Il camper in inverno: piccoli consigli per spostarsi quando fa freddo

[BIMBI E CAMPER] Oggi Stefania, la nostra mamma camperista, ci parla dei viaggi in camper durante l’inverno, con tanti consigli pratici per affrontare il freddo…

Dopo che Stefania ci ha spiegato i suoi 5 buoni motivi per scegliere il camper , mi è venuta una gran voglia di partire e sperimentare questo mezzo per me nuovo…Però, mi sono detta, dovrò aspettare la primavera, come si fa col freddo!?
E invece…ecco che Stefania mi è venuta in aiuto…

Camper in inverno: si può fare!

camper in inverno

Viaggiare in camper d’inverno è sicuramente più impegnativo che d’estate ma con qualche piccolo accorgimento e l’attrezzatura giusta, la buona riuscita della vacanza è assicurata.
Uno dei limiti maggiori è che gli spazi all’interno sono ristretti, quindi bisogna prevedere di trascorrere gran parte del tempo all’aria aperta. Per questo motivo credo che la vacanza ideale in inverno abbia una durata di 3-4 giorni al massimo, che possono comunque aumentare, in base all’età dei bambini e al tipo di appoggio che si sceglie: area sosta o campeggio.

Camper in inverno: campeggio o area sosta?

La maggiore comodità del campeggio è rappresentata dal fatto che vi si trovano tutte le facilitazioni necessarie. Le cose più importanti sono sicuramente l’allacciamento alla corrente elettrica e i servizi igienici riscaldati con docce e tutto quello che serve per l’igiene personale.
Il prezzo del campeggio può arrivare anche a 40/45 € a notte in alta stagione per un equipaggio di 4 persone. Come per gli hotel, i campeggi hanno una classificazione da 1 a 5 stelle in base ai servizi offerti.

L’area sosta invece è un po’ più spartana e assomiglia ad un grande parcheggio destinato esclusivamente ai camper.
I prezzi per l’area sosta sono ovviamente più bassi e si aggirano intorno ai 10 € per equipaggio (camper e persone). Alcune aree sosta (incustodite) sono addirittura gratuite.

Nel caso non vi sia la corrente, il camper è in grado di avere un’autonomia fino a 2/3 giorni (dipende dal camper e dai consumi).
Ricordate comunque che ovunque vi troviate, il camper nasce con l’intento di dare autonomia ai viaggiatori. Qualsiasi camper è fornito di un sistema di riscaldamento autonomo che vi permette di impostare la temperatura che desiderate. E’ possibile farsi la doccia con l’acqua calda e avere l’acqua corrente. Insomma, una piccola casa in miniatura!

Camper in inverno: dove andare?

Viaggiare in inverno è bellissimo! Ci sono tantissime mete adatte ai bambini di tutte le età.
Per i più piccoli consiglio vivamente i mercatini di Natale. Per noi sono diventati un must: siamo stati a Merano e Vipiteno, Innsbruck e Trento. Si respira un’atmosfera magica e nei periodi di maggiore affluenza ci sono speciali iniziative per camperisti come ad esempio bus navetta per raggiungere i mercatini o i centri città.camper in inverno

Per i più grandicelli, si può utilizzare il camper come punto d’appoggio per le escursioni sugli sci. Nella maggior parte dei casi le aree sosta si trovano ai piedi delle piste o addirittura nella pista stessa. Ci è capitato a S. Vigilio di Marebbe, nell’area sosta del comprensorio di Plan de Corones: messo lo snowboard direttamente nell’area sosta ubicata lungo la pista! Un paradiso per gli amanti della neve!camper in inverno

Camper in inverno: qualche consiglio pratico

In montagna è auspicabile fare rifornimento con un carburante speciale antigelo (importantissimo). In alternativa ci sono degli additivi antigelo da aggiungere al normale carburante.

È necessario munirsi delle speciale coperture isolanti per i vetri (è infatti dall’abitacolo che entra la maggior parte del freddo).

Se si prevede di soggiornare in luoghi in cui la temperatura scende di molto sotto lo zero, meglio non utilizzare l’acqua dei rubinetti del camper perché potrebbe ghiacciare nelle tubature. Se proprio non volete rinunciare all’acqua corrente esistono degli additivi da mettere nel serbatoio.

E’ bene munirsi di una pala per spalare l’eventuale neve o grattare lastre di ghiaccio.

Bisogna avere sempre le catene a bordo (e aver letto prima le istruzioni!) o i pneumatici invernali anche per non incorrere in salatissime multe…

Stefania
(
testi e fotografie di Stefania Pasquali, alias MammaOrsaCuriosona)

Potrebbero interessarti anche:
  1. Bimbi in camper: le avventure di Stefania
  2. Da Capo Horn a Capo Nord (prima o poi): in camper con bambini, in attesa di volare di nuovo!
  3. Noleggio camper per famiglie in Italia e nel mondo: i consigli degli esperti

L'autrice: *Stefania*

Mamma di due bellissime bambine di 3 e 1 anno. Assieme a loro condivido la passione di famiglia per i viaggi in camper. Adoro progettare le vacanze nei minimi dettagli e ogni volta ci sentiamo dei piccoli esploratori alla ricerca del tesoro perduto!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *