Trekking in gravidanza e con bimbi: passeggiata ai Laghi di Colbricon

Oggi Azzurra, la nostra super esperta di trekking ci parla di una escursione ai Laghi di Colbricon, raggiungibili da Passo Rolle all’interno del Parco Naturale di Paneveggio: una meraviglia a portata di tutti, compresa una mamma incinta di 6 mesi!

Cosa c’è di più bello che fare un’escursione poco impegnativa, coi propri piccini, ma estremamente appagante dal punto di vista paesaggistico? Niente!!! Ecco quindi che vi propongo una passeggiata breve, ma che vi conquisterà: i Laghi di Colbricon.

Stavolta niente passeggino da trekking, dal momento che il terreno sconnesso non lo consente, ma zaino: quando ci sono stata, ero incinta di 6 mesi, quindi non abbiate timore! Se ce la può fare una donna in dolce attesa, allora è davvero per tutti!

Trekking in gravidanza: l’itinerario ai Laghi di Colbricon

Si lascia l’auto a Malga Rolle (i parcheggi non sono moltissimi, per cui magari non è il caso di partire troppo tardi), poco prima della cima dell’omonimo passo (arrivando dalla Val di Fassa).

Dal momento che il giorno da noi prescelto era Ferragosto, abbiamo seguito la fiumana che si dirigeva in discesa verso l’imboccatura del sentiero, che si addentra bello deciso in un bosco profumatissimo. Non ci sono tratti particolarmente impegnativi, ma la pendenza comunque c’è e si sente (o l’avvertivo io che avevo un fagottino che pesava sul davanti…), ma comunque il tragitto è talmente breve che si arriva a destinazione molto presto, in circa 40 minuti (pause comprese!)

Laghi di Colbricon con bambini - Trekking in gravidanza

Non appena il bosco si dirada, sulla destra appare il primo dei due laghi (quello cosiddetto “basso” m. 1909), segno che ormai mancano pochi passi alla meta.

Il bel pianoro con l’altro lago (m. 1922) e il Rifugio Colbricon (m. 1922) offrono davvero un panorama superlativo e abbiamo fatto fatica a trovare un piccolo posticino dove sistemarci per il nostro pic-nic.

Laghi Colbricon e bimbi: un connubio perfetto

I bimbi qui trovano davvero il loro ambiente ideale (non per niente ce n’erano a milioni!!): gli ampi prati sono l’ideale per giocare e per far fare la pennichella a quelli più piccoli e inoltre l’acqua è sempre fonte di grande gaudio per tutti!

Laghi di Colbricon con bambini - Trekking in gravidanza

Si può anche eventualmente fare il giro del lago per poterlo ammirare da più angolazioni e lo suggerisco, perché consente di esplorarlo più da vicino, scoprendo angolazioni insolite tutte da fotografare; non ci siamo fatti mancare una bella capatina al Rifugio per mangiarci un dolce e mettere il timbro sul nostro passaporto delle Dolomiti.

Come passeggiata la consiglio vivamente perché i laghi di Colbricon sono davvero un’oasi: i vostri bimbi rimarranno estasiati di fronte al bel panorama e soprattutto i più grandicelli ameranno da pazzi lanciare i sassi nell’acqua e fare a gara a chi per primo vede qualche pesce!

Laghi di Colbricon con bambini - Trekking in gravidanza

Laghi di Colbricon: scheda della passeggiata

  • Durata indicativa per famiglie: 40 minuti
  • Lunghezza e dislivello: 1 km; Malga Rolle (m. 1910) – Rifugio Laghi di Colbricon (m. 1922), ma appena partiti, c’è una discesa di un centinaio di metri, che si recuperano appena il sentiero s’innesta nel bosco
  • Difficoltà: medio/facile

Link utile > Il sito del Parco di Paneveggio, spiega in dettaglio le curiosità sul nostro itinerario.

 

Azzurra
(Testi e fotografie di Azzurra Forti, alias “Duevoltemamma” e “baby Trekking”)

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

 

Potrebbero interessarti anche:

  1. Tutti i nostri racconti di trekking > Trekking con bambini by Bimbi e Viaggi
  2. Trekking con bambini in alta quota: qualche consiglio pratico

 

L'autrice: Azzurra

Azzurra

Mamma di due bimbi (classe 2012 e 2013), fin da bambina ho sempre adorato camminare in montagna, in mezzo alla natura, rimanendo estasiata dai magnifici panorami e dagli assordanti silenzi che solo la natura può offrire. Ora mi accingo a trasmettere questa passione ai miei pargoletti, sperando che anche loro possano diventare dei trekker ed assaporare con me le bellezze delle nostre bellissime Alpi!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *