Carinzia in campeggio con bambini: nei dintorni del Klopeinersee

Continua il racconto della nostra vacanza in Carinzia in campeggio: dopo aver visitato la zona dell’Ossiachersee siamo arrivati nei pressi del Klopeinersee.

L’ultima tappa della nostra vacanza in campeggio è stata nei pressi del Klopeinersee…come al solito abbiamo optato per un laghetto più piccolo e tranquillo rispetto al vicino più noto, a stretto contatto con la natura.

La precedente tappa del nostro viaggio l’ho raccontate in questo post: Austria in campeggio con bambini: la Carinzia tra laghi, montagne e antichi castelli.

Una volta partiti dall’Afritzersee, di fatto non ci siamo spostati molto, semplicemente ci siamo avvicinati alle ultime attrazioni che volevamo visitare in zona.

Carinzia in campeggio: nei dintorni del Klopeinersee

L’idea era quella di alloggiare nei pressi del Lago di Klopein (Klopeiner See), un lago grande e con acqua calda molto frequentato da turisti e sul quale si affacciano paesini dove è possibile fare un minimo di vita mondana tra negozietti, ristorantini e locali. Una sera non siamo riusciti a resistere al profumino che usciva dalla Pizzeria Ristorante Lido da Caputo (in località Seelach) e ci siamo addirittura gustati una buona pizza all’italiana! C’è anche una bella promenade che fiancheggia il lago.

carinzia in campeggio turnersee

Ma anche in questo caso, nella scelta del campeggio abbiamo optato per un luogo più tranquillo, silenzioso e meno frequentato… Il Turnersee, più piccolo, con acque calde e limpide e perfetto per chi ama la natura lontana dal caos. E ovviamente abbiamo scelto il campeggio più “semplice” possibile…

Carinzia in campeggio con bambini Turnersee

Il campeggio

Carinzia in campeggio con bambini turner see

Attorno al Turnersee ci sono 3 campeggi: uno grande, con animazione e ristoranti (ci eravamo fermati per pranzare alle ore 13.50: con il ristorante che chiudeva alle 14, non ci hanno servito neanche un piatto freddo!) e due più piccoli, sulla sponda opposta, appartenenti alla stessa proprietaria. Noi abbiamo scelto il Terrassencamping Turnersee, a circa 480 mslm, piccolo e disposto su terrazze, si affaccia direttamente sul Turnersee (speso circa 35 euro al giorno con elettricità).

Pro e contro del campeggio:

PRO

  • si affaccia direttamente sul Turnersee con lido privato gratuito per gli ospiti del campeggio: c’è un bel prato dove rilassarsi e l’acqua a riva è bassa e limpida, adatta anche per bimbi piccoli
  • è lontano dal caos e immerso nella natura
  • le piazzole sono molto spaziose
  • in riva al lago c’è un ristorantino con buona cucina
  • il personale parla inglese
  • c’è un bagno per i bambini, dove è possibile lavarli in una vasca molto comoda per loro e per chi li lava!

CONTRO

  • nelle piazzole vicino al lago non si può tenere l’auto vicino alla tenda. In quelle più in alto sì: sono piazzole meno ombreggiate, ma è difficile che di mattina sia molto caldo (noi in agosto ci siamo svegliati con temperature sui 15-20 gradi)
  • il Wifi, come altrove, ha prezzi esagerati

In generale lo stra-consiglio perché si sta davvero bene e il panorama di fronte alle tende ti mette in pace col mondo! 

Nei dintorni del Klopeiner See

La Carinzia non è solo laghi e montagne ma anche tanti borghi e castelli medievali…

Castello di Hochosterwitz

carinzia in campeggio Castello di Hochosterwitz

Per fortuna Amanda ama i castelli e, proprio per assecondare questa sua passione, abbiamo deciso di visitare uno dei più famosi in zona: il Castello di Hochosterwitz. Si tratta di una grande fortezza molto ben conservata, arroccata su un picco di 150 metri.

Per raggiungere la sommità si percorre una stradina che parte dal basso e attraversa i 14 portoni del XVI secolo: il castello viene definito “inespugnabile” e attraversando le sue porte è facile intuire le numerose posizioni dove le vedette potevano sistemarsi per tenere d’occhio il nemico.Carinzia con bambini campeggio Castello di Hochosterwitz

Una meraviglia dietro l’altra, un vero tuffo nel passato, tra torri, merli e antichi passaggi scavati nella roccia.

Carinzia con bambini campeggio Castello di Hochosterwitz

Dai merli e dalle fessure lungo la stradina si possono inoltre ammirare splendidi panorami sulla Carinzia.

Dai merli lungo la stradina si possono inoltre ammirare splendidi panorami sulla Carinzia.

Arrivati in cima, all’interno del castello si trovano il ristorante, il museo (dove è vietato fotografare) e il negozio di souvenir.

Informazioni pratiche

  • L’ingresso costa 12 euro a testa (bimbi gratis fino a 6 anni, sconto del 10% per i possessori della Karnten Card)
  • La salita a piedi richiederebbe circa 15-20 minuti, ma noi tra pause fotografiche e per ammirare il paesaggio abbiamo impiegato circa 1 ora
  • Il sentiero è percorribile facilmente ma ci sono dei tratti parecchio ripidi
  • Si può salire con un ascensore (6 euro a testa), ma -potendo evitare- io lo sconsiglio perché si perde la parte più bella della fortezza.
  • Volendo si può portare anche il passeggino, ma bisogna avere tanta voglia di spingere all’andata (e tirare i freni al ritorno) fino all’ingresso del castello. Una volta giunti in cima ci sono anche alcuni scalini quindi io consiglierei zainone o fascia porta bebé per i bimbi più piccoli (in alternativa le spalle del papà sono perfette!) 😉
Cabinovia Petzen

trekking con bambini in austria Petzen

Partendo da Bleiburg (658 m.s.l.m.) questa cabinovia arriva in vetta (1708 m.s.l.m.) in circa 15 minuti, raggiungendo un’area dove si possono fare semplici passeggiate tra montagne, bosco e laghetti (gratis per i possessori della Karnten Card).
Noi abbiamo scelto di percorrere il sentiero circolare numero 11, di cui ho parlato in questo post.

Cascate, gole (forre) e grotte

Purtroppo non siamo riusciti a visitarne nessuna, ma in Carinzia esistono diverse cascate, gole e grotte che meritano sicuramente un’escursione. Quelle che avremmo voluto visitare noi sono sono:

  • Tscheppaschlucht (gole) a Ferlach
  • Raggaschlucht (gole) a Flattach
  • Erlebnispark Fallbach (cascate più parco divertimenti) a Malta
  • Grotte dell’Obir a Bad Eisenkappel (non adatte a bimbi sotto i 4 anni)

 

Per concludere

Questo ovviamente è solo un assaggio della Carinzia, perché in 9 giorni è impossibile vedere tutto quello che la regione ha da offrire. Per noi è stata una piacevolissima sorpresa scoprire un territorio così ricco, soprattutto da un punto di vista naturale, vicino all’Italia…

…E chissà che in futuro non ci capiti nuovamente una “partenza senza meta” che ci riporti da quelle parti?! 😉

Qualcuno di voi è stato in Carinzia e ha voglia di raccontarci cosa ci siamo persi?

Per chiudere il nostro racconto sulla Carinzia, ecco qualche informazione pratica sull’Austria con bambini

 

Milly
[testi e fotografie di Milena Marchioni]

 

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

Cerchi altre informazioni sull’Austria?

 

  1. Austria in campeggio con bambini: la Carinzia tra laghi, montagne e antichi castelli
  2. Trekking con bambini in Austria: i sentieri della Carinzia 
  3. Viaggi disorganizzati: partire senza meta
  4. GUIDA AI CAMPEGGI SILENZIOSI

 

L'autrice: * Milly Marchioni *

Mamma di Amanda, classe 2007. Viaggiatrice indipendente, adoro il mare e le isole tropicali ma anche la montagna e in generale i viaggi a contatto con la natura...passando per le città, i piccoli borghi, i castelli, le sagre di paese... Scoprire il mondo con gli occhi di mia figlia mi sta aiutando a crescere come viaggiatrice ma soprattutto come persona.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *