Parco Terraviva a Ferrara: un cuore verde dentro la città

Chi l’avrebbe mai detto che in pieno centro storico a Ferrara, una delle più belle città italiane, potesse esserci un parco così grande e perfetto per il divertimento dei bambini? Oggi vi presento il Parco Terraviva.

Siamo andati a Ferrara in missione speciale per iDO, il famoso marchio di abbigliamento per bambini con il quale sto collaborando a un progetto di cui presto vi darò maggiori dettagli.

Il compito che ci avevano affidato era uno di quelli a cui non si può dire di no: andare a conoscere il Parco Comunale gestito dall’Associazione Nuova Terraviva, una grandissima area verde nel cuore della città, dove è stato ambientato il set dell’ultimo catalogo iDO (autunno – inverno 2016).

Parco Terraviva a Ferrara - panorama
Non avevo mai sentito parlare di questo parco e la curiosità era davvero tanta.

Risultato? Posso dire con certezza che si tratta di una tappa imperdibile per chi sta visitando la città con i bambini e magari vuole fare una pausa gioco/relax tra un museo ed un palazzo storico.

Parco Terraviva a Ferrara:
come nasce il grande orto in città

Questa grande area verde che si trova all’interno delle antiche mura cittadine, fu voluta dal Duca Ercole I nel 1492 per ampliare la superficie della città. Inglobando la campagna circostante, le sue dimensioni raddoppiarono e fu creato un grande orto cittadino curato dai frati cistercensi. Con questa “addizione erculea” Ferrara si è quindi pregiata del titolo di città moderna col primo piano regolatore europeo.

Cosa si può fare dentro al parco Terraviva

Parco Terraviva a Ferrara - labirinto

Un dedalo di sentierini, stradine “segrete” e lunghe siepi ti accompagna alla scoperta del parco, in un itinerario che definirei “labirintico”. Costeggiando il parco lungo il sentiero ciclabile si arriva fin sulle mura antiche.

Ma la parte più interessante è certamente quella che si trova alle spalle dell’azienda agricola. Se da un lato si tratta oggettivamente di un bellissimo playground immerso nella natura, non secondario è l’approccio steineriano degli “intrattenimenti” presenti: tutti i giochi sono ricavati da materiali naturali, legno, corde, liane, tronchi di albero, in perfetta sintonia con l’ambiente circostante.

parco terraviva a ferrara playground

Il piccolo percorso di ponti sospesi e passerelle passa attraverso una piccola foresta di bambù e sfocia in una carinissima casetta sull’albero.

parco terraviva a ferrara casa su albero

E poi ancora dondoli e corde appesi ai rami, scalette per arrampicarsi, percorsi in legno per equilibrismo e via dicendo, per arrivare anche ai laboratori organizzati periodicamente per lavorare la lana cotta o altro…

parco terraviva a ferrara dondoli

Un’ampia area è dedicata agli orti condivisi e agli orti dei bambini. Ci sono galline libere, capre e pecore, arnie per allevare api e produrre miele.

Parco Terraviva a Ferrara - orto

E tutto attorno, alberi da frutta e anche un percorso a tappe (cosmogramma biodinamico) che racconta gli alberi e conduce chi ne ha voglia in un percorso medidativo e di ascolto di se stesso e della natura circostante.

Parco Terraviva a Ferrara - ponti
Insomma, un luogo di divertimento ed educazione dove la natura la fa da padrona e dove, nella semplicità, anche i più piccoli riscoprono il modo di divertirsi servendosi solo di ciò che la terra mette a disposizione.

Oppure, in modo più semplicistico ma altrettanto funzionale, il parco Terraviva offre a cittadini e turisti un’ottima via di fuga dagli itinerari cittadini per recuperare le forze e ripartire alla scoperta della città con tutta l’energia necessaria.

 

Informazioni pratiche

  • L’ingresso principale del parco si trova in Via delle Erbe 29, a pochi passi da palazzo Diamanti, in zona a traffico limitato.
  • In Piazza Ariostea ci sono alcuni posti auto gratuiti, altrimenti in zona sono presenti diversi parcheggi a pagamento (facilmente rintracciabili con la segnaletica stradale).
  • Il parco è aperto dalle 9 alle 19 e l’ingresso è gratuito.
  • Attenzione: durante l’estate si tengono i campi estivi quindi si può accedere all’area gioco dell’associazione solo dopo le 17!
  • All’interno del parco è possibile sistemarsi sui tavoloni o a terra per fare picnic con cibo portato da casa.
  • Presso l’azienda agricola è inoltre presente un punto ristoro che vende anche prodotti agricoli coltivati in loco.
  • L’associazione organizza attività, laboratori, campi estivi, corsi… per ogni informazione, visitate il sito: NUOVA TERRAVIVA

Milly
{testi e fotografie di Milena Marchioni}

.

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

.

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

Dai un’occhiata anche qui:

  1. Parco avventura a Reggio Emilia: il Parco Matildico
  2. Visitare i parchi con i bambini: tutti i racconti di Bimbieviaggi
  3. Parchi acquatici con bambini: i racconti di Bimbieviaggi

L'autrice: * Milly Marchioni *

Mamma di Amanda, classe 2007. Viaggiatrice indipendente, adoro il mare e le isole tropicali ma anche la montagna e in generale i viaggi a contatto con la natura...passando per le città, i piccoli borghi, i castelli, le sagre di paese... Scoprire il mondo con gli occhi di mia figlia mi sta aiutando a crescere come viaggiatrice ma soprattutto come persona.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *