La Laguna di Marano in Friuli: gita in motonave con bambini

Quando abbiamo iniziato a pianificare il nostro weekend in Friuli, ci si è subito “accesa la lampadina” nel leggere delle sue Lagune, delle sue aree protette e della possibilità di esplorarle con una gita in giornata sia da Lignano che da Grado.

Come ho già raccontato in questo post, lo scorso weekend siamo stati “Blogger per caso” alla scoperta del Friuli Venezia Giulia con bambini: non avevamo preparato un programma definito perché le cose da fare erano veramente tante e volevamo riservarci la libertà di decidere una volta arrivati sul posto, anche grazie alle numerose segnalazioni ricevute dai lettori.

Però la gita in una delle lagune friulane ci era entrata proprio nella testa…

Motonave con bambini sulla Laguna di Marano

Quindi, neanche il tempo di arrivare a Lignano che subito ci siamo catapultati alla Darsena di Viale Italia, dalla quale sarebbe partita la Motonave Geremia da Saturno.

Già dalla biglietteria avevamo intuito che tipo fosse il capitano della nave, ma mai ci saremmo immaginati che una gita del genere potesse piacerci tanto.

La Laguna di Marano è un’ampia zona di mare con le acque molto basse: addirittura con la bassa marea le barche rischiano di rimanere in secca.

Laguna di Marano in Friuli - motonave con bambini

In lontananza si vedono le Alpi Carnie, e tutt’attorno la calma piatta del mare, qualche barchetta ferma a pescare, piccoli isolotti con sopra i casoni, tipiche costruzioni locali, aironi, cigni reali e cormorani neri, ogni tanto qualche pesciolino si affaccia in superficie…

Navigare su queste acque è un po’ come girare lungo le strade di un piccolo paese: pali di legno delimitano il canale navigabile e ci sono addirittura dei veri e propri cartelli stradali che indicano la direzione.

Laguna di Marano in Friuli - motonave con bambini

La differenza è che qui non c’è traffico, ci si saluta allegamente coi passeggeri delle altre barche e il clacson lo si suona solo per salutarsi. 😉

La Laguna di Marano: quali tappe

La prima tappa della gita à l’Isola di Sant’Andrea, denominata ISOLA DELLE CONCHIGLIE: lunga 5km e larga poche decine di metri, l’origine del suo nome è evidente appena metti piede in spiaggia. Nonostante l’acqua bassa, calda e limpida, nessuno fa il bagno, ma sono tutti chinati a raccogliere qualcosa da terra…le conchiglie! Ce ne sono davvero tante!

Isola delle Conchiglie nella Laguna di Marano in Friuli - motonave con bambini

Dal molo di attracco della motonave, in pochissimi minuti a piedi si raggiunge la spiaggia delle conchiglie. Sull’isola non c’è assolutamente niente, nemmeno i servizi, un piccolo tuffo in oasi incontaminata, lontana dal caos e dai palazzoni delle riviera.

La seconda tappa invece è a MARANO, piccolo borgo marittimo: 2000 abitanti di cui 250 vivono di pesca. Qualcuno la definisce una piccola Venezia, forse anche perchè, pur essendo in provincia di Udine, vi si parla dialetto veneto!

Laguna di Marano in Friuli - motonave con bambini

Uno di quei paesini formato famiglia dove è bello passeggiare al tramonto, tra un gelato ed un aperitivo in piazzetta, su cui si affacciano la torre millenaria, l’antico Palazzo dei Provveditori e i vari localini… tutto attorno le piccole calli da esplorare in libertà, senza una direzione precisa.

E infine il ritorno alla base, un lento e rilassato rientro al calar del sole, bella musica in sottofondo, un panorama unico col sole che si scalda e scende alle spalle della laguna, mentre la nave corre leggera sul mare che si increspa solo al passaggio delle altre barche…E dei capitani davvero speciali, che hanno guidato la motonave fino al porto di Lignano!

Laguna di Marano in Friuli - motonave con bambini

La conclusione perfetta per una gita così ben riuscita.

Un grazie di cuore a Capitano Adriano per averci saputo regalare un pomeriggio pieno di allegria, ma anche di scoperta, di canzoni suonate alla chitarra e tante utili informazioni sulla storia e l’ambiente di questa splendida laguna!

Motonave Geremia da Saturno Capitano Adriano

Laguna di Marano in motonave: qualche informazione pratica

  • L’escursione dura circa 4 ore: possono sembrare tante ma garantisco che il tempo vola!
  • L’acqua è bassa e calma quindi anche chi soffre di mal di mare non dovrebbe soffrire
  • Sulla motonave sono presenti i servizi igienici (utilizzabili solo mentre si naviga) e anche un bar che vende snack e bibite
  • Sulla motonave è possibile posizionarsi al sole o all’ombra (sia all’interno che all’esterno)
  • Oltre a questa gita, la motonave Geremia da Saturno organizza tante attività durante quasi tutto l’arco dell’anno, con gruppi organizzati o con scolaresche, di carattere sia ludico che didattico. Filo conduttore delle visite, oltre all’allegria, è sicuramente la scoperta del territorio: il Capitano Adriano canta, racconta aneddoti, ti suggerisce i migliori punti di osservazione, ti spiega tutto quello che si trova attorno a te..
  • Durante le soste a terra si può passeggiare liberamente, ma visto che non si deve girare molto, in caso di bimbi piccoli io sconsiglio il passeggino. Molto più comodo lo zainone porta bebè o la fascia che è meno di impiccio in barca
  • Le navi partono dalla Darsena di Lignano Sabbiadorio, corso Italia: non serve la prenotazione ma io consiglio di telefonare prima di andare, soprattutto nei periodi di bassa affluenza turistica

Laguna di Marano in Friuli - motonave con bambini

Link utili:

> La Laguna di Marano

> La Motonave Saturno

Milly

(testi e fotografie di Milena Marchioni)

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

 

Leggi anche qui:

Bambini e mal d’auto: come prevenire e gestire la cinetosi

Bimbi in barca: dieci mosse per una crociera perfetta

L'autrice: * Milly Marchioni *

Mamma di Amanda, classe 2007. Viaggiatrice indipendente, adoro il mare e le isole tropicali ma anche la montagna e in generale i viaggi a contatto con la natura...passando per le città, i piccoli borghi, i castelli, le sagre di paese... Scoprire il mondo con gli occhi di mia figlia mi sta aiutando a crescere come viaggiatrice ma soprattutto come persona.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *