Tour del Sudafrica con bambini: dallo Tsisikamma National Park a Cape Town

Il viaggio di Marzia attraverso il Sudafrica col piccolo Alex (21 mesi) sta giungendo al capolinea: negli ultimi quattro giorni dovrà raggiungere Città del Capo attraverso la Garden Route per poi ritornare in Italia…

Tutto il diario di viaggio di Marzia in Sudafrica è a questo link: Sudafrica by Marzia

Quattro giorni soli per andare dall’Addo National Park a Città del Capo, e da lì tornare a casa: indubbiamente troppo pochi per quello che il sud di questo splendido paese ha da offrire. Ma, almeno per quel che ci riguarda, i giorni di ferie sono poco negoziabili, quindi abbiamo dovuto fare una scelta, che ho già spiegato nel prologo di questo diario.

Lasciato perciò l’Addo National Park, con gli occhi ancora pieni delle sue meraviglie, ci mettiamo in viaggio verso Cape Town: i km sono tanti, e il tempo un po’ tiranno ci costringerà a non vedere tantissimo della Garden Route. Ecco quali sono state le nostre soste.

Tour del Sudafrica con bambini: Tsitsikamma National park

Un mio amico, che era stato in Sudafrica prima di me e che non ringrazierò mai abbastanza, mi aveva detto che dovevo assolutamente dormire all’Oceanette dello Tsitsikamma National Park, perciò ho prenotato qua la notte successiva all’Addo: nonostante le Oceanette siano solo una delle numerose soluzioni possibili per dormire in questo variegato parco, non sono molto gettonate d’inverno, essendo completamente esposte ai capricci meteorologici dell’Oceano Indiano. A conti fatti, tutto il parco non è molto pieno, si vede la differenza di clima anche solo con l’Addo: qui non ha mai fatto abbastanza caldo da togliersi il pile, nemmeno di giorno, e questa diventerà ahimè una costante di tutto il resto della vacanza. Benvenuti al Sud, che dà il meglio di sé nella loro estate.

Tour del Sudafrica con bambini-oceanette

Eppure… eppure, le Oceanette, che altro non sono che una fila di villette arroccate sulle rocce di fronte all’oceano, consentono di godere di una splendida vista sull’Oceano Indiano dalla terrazza, e pace se in inverno non si può godere di molto tepore: il panorama che si gode da qui, ma anche nel resto del parco, vale bene la sosta. Tanto più che da qui per andare a Cape Town bisogna passare, e da qualche parte occorre pur dormire no? 😉

Qua faremo anche la conoscenza di un animaletto che non abbiamo avuto modo di conoscere bene nel resto del nostro tour africano: il babbuino.

Tour del Sudafrica con bambini-babbuino

Estremamente intelligenti, i babbuini sono perfettamente in grado di aprire le maniglie delle auto (e infatti consigliano di chiuderle a chiave!) e di aprire le porte scorrevoli delle verande delle Oceanette, se non si chiudono con la serratura. Di questa ultima cosa sono certa, perché mentre io e Alex eravamo fuori a giocare, mio marito se l’è trovata davanti, che ci saccheggiava il frigo (bottino: svariate banane, 2 uova, una confezione di bacon…colazione in casa, addio!). Se vi chiedete come mai l’abbia lasciata fuggire con la nostra colazione, sappiate che questa deliziosa scimmietta era alta quanto lui..!

Tour del Sudafrica con bambini: le ostriche di Krysna

C’è un solo vero motivo per venire a Krysna d’inverno (anche se devo ammettere che è una cittadina molto graziosa che ricorda un po’ le immagini del New England) e sono le coltivazioni delle sue ostriche. Se amate il genere, qua potete farne una scorpacciata a un prezzo davvero irrisorio.

Tour del Sudafrica con bambini-ostriche

Inutile dire che noi ci siamo fermati per pranzo, e ne abbiamo approfittato anche per far sgranchire un po’ Alex, dopo un’intera mattinata in auto: nella zona della Marina c’è un grazioso parco giochi per i bimbi, manco a dirlo deserto, come il resto di Krysna che pullula di seconde case, scommetto tutte aperte e piene durante le vacanze natalizie.

Tour del Sudafrica con bambini-parco-giochi

Tour del Sudafrica con bambini: a Jeffrey’s Bay di domenica

Lo sapevate che tutti quei favolosi outlet della Billabong, della O’Neill e delle altre marche per surfisti di cui dicono meraviglie in internet la domenica sono chiusi? Ecco, ora lo sapete! Jeffrey’s bay è famosa non solo per le sue tavole da surf, ma per vendere tutto ciò che gira intorno a questo sport a prezzi scontatissimi: sempre, eccetto la domenica!

Tour del Sudafrica con bambini-jeffrey

A parte lo shopping mancato (il portafoglio ringrazia) abbiamo dedicato alla cittadina e al suo bellissimo lungomare una pausa pranzo allungata. Fate solo attenzione con i bambini, perché qui come sul resto di questa costa l’inverno i cavalloni possono essere davvero traditori. Vero è che la temperatura dell’acqua (e dell’aria..) non invita certo a bagnarsi, però fate attenzione a farli giocare troppo vicino a riva, specie se sono molto piccoli.

Tour del Sudafrica con bambini: le balene di Hermanus

Dopo la sosta allo Tsitsikamma, abbiamo pernottato nel bellissimo Cliff Cottage, un B&B di quelli che piacciono a me: la mattina, infatti, abbiamo fatto colazione in sala da pranzo, in un tavolo con tutti gli altri ospiti, chiacchierando piacevolmente.

Purtroppo a Hermanus ho avuto il primo, vero rimpianto della vacanza: non aver prenotato l‘uscita in barca per vedere le balene! Mi sono fidata di chi mi ha detto che da riva si vedevano comunque bene….ma noi a parte qualche coda in lontananza, e qualche sbuffo, non abbiamo visto poi granché! Forse saremo stati sfortunati, o forse chi ci ha consigliato aveva la vista come un falco! Comunque non aver fatto la crociera rimane l’unico vero rimpianto di questa vacanza, quindi vi consiglio caldamente di non seguire il mio esempio!

A parte le balene (visibili solo alcuni mesi l’anno, del resto..) consiglio di percorrere la Hermanus cliff paths, perché è stupenda: è una bellissima passeggiata a un passo dallo strapiombo sull’oceano (occhio ai bambini!), molto panoramica!

Tour del Sudafrica con bambini: i pinguini del Capo

Tour del Sudafrica con bambini pinguino

Sono tanto carini i pinguini, ma puzzano orribilmente! Meglio partire preparati, specie se il vento soffia nella direzione sbagliata, ovvero dai pinguini verso di voi 😉 Se avete fatto qualche safari e pensate che un leone puzzi, è perché non avete mai odorato dei pinguini da vicino.

Eppure ecco una visita che entusiasmerà i bambini (di tutte le età): questa gita che si può fare anche in giornata da Cape Town (o come noi, prima di arrivare in città) e completerà il carnet di animali visti nella vostra visita in terra sudafricana, facendovi solo desiderare una cosa..di tornare molto presto in questo angolo di globo!

Con questo il nostro assaggio della Garden Route ha fine: siete pronti per arrivare con noi a Cape Town?

 

Marzia
[testi e fotografie di Marzia Bordiga]

Potrebbero interessarti anche:

Tutto il diario di viaggio di Marzia in Sudafrica è a questo link: Sudafrica by Marzia

Sudafrica con bambini: tutto quello che c’è da sapere prima di partire

Sri Lanka con bambini: il nostro tour

Volare con bambini: come scegliere il volo perfetto?

L'autrice: *Marzia*

Mamma di Alex, classe 2010. Viaggiatrice fai da te dal 2004, mi ero ripromessa di non smettere dopo la nascita di mio figlio e ho mantenuto la promessa. Per farlo ho dovuto cambiare il mio modo di viaggiare e imparare a guardare ogni meta con altri occhi. Quella che temevo fosse una privazione, cioè rendere ogni viaggio a misura di bimbo, si è rivelata una splendida occasione per vedere quanto visitare il mondo può dare a un bambino. Inutile dire che da questa scoperta ogni viaggio fatto con Alex è stato più bello di tutti quelli fatti senza di lui.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *