Viaggio in Giappone con 3 gemelli? Si può!

Se credete che viaggiare con famiglie numerose non sia possibile, date un’occhiata alle avventure di Pamela e dei suoi 3 bellissimi gemelli, che oggi ci portano nientemeno che in Giappone!

Ecco il mio racconto di viaggio in Giappone! La mia esperienza può essere d’aiuto ad altre famiglie, diciamo numerose, eh sì perché noi viaggiamo con 3 gemelli di 4 anni…  Non mi soffermerò molto sulla bellezza e la magia dei posti visitati nel mio racconto, ma soprattutto sugli aspetti pratici utili a chi viaggia con più bambini.

Siamo partiti per il Giappone con 3 gemelli in Agosto e abbiamo suddiviso il nostro viaggio in diverse tappe:

  • 7 notti a Tokyo come base per varie escursioni,
  • 1 notte a Takayama,
  • 1 notte Kanazawa,
  • 1 notte Mijajima
  • le ultime 6 notti a Kyoto

Giappone con 3 gemelli - tempio buddista
Il volo dell’andata che prevedeva scalo a Amsterdam è stato cancellato, ma siamo stati subito riprotetti su un comodissimo volo Alitalia diretto per Tokyo, che è andato benissimo. I bambini non hanno avuto problemi, voglio dare speranza a tutti i genitori di bimbi under 4: noi quest’anno abbiamo visto un miglioramento netto di qualità di viaggio; niente intrattenimenti extra per i bambini, se non un libro di sticker, e i bimbi si sono intrattenuti da soli con i cartoni dell’aereo, hanno dormito e mangiato. Dopo 12 ore siamo atterrati a Narita e da lì con il Narita Express in un’ora e mezza circa siamo arrivati a Tokyo.

Giappone con 3 gemelli

GIAPPONE CON 3 GEMELLI:
LA NOSTRA ESPERIENZA

A Tokyo bisogna prendere un po’ di confidenza con la metro e i treni, ma una volta capito come funzionano è veramente tutto molto semplice. Avevamo con noi un passeggino singolo e uno gemellare e devo dire che l’unico inconveniente era che ci mettevamo un po’ di più a entrare e uscire dalle stazioni per cercare ascensori ma tutte le stazioni ne sono dotate.

Abbiamo sempre soggiornato in hotel in stanze non particolarmente grandi (ma gli standard del Giappone sono questi) con due letti matrimoniali, le due notti in ryokan, invece, in stanze molto grandi dove ognuno di noi aveva il suo letto.

Giappone con 3 gemelli -tempio
In Giappone ad Agosto fa caldo ed il clima è molto umido, ma non ho trovato troppa differenza con l’estate romana.

In generale, la situazione sanitaria e l’igiene sono al top, quindi il Giappone è un viaggio perfetto anche per bimbi molto piccoli e la sicurezza nelle città è a livelli stellari.

Il Paese è molto attento ai bambini; in ogni ristorante veniva loro fornito piattino e forchetta con pupazzetti, i miei figli super felici. Hanno mangiato tutto senza problemi dal ramen alla ciotola di riso, dalla carne al pesce;. Non è assolutamente complicato farli mangiare c’è di tutto. Quando li vedevamo un po’ stanchi della cucina locale andavamo al McDonald o in qualche catena americana. Abbiamo mangiato veramente bene e speso relativamente poco (in 5 stavamo sui 50 euro di media a pasto). Macchinette che vendono bibite sono pressoché ovunque per dissetarsi durante la giornata: con il caldo sono fondamentali.

Non abbiamo avuto difficoltà a pagare con le carte di credito, soprattutto a Tokyo, mentre a Kyoto prediligono più i contanti, che abbiamo sempre prelevato in loco senza alcuna difficoltà. Ristoranti tipici giapponesi -quelli con il bancone per intenderci- non accettavano quasi mai carte quindi è bene sempre avere dietro contante di scorta.

In tutti i templi visitati c’era la possibilità di portare il passeggino anche se, visti i numerosi gradini, i passeggini li abbiamo lasciati all’ingresso, vedi Nikko e Kamakura: il sali e scendi dai vari pullman che ti portavano nei vari siti non era proprio pratico e agevole; ma – ripeto – noi avevamo praticamente 3 passeggini.

Giappone con 3 gemelli-tempio sul lago

Siamo stati a Disneyland Tokyo perché i bimbi se lo sono veramente meritato: per gli appassionati come noi ne è valsa proprio la pena; costa molto meno dei suoi parchi gemelli in America (abbiamo speso per 5 biglietti 230 euro).

LE NOSTRE ESCURSIONI IN GIAPPONE CON 3 GEMELLI

Le nostre escursioni (tutte fattibilissime con i bambini ) sono state le seguenti.

DA TOKYO:

  • Nikko;
  • Kamakura;
  • Hakone con il suo lago Ashi che ho trovato delizioso, attraversato con un veliero stile pirati dei Caraibi (per i possessori del japan rail sia il veliero che la funivia sono incluse). Ad Hakone un must è assaggiare le uova nere (cotte sullo zolfo) buonissime: leggenda narra che chi le mangia allungherà la sua vita di 7 anni.

DA KYOTO:

  • Nara con gli immancabili cervi e il grande Buddha;
  • Arashiyama, la più grande foresta di bamboo (consiglio di andarci al mattino presto per evitare la ressa che rovina un po’ l’atmosfera);
  • Fushimi-inari, i tori più famosi del Giappone (per chi ha visto memorie di una geisha imperdibili).

Giappone con 3 gemelli -buddha

Noi avevamo il japan rail per 14 giorni (i bambini sotto i 6 anni non pagano i trasporti in Giappone): è stato utilissimo e super sfruttato, soprattutto per chi come noi ha fatto varie escursioni.

Concludo con i posti che a noi sono rimasti più nel cuore…

Tokyo è piena di contrasti tra innovazione e tradizione e va assaporata fino in fondo…

A Tokyo ho adorato la Baia di Odaiba, molto romantica soprattutto al tramonto.

Per i bimbi -ma non solo per loro- imperdibile il Gundam gigante: vederlo lì davanti ci ha fatto tornare indietro di 30 anni, i bimbi si sono innamorati del panda gigante.

Giappone con 3 gemelli-Gundam

Il mio posto del cuore: Mijajima, andateci e fermatevi una notte per respirarne tutta la magia. Takayama per me è stata una sorpresa, un piccolo gioiello, sembra di tornare ai tempi dei samurai. Hiroshima ti tocca il cuore, io se ci penso ho ancora i brividi.

La sera a Kyoto nei quartieri Gion e Pontocho trovate il Giappone che immaginate, mangiare nel ristorante di Marrabbio non ha prezzo…

giappone con 3 gemelli

Il viaggio in Giappone non ha deluso le nostre aspettative ma, anzi, le ha superate, i gemelli stanno iniziando a costruire i loro ricordi e parlano spesso di questo viaggio raccontando ciò che più è rimasto impresso. Rivedere il viaggio e il Giappone attraverso i loro occhi è ancora più bello.

 

Pamela

{testi e fotografie di Pamela Pellegrino}
{foto di copertina di Beeboys via Shutterstock}

 

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

 

Dai un’occhiata anche qui:

Per altre informazioni sui viaggi con bambini, leggi la nostra guida: “Bimbi e Viaggi: la guida completa per viaggiare sereni con i bambini

Per saperne di più, clicca qui: Cos’è Bimbieviaggi Blog di Viaggi e Vacanze con bambini

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOK, INSTAGRAM, TWITTER

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *