Atlanta con bambini: l’imperdibile College Football Hall of fame

Torniamo negli Stati Uniti, per la precisione ad Atlanta: Francesca ci racconta la sua visita alla “College Football Hall of Fame”… inutile dire che si tratta di una tappa imperdibile per tutti gli appassionati di sport!

Durante il nostro viaggio ad Atlanta, dopo aver visitato il Coca Cola World, non potevamo certo perdere quest’altra attrazione con il nostro Lorenzo (7 anni), un’idea molto particolare per gli amanti dello sport, soprattutto per i maschietti di tutte le età: la College Football Hall of Fame.

Forse non tutti sanno che negli Stati Uniti le Università giocano un importantissimo campionato di football, che viene seguito quasi quanto il campionato nazionale. Tifosi particolarmente accaniti ne sono, ovviamente, allievi ed ex allievi delle stesse scuole, ma non solo! Alabama, Clemson, Stanford sono tra le Università che vantano le squadre più forti ed acclamate.

Atlanta con bambini -palloni

Atlanta con bambini: il museo del Football

Ad Atlanta ha sede la College Football Hall of Fame, un museo interattivo e molto particolare che noi abbiamo scoperto grazie a CityPass, in quanto questa attrazione era una di quelle incluse nel carnet di biglietti, acquistabile ad un prezzo molto vantaggioso. Vedi sito > CityPass

Il museo si trova nel cuore della città, a pochi passi dalla CNN e vicino al Georgia Aquarium e al Coca Cola World, ed è facilmente raggiungibile sia con i mezzi pubblici (MARTA fermata Dome/GWCC/Philips Arena/CNN Center Station) che con l’automobile. Tra l’altro, proprio questa attrazione dispone di un grande parcheggio a struttura a pagamento a prezzi più che onesti, considerata la posizione privilegiata (molto comoda, peraltro, per visitare anche altri must della città tra cui la vicina CNN).

Atlanta con bambini -News
Premetto che noi non conosciamo o seguiamo il campionato universitario, tuttavia ci siamo divertiti un mondo in questo singolare museo. Basti pensare che il motto della Hall of Fame è: “Fun for Kids of All Ages”, ossia “Divertimento per ragazzi di tutte le età”, e così è stato… Infatti, mi domando ancora se si sia divertito di più il mio bambino 7enne o il mio marito 40enne! 😉

La particolarità dell’attrazione si vede già dal ticket che viene consegnato all’ingresso, che è un vero e proprio pass digitale con tecnologia RFID da utilizzare lungo tutto il corso della visita.

Appena entrati nella Hall, un addetto aiuta i visitatori a registrare il proprio pass, con nome e squadra preferita. Io ho scelto la locale Georgia Tech, che ha sede proprio ad Atlanta, mio marito e il mio piccolo hanno invece optato per la Louisiana State University (LSU) con sede a Baton Rouge, la cui mascotte Mike the Tiger aveva conquistato Lorenzo nel nostro precedente viaggio di Agosto 2015.

Atlanta con bambini -Fra&Lory

Non appena la squadra del cuore viene scelta, si illumina uno degli oltre 700 elmetti rappresentativi degli University football teams ed inizia la vera e propria “Fan Experience”.
Il pass è un componente fondamentale della visita, in quanto consente ai visitatori di accedere a tutte le attrazioni digitali, e diventa un souvenir in quanto è possibile portarlo a casa come ricordo.

Atlanta con bambini -Ticket
Cosa abbiamo fatto alla College Football Hall of Fame

  • Abbiamo risposto a dei divertenti quesiti su cosa farebbe un bravo allenatore di football per motivare il team.
  • Abbiamo fatto il tour virtuale (non solo immagini, ma anche suoni) di alcuni dei più famosi stadi.
  • Ci siamo “misurati” rispetto alla corporatura ideale di un vero campione.

 

Atlanta con bambini -Giocatore

  • Abbiamo visto le riprese di alcuni dei momenti più significativi della squadra da noi scelta.
  • Abbiamo ammirato i balletti delle favolose cheerleader.

Atlanta con bambini -monitor

  • Abbiamo imparato quali squadre hanno tra loro maggiore rivalità.
  • Abbiamo capito gli alimenti ideali per la dieta di un campione.
  • Abbiamo assistito ad un mini film sulle squadre più famose.
  • Abbiamo giocato a stabilire l’agenda quotidiana di un giocatore, conciliando studio (ricordiamoci che sono pur sempre studenti universitari!), allenamento e divertimento.
  • Abbiamo fotografato alcuni cimeli storici appartenuti ai più grandi sportivi.

Atlanta con bambini -cimeli
Dopo due ore piene di giochi, quiz e virtual tour, è arrivato il momento di chiusura e, nostro malgrado, abbiamo dovuto abbandonare il museo, con il grande rimpianto di non aver potuto provare a tirare la palla (sì, la Hall dispone pure di un vero campo dove è possibile misurare la propria abilità!).
Se per noi l’esperienza è stata super divertente, posso solo immaginare come per un vero “Fan” di questo sport possa essere a dir poco epica!

Atlanta con bambini -Gioco
In conclusione, noi ci siamo divertiti tantissimo, e non possiamo che consigliare questa attrazione.
La visita è davvero diversa rispetto ad un qualsiasi museo tradizionale: i bambini di tutte le età possono essere veri protagonisti e alcune attrazioni sono pensate proprio per i più piccoli. Gli spazi sono grandi, puliti e luminosi e perfettamente accessibili anche con carrozzine e passeggini.

I bambini, soprattutto i maschietti, si divertono un mondo ad interagire con tutti i dispositivi presenti, e per tutta la famiglia sarà un modo originale per immergersi e vivere uno spaccato della cultura americana.

Grazie College Football Hall of Fame, grazie CityPass!

Per altre informazioni su Atlanta, vi consiglio questo interessante articolo di Simona Sacri, travel blogger specializzata negli States.

.

Francesca
{Testi e fotografie di Francesca Dal Mas}

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

 

Devi organizzare un viaggio negli States? Dai un’occhiata anche qui:

  1. USA con bambini: guida alla scelta del volo
  2. Bambini e USA: guida alla scelta dell’alloggio perfetto
  3. Stati Uniti con bambini: consigli pratici per un viaggio low cost

L'autrice: *Francesca*

Mamma di Lorenzo, classe 2008. La mia passione per i viaggi nasce da due genitori fantastici che mi hanno fatto scoprire, fin da piccolissima, quel luogo magnifico che è la Terra. Ex "bimba viaggiatrice", non potevo non fare lo stesso splendido regalo al mio bambino, che ora segue me e mio marito nelle nostre avventure a spasso per il mondo!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *