Visitare le Petronas con bambini: le twin towers di Kuala Lumpur

Laura è andata a Kuala Lumpur con la sua famiglia e, come inviata di Bimbieviaggi, ha visto la città dall’alto salendo niente meno che sulle Petronas Twin Towers, una delle migliori opere di ingegneria al mondo…

In occasione del nostro viaggio in Malesia non abbiamo potuto visitare le Petronas poichè in quei giorni erano chiuse > Kuala Lumpur con bambini < ma per fortuna siamo riusciti a passare il testimone a Laura, una super mamma viaggiatrice, che ci racconta oggi la sua specialissima visita sulle Menara Petronas…

Siamo arrivati a Kuala Lumpur in un caldo ed afoso giorno di agosto e appena ci siamo avvicinati al centro città, siamo rimasti folgorati dalla bellezza e dall’imponenza delle torri gemelle, Twin Towers, meglio conosciute come torri Petronas dal nome del petroliere che le ha finanziate.

Le due torri emergono prepotenti nel piatto paesaggio urbano donando un’immagine di potenza e di brivido e sono splendide da tutte le angolazioni!

Petronas con bambini-torre

Grazie a Milly abbiamo ottenuto l’accesso alle Petronas alla sera del 19 agosto, ore 18.30: l’orario è molto importante per la salita alle torri in quanto il panorama diventa molto più bello via via che ci si avvicina al tramonto, allorquando il cielo si tinge di rosso e di giallo e fa da contrasto col verde intensissimo della giungla intorno.

Menara Petronas con bambini: la nostra visita

Siamo arrivati come da accordi una mezz’oretta prima alla biglietteria, dove ci attendeva la nostra guida speciale che ci avrebbe accompagnati nel giro e spiegato la storia delle famose torri.

La biglietteria si trova al piano seminterrato, un luogo molto grande e pulito dove si attende di poter accedere al primo ascensore, quello che porta alla passerella centrale.

Prima di arrivare al primo ascensore bisogna però far passare gli oggetti sotto un metal detector e si viene dotati provvisoriamente di pass da mettere al collo.

L’ingresso è limitato nel tempo e nel numero di persone di modo che si possa godere di tutta la maestosità di questa avventura in piccolo gruppi e non si indugi troppo, lasciando cosi spazio ad altri.

Subito passato il controllo ecco arrivare un fotografo per la foto di rito, che può essere successivamente acquistata ad un prezzo di circa 25 euro allo shop in uscita.

Petronas con bambini-foto
Devo dire che è un bel ricordo: dietro la famiglia vengono stampate le Petronas abbellite con i fuochi d’artificio ed inserite in una cornice elegante.

Una volta passato il fotografo ecco l’ascensore, piuttosto piccolo a dire il vero, e in pochissimi secondi eccoci alla passerella centrale, quella che permette il passaggio da una torre all’altra e ci regala il primo brivido dell’altezza. Siamo al 42 piano a 170 metri di altezza

Petronas con bambini-42 piano

Sulla passerella è consentito soffermarsi al massimo venti minuti e noi ci siamo divertiti a passare da una torre all’altra sempre sotto l’occhio vigile dei tantissimi guardiani appostati in ogni punto delle torri.

Siamo passati quindi al secondo ascensore che ci ha portati in cima alla torre (452metri).

Appena si spalancano le porte dell’ascensore, la meraviglia e il brivido hanno la meglio. La città è ai nostri piedi, il vento fischia e sembra a volte far vibrare l’intera struttura. L’altra torre si erge accanto a noi altrettanto imponente e guardare giù non è facilissimo, perché il senso di vertigine è alto.

Petronas con bambini-vertigini

La struttura è ampia, ci sono finestroni immensi in ogni lato e una fedele ricostruzione delle torri nella parte centrale. Con il tesserino magnetico dato all’ingresso è possibile ricreare un disegno tridimensionale delle torri e questo generalmente piace moltissimo ai bambini.

Anche qua in cima ci si può soffermare solo una ventina di minuti ma bastano per godersi il panorama, il tramonto e l’emozione di essere su un edificio altissimo!

E’ ora di scendere, veniamo fatti accomodare nell’ascensore che ci porterà in un locale buio con tante stelle e i poster dei grattacieli più alti al mondo e da là in un altro ascensore che ci porterà a terra direttamente al book shop.
Terminiamo così con l’acquisto della mitica foto e qualche souvenir la nostra bella avventura sulle torri gemelle più alte al mondo!

Petronas con bambini-torre gemella
Per chi come noi viaggia con bambini e ragazzi consiglio molto questa esperienza:

  • non è per nulla faticosa, anche senza passeggino le distanze da coprire a piedi sono minime;
  • da l’idea dell’imponenza e solitamente ai bimbi/ragazzi piace la sensazione data dal vuoto e dal vento che sibila facendoti ballare un po’;
  • la struttura è sicurissima, pulitissima e di facile accesso;
  • non c’è mai ressa o calca, il personale è gentilissimo e molto attento alle necessità o anche alle semplici curiosità degli ospiti.

Petronas con bambini-relax
Usciti dalle Petronas si può poi passeggiare nel centro commerciale Suria e attendere che le luci della notte accendano le torri rendendole ancora più belle.

Au revoir, Petronas!!!

LINK UTILI:

> Petronas Twin Towers

> Petronas Twin Towers su Wikipedia

Laura
{
testi e fotografie di Laura Arata}

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

Dai un’occhiata anche qui:

  1. Tutti gli articoli di Bimbieviaggi su >>> Malesia con bambini
  2. Viaggio in Asia con bambini tra Cambogia, Malesia e Singapore
  3. Viaggiare durante il Ramadan: la nostra esperienza a Dubai e in Malesia
  4. Cosa fare a Dubai con bambini (Burj Khalifa, la torre più alta del mondo)
  5. Toronto con bambini: alla scoperta della più grande città del Canada

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *