Sri Lanka con bambini: il nostro tour

Le attività da svolgere in Sri Lanka e i luoghi da visitare sono davvero tanti. Noi siamo rimasti sull’isola circa due settimane (aprile 2013): la prima itinerante, per il tour nell’area centro-meridionale, la seconda invece dedicata al relax marittimo.

In questo post dedicato allo SRI LANKA CON BIMBI ho già raccontato perchè abbiamo scelto questo paese e come abbiamo organizzato il nostro viaggio. Qui mi limito ad indicare le tappe del nostro tour, per suggerire un itinerario che possa essere compiuto comodamente anche con bambini (e nonni) al seguito!

Sri Lanka con bambini:
Il nostro tour

1° GIORNO

Arrivo a Colombo e relax in hotel. Il mio consiglio è quello di alloggiare a Negombo: è vicino all’aeroporto e si può trascorrere la prima giornata sdraiati in spiaggia per riprendersi dal lungo viaggio!sri lanka con bambini

Noi abbiamo alloggiato all’Eurostar Hotel, nei pressi dell’aeroporto, un hotel piccolo, ben tenuto, semplice, abbastanza pulito, con piscinetta esterna, personale cordiale, ristorante discreto.sri lanka con bambini

2° GIORNO

Partenza da Colombo per Dambulla. Soste lungo il tragitto:

Pinnawala, Elephant Orphanage. E’ una delle attrazioni più famose dello Sri Lanka: una quarantina di elefanti che si possono ammirare da vicino anche mentre fanno il bagno nel fiume (informarsi in anticipo sugli orari). L’esperienza è molto emozionante, soprattutto per i bambini, però io ho avuto l’impressione di trovarmi all’interno di uno zoo.sri lanka pinnawala

Kurunegala, visita al Buddha bianco (tempio) posto in cima dell’Elephant Rock (per il pranzo Sconsiglio vivamente il Wayamba Cafè Forest, personale scortese e cibo deludente).sri lanka con bambini

Arankelle, sito archeologico, ingresso gratuito: le rovine di questo centro monastico sono davvero suggestive, soprattutto per l’atmosfra che si respira e la natura che le circonda.sri lanka con bambini

A Dambulla abbiamo alloggiato per 3 notti all’Hotel Sanda Diya (non ha sito web, l’email è hotelsandadiya@gmail.com): qualche bungalow disposto attorno ad una bellissima piscina, camere semplici ma curate e pulite (nonostante il bagno obsoleto), grande ristorante con buona cucina, proprietari deliziosi: lo consiglio vivamente!sri lanka con bambini

3° GIORNO

Polonnaruwa, la visita ai principali siti archeologici dell’antica capitale necessita di almeno 2-3 ore, ma per girarli tutti può servire anche l’intera giornata. L’ideale è spostarsi in bicicletta, altrimenti, soprattutto con bimbi e visto il caldo che fa, tra uno e l’altro si può usare anche l’auto. Indescrivibile la meraviglia di questi siti: imperdibili! Consigliabile la guida, in grado di far apprezzare meglio le numerose opere.sri lanka con bambini

Dopo la sfacchinata abbiamo pranzato a Giritale, al ristorante dell’Hotel The Village, Batticaloa Road: turistico ma in stile singalese con cibo tipico ma non speziato, molto buono ed economico, personale cordiale e disponibile.sri lanka con bambini

Safari: in questa zona è possibile fare i famosi Safari di Minneriya e Kaudulla. Noi, su indicazione della nostra guida, abbiamo fatto quello al Kurulu Eco Park perchè, a suo dire, in questo periodo la maggior parte degli elefanti era qui. Fatto sta che dopo oltre un’ora di saliscendi in jeep senza avvistare alcun tipo animale abbiamo visto una decina di elefanti. Magari in altri periodi è diverso, ma non mi sento di consigliarlo.sri lanka con bambini

4° GIORNO

Sigiriya: come ho raccontato in questo post, tra tutte le escursioni, questa è stata la nostra preferita. Non eravamo molto fiduciosi in merito alla possibilità di farcela, invece siamo arrivati tutti in cima alla montagna: 1200 scalini, un po’ di fiatone, tanto sudore, ma panorami meravigliosi e opere davvero maestose (anche in questo caso consiglio la guida). Ovviamente è indicato solo per bambini che amano camminare (o abbastanza piccoli da essere trasportati) a meno che non siate disposti a farvi aiutare da una delle persone che si offrono lungo il percorso (in cambio di un’offerta).

sri lanka con bambini
Sigiriya: si parte!
sri lanka con bambini
Sigiriya: tutti in cima!

Per riprenderci dalla fatica, abbiamo pranzato al Gajashakthi Restaurant, Sigiriya Road: buon cibo, anche non speziato, bella location, molto curata e particolare.sri lanka con bambini

Per comprare qualche oggetto di artigianato locale, consiglio lo Shopping Sigiri Craft Centre, Main Road Sigiryia, dove è possibile vedere gli artigiani al lavoro.sri lanka con bambini

A Sigiryia è inoltre possibile fare il famoso “giro sull’elefante”. L’abbiamo fatto. L’idea di far vivere questa “avventura” a nostra figlia ha preso il sopravvento sul buon senso: gli animali usati per queste passeggiate di 15 minuti tra asfalto e acqua del lago (solo per fare la foto) hanno le catene al collo e sicuramente non sono trattati con rispetto. Chiedo venia e Sconsiglio vivamente di seguire il mio esempio (tra l’altro il giretto costa anche parecchio!).

5° GIORNO

Dambulla, visita al Cave Complex, altra opera imperdibile: 5 templi scavati nella roccia e oltre 150 Buddah da ammirare, di cui uno gigante sdraiato. Meraviglioso! (informarsi prima sugli orari perchè quando inizia la puja mattutina il complesso viene chiuso al pubblico).sri lanka con bambini

A Dambulla c’è anche il più grande mercato ortofrutticolo del paese, dove un’incredibile varietà di frutta e verdura viene smistata per essere distribuita nei mercati locali.sri lanka con bambini

Nel pomeriggio arrivo a Kandy per lo spettacolo di danze tipiche: Ragahala Kandyan Dance. Contro ogni aspettativa, si tratta di uno spettacolo molto coinvolgente durante il quale ballerini e musicisti si esibiscono nelle danze tradizionali singalesi, con tanto di persone che camminano sulle braci ardenti.sri lanka con bambini

In serata cena al Senani Restaurant, in posizione panoramica sul lago di Kandi: ottima posizione, cibo discreto, classico ristorante turistico, neanche troppo economico (ma Kandy è la città più ricca dello Sri Lanka quindi la vita costa un po’ di più).

Pernottamento a Kandy, all’Hotel Ancient Lanka che non consiglio (sporco e mal tenuto).

6° GIORNO

Kandy, visita al Tempio del Sacro Dente. Si tratta del luogo più sacro dell’Isola, poichè conserva la reliquia del dente di Buddha. E’ meta del famoso pellegrinaggio Esala Perahera che si tiene tra luglio e agosto: un luogo magico in cui si respira la devozione dei fedeli.sri lanka con bambini

Subito fuori dal tempio, c’è la “Kandian Art Association” dove è possibile acquistare prodotti artigianali realizzati a mano (alcuni artigiani lavorano proprio in quella sede), prezzi molto buoni e non contrattabili.

05-sri-lanka-kandy-ottone
Un artigiano realizza per noi un elefantino in ottone

Partenza per Nuwara Elia e arrivo all’Hotel Green Forest: situato a più di 2000 metri d’altitudine, tra le piantagioni di tè e la foresta, questo edificio in stile coloniale è davvero una meraviglia. Arredamento semplice ma ben tenuto, ottima cucina tamil, proprietari gentilissimi e..si dorme col panno! 😉sri lanka con bambini

sri lanka con bambini

7° GIORNO

sri lanka con bambini

La sosta a Nuwara Elia è imperdibile: paesaggi mozzafiato su montagne ricoperte dalle piantagioni di tè, clima fresco, vita d’altri tempi…. Direttamente dall’Hotel è possibile percorrere un sentiero molto semplice che attraversa le piantagioni ed i villaggi locali.sri lanka con bambini

sri lanka con bambini

Non lontano da Nuwara Elia è inoltre possibile effettuare diverse escursioni, anche per camminatori allentati, nei famosi Horton Plains.

Nel pomeriggio, visita alla fattoria New Zealand ad Ambewela: si tratta di una normalissima fattoria, con mucche, conigli, capre. Sinceramente credo la si possa tralasciare, a meno che non si abbia voglia di gustare ottimi yogurt e formaggi freschi.

Rientrati a Nuwara Elia, abbiamo portato riso e materiale di cancelleria ai bimbi dell’orfanotrofio locale.sri lanka con bambini

8° GIORNO

A Nuwara Elia non si può rinunciare a visitare una delle tante tea factory: noi siamo andati da Mackwood, dove ci hanno mostrato l’intero processo di lavorazione del tè e dove, ovviamente, abbiamo fatto scorta di souvenir.

Da Nuwara Elia consiglio di prendere il treno per Ella, prenotando il bigliettto in anticipo. Noi siamo arrivati là al momento del passaggio del treno ma non c’erano posti disponibili, quindi siamo ripartiti in auto. Dopo un paio di soste per ammirare le cascate di Rawana Ella ed i meravigliosi paesaggi dell’Ella Gap, siamo arrivati a Tissa.

Qui abbiamo alloggiato presso gli Yala Heights, nei pressi del Parco Nazionale: si tratta di una sistemazione molto particolare e suggestiva, con bungalows di paglia in mezzo alla natura, tanti animali, tra cui pavoni, gechi, ranocchi (abbiamo visto anche una mantide religiosa!)

sri lanka con bambini
Foto tratta dal sito www.yalaheights.com

9° GIORNO

Safari a Yala National Park: assolutamente imperdibile! In mezzo ad una natura rigogliosa è possibile ammirare tantissimi animali. Quando siamo andati noi c’erano pochi visitatori e ce lo siamo goduti meravigliosamente. Si parte all’alba e il tour dura 3-4 ore.sri lanka con bambini

10°-17° GIORNO

Relax al mare. La località che avevamo scelto era Mirissa, ma la guida ci ha portato a Weligama, a pochi chilometri. Il mare non è il massimo e non ci sono i localini di Mirissa, ma siamo stati benissimo al Jaga Bay Resort, su una spiaggia grande e deserta, camere spaziose e pulite, cibo buono e personale gentile.sri lanka con bambini

In zona abbiamo visitato:

  • Weligama città: durante i giorni del Capodanno buddhista era un tripudio di gente, caos, mucche “parcheggiate” ai lati della strada, musica assurda sparata a tutto volume dagli altoparlanti, tuk tuk, autobus…Molto tipica!sri lanka con bambini
  • mercato del pesce di Weligamasri lanka con bambini
  • i famosi “pescatori” di Weligama 😉sri lanka con bambini
  • Habaraduwa: Sea turtle farm, centro di recupero di tartarughe ferite e allevamento tartarughe appena nate (alcuni biologi sostengono che questo sia nocivo per la loro salute e non faccio fatica a crederci). La visita guidata dura 5 minuti. Se avete voglia di vedere tartarughine piccole è possibile farlo gratuitamente sulla spiaggia di Mirissa, dove ci sono alcune vasche analoghe a queste.sri lanka con bambini
  • Galle: vale la pena perdersi per le stradine della Old City, forte olandese che si affaccia sul mare, con Chiese, Moschee, casette stile coloniale, opere d’arte, negozi di gemme….sri lanka con bambini
  • Mirissa: escursione in barca per avvistare le balene, imperdibile!sri lanka con bambini

SPIAGGE ZONA SUD

Jaga Bay (di fronte all’hotel): la spiaggia qui è lunga, ampia e praticamente deserta, sabbia dorata e mare parecchio mosso, come ovunque in questa zona, ideale per chi ama le onde; l’acqua a riva è comunque molto bassa e quindi adatta per i bambini. sri lanka con bambini

Unawatuna: è la località marittima più rinomata del sud. Probabilmente doveva essere molto bella: perfetta per i giovani, tante guest house, localini, negozietti, scuole di surf, spiaggia attrezzata…Peccato che, a causa dello tsunami, praticamente non ci sia più spiaggia 🙁sri lanka con bambini

Darawella: non lontano da Unawatuna, più pronfonda e lunga, acqua blu e sabbia chiara, mare mosso ma comunque balneabile soprattutto nella parte finale, riparata da una roccia. Segnalo l’hotel presente su questa spiaggia, il Janaka Beach House: non abbiamo visto le camere ma la posizione sulla spiaggia ed il giardino sono molto belli.sri lanka con bambini

Mirissa: la spiaggia è molto bella, lunga, abbastanza profonda (ma anche qui nel pomeriggio con l’alta marea praticamente la spiaggia scompare), tanti localini uno di fianco all’altro e solo turisti in spiaggia. L’acqua è blu, la sabbia è più chiara rispetto alle altre spiagge e le onde sono sempre abbastanza alte (a riva comunque anche i più piccoli possono fare il bagno tranquillamente). Di fronte all’Hotel Girigala c’è qualche scoglio che rende più facile la balneazione. sri lanka con bambini

Polhena: in assoluto la nostra preferita e sicuramente la più adatta per i bambini. Si trova a circa 10 minuti di tuk tuk da Mirissa, la sabbia è corallina (quindi non brucia mai), l’acqua è azzurra, limpida e calma perché protetta dalla barriera corallina in lontananza. Nei giorni del Capodanno Buddhista la spiaggia era molto affollatta e noi eravamo gli unici turisti: un’esperienza unica di socializzazione, divertimento ed incontri emozionanti!sri lanka con bambini

sri lanka con bambini

sri lanka con bambini

sri lanka con bambini

Un piccolo estratto dal mio diario di viaggio…

Durante i lunghissimi tragitti in auto…quante volte sarei voluta scendere dall’auto per annusare e fotografare quei mille paesaggi contrastanti… Rivedo qui un po’ di Africa, con quella terra rossa ai lati delle strade, rivedo le “classiche” piccole cittadine dei paesi poveri, brulicanti di caos e sporcizia a terra, ambiziose e progressiste in alto, con tutte quelle insegne, cartelli pubblicitari, negozietti, atelier di abiti da sposa sfarzosi…Le capanne in lamiera o in fango, buie ma sempre dignitosamente ordinate, che vendono oggetti, dei più svariati, che non so chi mai possa comprare….e le persone sempre dentro ad aspettare chissachi e a far trascorrere le giornate calde e piene di smog… Un ometto scalzo vestito col tradizionale sarong, rannicchiato in un fosso ad aggiustare ciabatte…e poco più in là gli impiegati in camicia e cravatta che indossano scarpe eleganti…La banca con l’aria condizionata e di fianco la buia ferramenta dove puoi cambiare i soldi in nero…

 

Milly
(testi e fotografie di Milena Marchioni)

 

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

  1. Sri Lanka con bimbi: informazioni pratiche per un viaggio indipendente
  2. Bambini: e Buddhismo: visite ai luoghi di culto in Sri Lanka
  3. Maldive fai da te: come organizzare un viaggio in guest house
  4. Perchè si deve viaggiare con i bambini? Il parere della psicoterapeuta
  5. Viaggiare durante la scuola: tra passione, educazione “on site” e obblighi sociali!
  6. Kerala con bambini: itinerario parte 1 (da Cochin a Arattupuzha)

 

 

L'autrice: * Milly Marchioni *

Mamma di Amanda, classe 2007. Viaggiatrice indipendente, adoro il mare e le isole tropicali ma anche la montagna e in generale i viaggi a contatto con la natura...passando per le città, i piccoli borghi, i castelli, le sagre di paese... Scoprire il mondo con gli occhi di mia figlia mi sta aiutando a crescere come viaggiatrice ma soprattutto come persona.

Commenti

  • Reply Manuela

    Che meraviglia!!! E le foto? Magnifiche!!

  • Reply Camomilla

    Mi sa che il nostro prossimo viaggio a Est sara’ nello SriLanka!!!!
    Un abbraccio
    Enrica

    • Reply *Milly*

      Grande Enrica!!!
      Non te ne pentirai! E se hai bisogno di altre dritte…sai dove trovarmi! 😉

  • Reply Gianluca

    ciao Milly, siamo una famiglia residente a torino e nel cercare informazioni sullo sri lanka abbiamo avuto modo di vistare il vostro bellissimo blog ed ammirare i vostri album fotografici, in particolare quelli rivolti ai posti che visiteremo a breve in sri lanka (tra 20 giorni). Volevamo farvi i complimenti, ringraziarvi per le info pubblicate e condividere con voi la passione dei viaggi indipendenti intorno al mondo. Ci piacerebbe poter pubblicare il link del vostro sito e poter scambiare il nostro (http://skyray.altervista.org). Se passi a “trovarci” lascia pure una traccia sul nostro book degli ospiti, ne saremmo felici.

    • Reply *Milly*

      Ciao Gianluca, mi fa molto piacere che le mie informazioni siano state utili!! Ovviamente aspetto il vostro resoconto al ritorno da questo bellissimo viaggio!!! 🙂

  • Reply luna

    Ciao Milly sono Luna da Torino; il prossimo anno verso febbraio stavo pensando di andare in Sri Lanka con il mio bimbo di 4 anni e volevo chiederti alcune informazioni, ad es vaccini e riferimenti di hotel o auto. Posso contattarti tramite mail? Grazie in anticipo

    • Reply *Milly*

      Ciao Luna! Certo, chiedimi pure quello che vuoi, anche qui nei commenti va benissimo!
      I riferimenti degli hotel li ho messi in questo articolo, mentre per l’auto non ti sono molto d’aiuto perchè noi ci siamo appoggiati ad un tour operator locale che però ti sconsiglio… Non so se hai già visto anche l’altro post che ho scritto, dove capisci le ragioni:
      http://www.bimbieviaggi.it/2013/05/12/sri-lanka-con-bambini-informazioni-pratiche-viaggio-indipendente/
      In quest’ultimo post trovi anche parecchie informazioni pratiche…
      Ma se manca quello che ti interessa non esitare a chiedere! 🙂

  • Reply alberto

    Il mio primo viaggio in un altro continente…che ricordi! Brava Milly, ottimo racconto. E la pupa vien su benone!!!

    • Reply *Milly*

      Grazie Alberto! E’ stata una super esperienza!!!
      Tu sei andato solo o col bimbo? Quanti anni sono passati?

  • Reply Claudia Moreschi

    Grazie al tuo articolo mi sono appena fatta un bellissimo viaggio in Sri Lanka! Meraviglia! Fortunata la tua bimba a viaggiare fin da piccola. La foto con lei abbracciata agli altri bambini singalesi è davvero uno spettacolo 🙂

    • Reply * Milly Marchioni *

      Grazie Claudia, sei molto gentile! Il viaggio in Sri Lanka in effetti è stato molto ricco sotto tanti punti di vista e sono felice che mia figlia abbia vissuto questa esperienza!

  • Pingback: Le emozioni di un viaggio in Thailandia con bambini | Bimbi e Viaggi

  • Pingback: Tour del Sudafrica con bambini da Tsisikamma National Park a Cape Town

  • Pingback: Antigua e Barbuda con bambini: il viaggio del piccolo Alex

  • Reply Alessandro @ Girovagate

    che bellissimo viaggio! Noi non abbiamo bambini ma questo itinerario potrebbe andare bene anche a Sara e me 🙂

  • Pingback: Koh Lipe con bambini: tra tuffi e sorrisi | Bimbi e Viaggi

  • Pingback: Annullare un viaggio prenotato e vedere il bicchiere mezzo pieno

  • Reply Nicoletta

    Milly grazie per questi racconti meravigliosi ed emozionanti che fanno venire voglia di fare la valigia! Ti chiedo un parere spassionato: vorremmo fare un tour in Sri Lanka molto semplificato rispetto al tuo (triangolo culturale + una spiaggia a est dato che sarebbe ad aprile) con due bambini di 5 e 2 anni. La piccola è molto tranquilla ma sono indecisa per la lunghezza e scomodità degli spostamenti. Tu che l’hai vissuto cosa mi suggerisci? GraZie mille!

    • Reply * Milly Marchioni *

      Ciao Nicoletta! Grazie per le tue belle parole. Io mi sono trovata molto bene con la soluzione auto + driver e credo che anche nel tuo caso potrebbe essere valida, così non devi pensare a dove andare ma puoi dedicarti serenamente ai piccoli e intrattenerli anche negli spostamenti lunghi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *