole del golfo del Siam

  • Pingback: Koh Lipe con bambini: tra tuffi e sorrisi | Bimbi e Viaggi

  • Pingback: Vacanza in Thailandia con bambini in inverno nel Mar delle Andamane

  • Pingback: Phi Phi Islands con bambini: vacanza in Thailandia con bambini al mare

  • Pingback: Phuket con bambini: ultima tappa del viaggio in Thailandia con bambini

  • Pingback: Railay con bambini: vacanza in Thailandia con bambini Bimbieviaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *