Villa Mazzacorati e il Museo del Soldatino a Bologna

Questa mattina abbiamo visitato Villa Mazzacorati a Bologna, sede del Museo Nazionale del Soldatino….ma non solo…

Villa Mazzacorati è una delle tante meraviglie che si trovano a Bologna, di quelle che ci si passa davanti spesso (l’ingresso principale è su Via Toscana) ma ormai fanno talmente parte del panorama che non ci si rende conto di cosa si celi dietro a quei cancelli e a quelle enormi colonne!

Per fortuna ci ha pensato Mamma Cult a farmi conoscere questo luogo ricco di arte e storia….

Mamma Cult a Bologna: la cultura a misura di mamma e bambini

Ho già parlato delle iniziative di Mamma Cult quando la mia amica Alessandra, reduce dalla visita al Museo della Storia, ci ha raccontato di essere rimasta piacevolmente colpita da questi eventi rivolti a bambini accompagnati dai genitori.

La curiosità di provare questa esperienza è stata finalmente soddisfatta oggi: quando ho saputo che ripartiva la programmazione di Mamma Cult a Bologna mi sono subito prenotata. E, ora lo posso dire anch’io, sono proprio contenta di averlo fatto perché la mattinata è stata piacevole per tutti! Alla tradizionale visita guidata infatti, Mamma Cult affianca attività dedicate ai bambini, a tema con il luogo visitato. Non solo nozioni storico-architettoniche ma anche giochi e divertimento in compagnia!

Villa Mazzacorati

 

Villa Mazzacorati Bologna con MammacultDai primi del ‘600, la Villa fu sede di nobili famiglie bolognesi (Marescotti, Aldrovandi, Mazzacorati). In stile neoclassico, Villa Aldrovandi Mazzacorati -questo il suo nome completo- è la prima villa neopalladiana di Bologna e in essa si riconoscono tanti elementi tipici delle famose ville venete, come le grandi colonne frontali e la barchessa…(in origine inoltre l’edificio era di colore bianco).

Villa Mazzacorati Bologna con Mammacult
Dettaglio delle decorazioni interne
Villa Mazzacorati Bologna con Mammacult
Porta interna

Nel 1935 divenne proprietà dei Fasci di Combattimento e successivamente sede dell’Istituto Nazionale fascista di Previdenza Sociale: proprio per questo, durante la seconda guerra mondiale, la villa fu bombardata e subì ingenti danni. Le parti ricostruite sono quindi in stile moderno. Oggi inoltre la struttura ospita uffici dell’ASL che non sono accessibili al pubblico…facile immaginare che non si tratti di attività atte a valorizzare le ricchezze che si trovano nella villa…

Ciononostante i motivi per visitarla non mancano…

Il teatrino

Uno dei motivi per cui consiglio vivamente una visita a Villa Mazzacorati è lo splendido teatrino privato che si trova al suo interno. Realizzato nel 1763 e splendidamente conservato, credo che la migliore parola per definirlo sia “gioiello”…e spero di poter presto assistere a qualche spettacolo al suo interno!

Villa Mazzacorati Bologna con MammacultVilla Mazzacorati Bologna con Mammacult

Due ordini di logge “sorrette” da sirene e tritoni, un piccolo palco con veduta centrale in prospettiva, pareti affrescate, luci soffuse…un ambiente che trasuda profumo di storia e nel quale si è catapultati indietro nel tempo, quando i nobili si esibivano in spettacoli davanti ai loro ospiti….

Villa Mazzacorati Bologna con MammacultVilla Mazzacorati Bologna con Mammacult

Il Museo del Soldatino

Un altro motivo per cui Villa Mazzacorati è una meta imperdibile soprattutto con i bambini è il Museo Nazionale del Soldatino “Mario Massaccesi”: ospitato in villa dal 1990, espone circa 50.000 pezzi che raccontano la storia del soldatino giocattolo oltre a ricostruzioni esatte di personaggi storici.

Villa Mazzacorati Museo del Soldatino Bologna Villa Mazzacorati Museo del Soldatino Bologna

Inutile dire che i bambini sono rimasti affascinati da una mostra così ricca, che meriterebbe sicuramente stanze ben più ampie!

Villa Mazzacorati Museo del Soldatino Bologna

Il Giardino 

Per concludere, sin dalle origini la villa è sempre stata circondata da grandi giardini: all’italiana davanti, all’inglese sul retro, con una grotta artificiale dove una madonnina ha ora preso il posto della Sibilla che vi campeggiava in epoche antiche…Villa Mazzacorati con Mammacult

Nell’area alberata limitrofa è inoltre presente un parco pubblico con tavoloni e qualche gioco, dove i bimbi hanno trascorso un po’ di tempo realizzando a mano i loro personali soldatini!Villa Mazzacorati con MammacultVilla Mazzacorati con Mammacult

Qualche informazione pratica su Villa Mazzacorati

  • E’ possibile accedere gratuitamente all’interno della villa e del giardino che la circonda, dalle 8 alle 20 (anche se non si ha una visita prenotata presso gli ambulatori! 😉 )
  • Il museo del soldatino è accessibile gratuitamente durante gli orari di apertura: i dettagli qui
  • Per visitare il teatrino è necessario contattare l’Associazione Cultura e Arte del ‘700 …oppure partecipare agli eventi di Mamma Cult! 😉

 

Per quanto riguarda Mamma Cult….

I prossimi appuntamenti:

  • 26 ottobre 2013: Il Gelato Museum Carpigiani (noi ci siamo già stati e ne abbiamo parlato in questo post)
  • 24 novembre 2013: I segreti delle Gallerie della Pinacoteca Nazionale

Tutti i percorsi sono percorribili con passeggino.

E’ obbligatoria la prenotazione scrivendo all’indirizzo email bologna@mammacult.it

Dite che vi manda Bimbi e Viaggi e usufruirete di 2 Euro di sconto sull’ingresso!

Tutti i dettagli sono sul sito di Mamma Cult.

 

Milly
[testi e fotografie di milena marchioni]

 

Potrebbero interessarti anche:

  1. MAMMA CULT: la cultura a misura di mamma e bambini
  2. Museo del gelato di Bologna: un viaggio alla scoperta del gusto
  3. Bologna con bambini: un percorso sensoriale tra i Musei della città
  4. Un viaggio fra le note del Museo della Musica di Bologna

Per leggere tutti i nostri post su Bologna >>> CLICCA QUI <<<

L'autrice: * Milly Marchioni *

Mamma di Amanda, classe 2007. Viaggiatrice indipendente, adoro il mare e le isole tropicali ma anche la montagna e in generale i viaggi a contatto con la natura...passando per le città, i piccoli borghi, i castelli, le sagre di paese... Scoprire il mondo con gli occhi di mia figlia mi sta aiutando a crescere come viaggiatrice ma soprattutto come persona.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *