Viaggio in Kenya con bambini, tra il mare di Watamu e il safari allo Tsavo

Manuel, 3 anni e mezzo, ha fatto il suo primo viaggio intercontinentale in Kenya: ecco il racconto di mamma Elisa e le sue emozioni in questa magica terra…

Volete fare un viaggio meraviglioso? Volete staccare da tutto e da tutti e vivere vere emozioni? Allora il Kenya è un’ottima soluzione.

Prima settimana di marzo 2017.
Partiamo quando a Bologna le temperature sono ancora abbastanza gelide e c’è troppa nebbia.
Volo diretto Meridiana, Milano – Mombasa, con scalo tecnico (di 1 ora circa) a Zanzibar, per rifornimento.
Primo volo intercontinentale di nostro figlio, Manuel, di 3 anni e mezzo: siamo un pochino titubanti, temiamo di avere scelto una meta troppo lontana, troppo stancante e poco sicura dal punto di vista sanitario, ma per fortuna abbiamo dovuto ricrederci su tutto.
Anzi… il fatto di fare cose nuove, nuovi contesti, paesaggi e persone, hanno incuriosito Manuel, ed è stato molto più bravo che a casa, nella sua solita routine.

.

Viaggi in Kenya con i bambini: LEGGI QUI
tutti i racconti della community di Bimbieviaggi

.

Viaggio in Kenya - zebra

Viaggio in Kenya con bambini:
la nostra esperienza

Arrivati a Mombasa, si entra subito in contatto con una città molto caotica e polverosa, un enorme cantiere: la Cina sta investendo qui molto denaro per vari lavori stradali.

Per fortuna partiamo subito in direzione Watamu ed il paesaggio che si vede dalla macchina mi fa già sentire meglio. Palme, fiori, cielo azzurro, piccoli villaggi, case di fango. Si respira aria di vacanza. Nuova linfa vitale. Relax mentale.

Arriviamo al cottage Mimi na Wewe, la nostra nuova casa per tutta la settimana, che abbiamo scoperto grazie ai racconti di Patrizia > Kenya con bambini: il mal d’Africa colpisce ancora). Veniamo accolti da Gloria e Gianni, una coppia di Verona che dopo i 50 anni ha deciso di trasferirsi a Watamu, per la precisione a Timboni, un villaggio che non si affaccia direttamente sul mare, ma che ti fa respirare la vera Africa. Nulla a che vedere con i classici resort gestiti da italiani che ti sembra di stare a Riccione. Al Mimi na Wewe si vive un’esperienza autentica.
Trascorriamo il primo giorno al mare, alla spiaggia di Jacaranda. Colori strepitosi. Sole splendente, caldo, acqua trasparente, azzurra e turchese e sabbia bianca. Una giornata di vero relax.

Viaggio in Kenya - jacaranda

Il giorno successivo Gloria e Gianni organizzano un pranzo nel villaggio di Jimmy (sarà la nostra guida al safari). Jimmy ha 10 figli e vive in un villaggio a mezz’ora di tuk tuk da Timboni: è un villaggio autentico, nulla di ricostruito per il turismo.

Palme, case di fango, assenza di energia elettrica, ma tanti sorrisi. Bambini meravigliosi, allegri ed incuriositi da un bambino bianco, che per tutta la giornata hanno accolto come un fratellino, prendendolo per mano, in braccio, aiutandolo ad esplorare il loro territorio, giocando con lui ed intendendosi alla perfezione, pur parlando 2 lingue completamente diverse. Un’emozione incredibile. Anche Manuel è stato talmente rapito dal loro affetto e da tutte queste novità, che per almeno 2 ore si è completamente dimenticato di noi.

Appagati da questa sorprendente giornata, da questa esperienza indimenticabile, rientriamo al Mimi na Wewe.

Viaggio in Kenya - bimbi

Il giorno dopo, sveglia presto per il safari, un’esperienza irrinunciabile per chi viene in Kenya!

Leggi anche > Tsavo con bambini: safari formato famiglia in Kenya

Partiamo alla mattina, con Jimmy, la nostra guida, e Johnny, l’autista. Con noi viaggiano anche Riccardo e Monika, una coppia di Lucca.
Si parte alla mattina presto per raggiungere lo Tsavo: ci aspettano 2 ore di viaggio su strada sterrata, tanta natura, e tanti bambini a bordo strada che ci salutano o che ci rincorrono gridando “caramellaaa”. Il viaggio procede benissimo, e facciamo una prima sosta pranzo, in un’area con alloggi, piscina e ristorante. Quest’area sorge sul fiume, ed affacciandoci al parapetto si possono vedere i coccodrilli. Manuel è felicissimo!!!
Dopo un buon pranzo ed un bel tuffo in piscina, proseguiamo con la jeep, ed entriamo a tutti gli effetti nel parco.

Viaggio in Kenya - safari

Meraviglioso! Per 2 giorni un tripudio di animali, cammelli, elefanti, zebre, gazzelle, facoceri, tanti volatili, e sua maestà, il leone.
Ne abbiamo visti diversi, leoni e leonesse. Vederli liberi nel loro territorio, in questa terra rossa che caratterizza l’Africa, è entusiasmante.
Al tramonto vediamo un’ultima mandria numerosissima di elefanti, diretti alla pozza per abbeverarsi, poi entriamo nel recinto che ospita il campo tendato. La meraviglia del safari è proprio che gli uomini sono in “gabbia”, e gli animali sono liberi attorno. Spettacolare.

Viaggio in Kenya - leonessa
Il campo tendato è molto confortevole, la “tenda” che non è solo tenda, ma in parte è anche in muratura, è attrezzatissima: 1 bel letto matrimoniale con zanzariere, 1 letto ad 1 piazza, ed 1 bagno con doccia ed acqua calda. Ottimo anche il ristorante a buffet!

Temevo che per Manuel il safari potesse essere troppo faticoso, ma per un bambino di 3 anni e mezzo, che non ha problemi a stare in macchina, si fa benissimo. Ogni tanto faceva un pisolino sul sedile posteriore, poi di nuovo pronto ad ammirare le meraviglie della natura.

Viaggio in Kenya - elefanti

Solo un consiglio. Armatevi di sali minerali solubili, perchè con il caldo tremendo di marzo, per un bambino (ma anche per gli adulti), sono utili.

Il giorno successivo al safari, Davide, la mascotte del Mimi na Wewe, il braccio destro di Gianni e Gloria, ci accompagna a Malindi: avevamo infatti chiesto di poter vedere il mercato, per immergerci nella realtà quotidiana di Malindi e, col tuk tuk, ci addentriamo in questo fantastico labirinto di bancarelle di vario genere, frutta, verdura, borse, vestiti…ma quella che mi colpisce di più, è la bancarella delle ciabatte, fatta con i ritagli di vecchi pneumatici. In Africa si ricicla tutto!!

Al pomeriggio ci rilassiamo al Mimi na Wewe: tante piacevoli chiacchiere in piscina con Gianni e Gloria.
Ah…se andrete al Mimi na Wewe, scordatevi della dieta: si mangia benissimo, ogni giorno carne e pesce, specialità locali, un sacco di verdure e frutta, di un gusto completamente diverso!!! Ananas e mango, divini!!!

Viaggio in Kenya - mimi na wewe

Ultimo giorno: godiamo del mare, all’isola dell’amore. Palme, mare azzurro, relax.

Preparatevi che in spiaggia, su tutta Watamu e dintorni, vi “assaliranno” i beach boys, ragazzotti intraprendenti, dai nomi simpaticamente inventati (Limone, MaxMara…) che vi proporranno qualsiasi cosa, escursioni, gadgets intagliati nel legno, parei…sono molto insistenti, ma al tempo stesso piacevolmente sorridenti!!
Per l’ultimo giorno decidiamo di dare ascolto ad uno di loro, che ci propone una piccola escursione in barca fino all’isola dell’amore.
Mentre noi facciamo il bagno, si improvvisa anche paparazzo, facendoci foto con la mia macchina fotografica che gli avevo gentilmente chiesto di tenere, mentre eravamo in acqua.

Viaggio in Kenya - isola dell'amore

Ultima giornata di sole e relax, piacevolissima, soprattutto per Manuel, che qui ha la possibilità di toccare una stella marina panettone e di vedere un enorme pesce palla.

Il giorno successivo, ahimè bisogna partire. Purtroppo una settimana vola, e ci sarebbero tantissime altre cose da fare e vedere.
Dopo aver lasciato il “nostro cuore” (nel vero senso della parola, capirete poi cosa significa se alloggerete al Mimi) in Kenya, partiamo, con la mente riposata, il cuore pieno di emozioni, certi, che prima o poi, questa terra, meriterà un secondo viaggio.

Anche l’Africa, se fatta responsabilmente, con un bambino piccolo, si può fare, e non ve ne pentirete.

Viaggio in Kenya - stella marina panettone
Non finiremo mai di ringraziare Gianni e Gloria, e tutto lo staff del Mimi na Wewe, per la straordinaria settimana trascorsa.

Viaggio in Kenya: qualche informazione utile

  • Noi non abbiamo fatto l’antimalarica, il pediatra aveva un po’ insistito, ma ho letto ovunque che non ci sono problemi.
  • Ho portato Autan, ma l’ho usato solo 2 volte.
  • Fra i medicinali utili: fermenti lattici, antibiotico intestinale e Dissenten (o simile), perchè il caldo, il cambiamento di alimentazione, la frutta…ecc…possono dare qualche problema.
  • Nei mesi precedenti alla partenza, a Manuel ho fatto fare solo il vaccino per l’epatite A, che comunque gli tornerà utile ovunque, anche in Italia!
  • Per preparare i bimbi al viaggio, date un’occhiata qui: Libri sull’Africa per bambini

 

Buona vacanza a tutti!

Elisa
{testi e fotografie di Elisa Canova}
.

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

.

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

Dai un’occhiata anche qui:

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *