Giappone fai da te con bambini: come organizzarsi per spendere poco?

Il Giappone è il vostro sogno e volete organizzare un viaggio indipendente con i bambini senza spendere una follia? Ecco i consigli di Marzia su come organizzarsi e quali tappe visitare!

Sognavamo un viaggio in Giappone da tanto tempo e finalmente ci siamo riusciti.
Ho sempre pensato che il Giappone fosse carissimo e inarrivabile ma quando un annetto fa ho cominciato a fare le ricerche, mi sono resa conto che non solo è più economico di quello che pensassi ma che è anche estremamente facile da organizzare senza bisogno di agenzie.

 

A questo link avevo letto tutti i racconti pubblicati su Bimbieviaggi:

GIAPPONE CON BAMBINI:
tutti i racconti di Bimbieviaggi

Qui di seguito i miei consigli e il racconto del nostro bellisimo viaggio (primavera 2018)!

 

Giappone fai da te:
come abbiamo organizzato il viaggio

La pianificazione del viaggio è iniziata un anno prima della partenza. Ho monitorato il prezzo dei voli, letto qualunque cosa su internet, guide, ecc… A Ottobre finalmente troviamo un’offerta strepitosa di Alitalia e prenotiamo il volo, andata e ritorno diretto su Tokyo da Milano.

Secondo step: la prenotazione degli alloggi. Trovato tutto su Booking e Agoda a dei prezzi veramente convenienti (una media di 40/50 euro a notte).

Ultime due cose: Japan rail pass e assicurazione. Noi siamo stati 15 giorni e abbiamo deciso di fare il pass per i treni per 7. Per quanto riguarda l’assicurazione, avevamo stipulato a ottobre l’annuale multiviaggio con Columbus, quindi eravamo a posto.

Portatevi contanti. Le carte di credito non sono accettate ovunque e ritirare può essere un problema. Noi abbiamo cambiato i soldi prima di partire. Il Giappone è il paese più sicuro del mondo. Nessun timore a girare con tanti soldi in tasca.

Ero molto in ansia per il viaggio in aereo. Secondo il test del libro “bimbi e viaggi” sono una mamma Indiana Jones. ma la mia paura dell’aereo e il temperamento estremamente vivace di mio figlio non mi facevano stare tranquilla.. Il viaggio invece è stato perfetto. Carlo si è intrattenuto con i suoi giochi e gli album da colorare.

giappone fai da te: come organizzare il viaggio

Giappone fai da te:
le tappe del nostro viaggio

TOKYO

Atterriamo a Narita alle 12 circa. Io e mio marito siamo semplicemente devastati dal fuso orario. Carlo ha recuperato praticamente subito perché in aereo è riuscito a riposarsi.

Il nostro tour parte con 5 giorni a Tokyo.

Dormiamo in zona Asasuka, la parte più antica di Tokyo. Zona molto comoda, raggiungibile da Narita con lo sky access (1300 yen). Alloggiamo al Khaosan World Asakusa RYOKAN&HOTEL. Bellissimo ostello, molto pulito (ma ogni posto è pulito in Giappone!). La camera piccola ma dotata di ogni comfort. L’ostello è dotato di una cucina e sala comune dove poter mangiare e rilassarsi.

Purtroppo i primi due giorni li abbiamo praticamente persi: la prima sera a Tokyo viene a farci visita la febbre. Per fortuna la nostra scorta di medicine e i preziosi consigli della amica dottoressa sono bastati e la mattina del terzo giorno finalmente in piena forma abbiamo cominciato a goderci la città.

giappone fai da te con bambini - tokyo con bambini
La zona di Asasuka è veramente bella. Siamo partiti dal famosissimo tempio Senso ji poi il resto della giornata ci siamo divertiti a perderci a piedi tra le vie del quartiere. Bellissimo anche la sera. Quando i turisti vanno via si possono osservare le serrande dei negozi, decorate da bellissimi disegni. Mio figlio è un gran camminatore, ma essendo ancora deboluccio per la febbre dei giorni precedenti è stato un vero salvavita il marsupio preeschooler che avevamo con noi. Devo dire che dopo il primo Ramen sono tornate anche le forze.

Il terzo giorno a Tokyo, visti la pioggia e il freddo polare, passiamo la giornata nell’isola artificiale di Odaiba. Dalla stazione di Shimbashi prendiamo il monorotaia Yurikamone e arriviamo sul posto godendoci la vista dei palazzoni e dei grattacieli e del Rainbow brindge. Buona parte della giornata la impegniamo al museo delle nuove tecnologie molto interattivo e divertente per i bambini. Mio figlio ha adorato il robot Asimov.

Museo delle Nuove Tecnologie Tokyo Giappone con bambini

Ci dirigiamo poi verso Ginza. Passeggiata veloce nel quartiere poi metro verso la stazione di Shibuya per vedere il celebre incrocio e la statua del cane Hachiko. Prendiamo in un combini la solita scorta di Onigiri al Tonno e andiamo a pranzo nel parco di Ueno. Il pomeriggio lo passiamo a passeggio a osservare le prime gemme dei ciliegi.
Il quinto giorno si parte per Kyoto.

Per altre info su Tokyo:

Giappone con bambini: Tokyo

Tokyo con bambini e in gravidanza: 5 giorni indimenticabili

KYOTO

A Kyoto il nostro hotel è nel centro della città a due passi dal castello di Ninjo. L’Uraraka Guest house ci fa da subito un’ottima impressione. Personale gentilissimo che parla perfettamente inglese. Stanza confortevole. In hotel acquistiamo anche i pass per i bus, il mezzo più comodo per girare.

Il primo giorno siamo abbastanza stanchi e decidiamo di passeggiare in zona. Troviamo un parco giochi e passiamo il pomeriggio a far divertire Carlo. La sera decidiamo di concederci il primo sushi, il migliore della mia vita. Mio figlio apprezza tantissimo.

Il secondo giorno ci alziamo presto (ma con il fuso orario devo dire che non facciamo fatica ad essere in piedi sempre prima delle 7) e ci dirigiamo verso tempio Kiyomizudera, uno dei più famosi in tutto il Giappone nonché patrimonio culturale riconosciuto dall’UNESCO dal 1994. Fondato nel 778, prende il nome dalle acque sacre della cascata Otowa che si trova al tempio sotto la terrazza. I visitatori possono bere l’acqua della cascata che si dice porti fortuna e longevità.

Per pranzo ci dirigiamo verso il quartiere di Gion. Di pomeriggio abbiamo passeggiato per il quartiere senza meta. A Kyoto quasi tutti i giorni ci siamo presi dei momenti per passeggiare e osservare senza programmi.

Il terzo giorno ci dedichiamo a due famosissimi templi patrimonio dell’Unesco: il Kinkaku-ji (padiglione d’oro) e il Ginkaku-ji (padiglione d’argento).

Per pranzo andiamo al mercato di Kyoto, il Nishiky market. Dopo averlo scoperto ci siamo andati praticamente tutti i giorni. Si può mangiare nei vari ristorantini o prendere cibo da asporto nelle varie bancarelle. Noi abbiamo assaggiato di tutto di più. Se siete appassionati di gastronomia e non avete paura di sperimentare è imperdibile.

Per altre info su Kyoto:

Kyoto con bambini

 

Il quarto giorno attiviamo il nostro japan rail pass e iniziamo la parte più faticosa ma anche la più interessante del viaggio. Ci alziamo prestissimo e ci dirigiamo al tempio shintoista del Fushimi Inari.

giappone fai da te con bambini - kyoto con bambini

Arriviamo prima delle 7 e riusciamo a godercelo e fare delle bellissime foto sotto i famosi tori rossi. E’ una levataccia ma lo consiglio per goderselo al meglio. Noi abbiamo finito il giro alle 8 30 e c’era già una folla incredibile. Il percorso è lungo circa 4 km e, a parte qualche salita, non è per nulla faticoso. Carlo si è divertito tantissimo a farlo di corsa. Noi un po’ meno a corrergli dietro. Questo rimane il suo posto preferito del Giappone dopo Nara.

Siccome abbiamo finito la visita presto, improvvisiamo una gita a Nara per pranzo che si trova nella stessa linea JR. Avendo una notte prenotata qualche giorno dopo siamo stati giusto un paio d’ore per far rilassare Carlo con i cerbiatti.

L’ultimo giorno a Kyoto abbiamo visitato la foresta di bamboo di Arashiama e il Monkey park. Anche per la foresta è consigliabile la levataccia se volete fare delle belle foto. Il monkey park si trova su una collina ed è davvero faticosa la salita ma arrivati alla meta potete osservare le scimmiette da vicino e godervi una bella vista sulla città.

Tempio Miiajima - giappone fai da te con bambini - kyoto con bambini
Tempio Miiajima

MIYAJIMA

Partiamo per Miyajima, ci aspettano tre giorni di spostamenti. Approfittiamo del servizio di spedizione dei bagagli e facciamo mandare le nostre valigie nell’ultimo hotel a Tokyo. E’ un servizio economico ed efficiente. Abbiamo preparato due zaini leggeri e siamo partiti.

Per arrivare all’isola si prende lo shinkanse fino a Hiroshima poi il ferry fino all’isola. Molti fanno solo gita in giornata da Kyoto per vedere sia l’Isola che Hiroshima ma noi ci siamo voluti coccolare in un ryokan, il Seaside. L’hotel ha un comodo servizio di navetta dalla stazione dei traghetti.

Siccome la giornata è nuvolosa pranziamo poi andiamo diretti al ryokan.  Riesco anche ad andare nell’onsen dell’hotel che accetta i tatuati. Semplicemente da sogno la cena tipica giapponese servita in camera. Una giornata di vero relax e riposo.

Il giorno dopo visitiamo l’isola. Lasciati i bagagli nei depositi alla stazione iniziamo la passeggiata.

Miyajima - giappone con bambini
Partiamo dal santuario di Itsukushima, il famoso Tori rosso nell’acqua, uno dei monumenti più fotografati al mondo.
Il posto dell’isola che ci ha affascinato di più è stato il tempio Daisho in. Meno conosciuto di altri templi ma veramente affascinante. Uno dei posti più belli visti in Giappone. Si entra dalla Porta di Niomon. Ai suoi lati si trovano le due statue Nio, a protezione contro il male e a garantire la filosofia buddhista in terra. Si sale poi una scalinata che porta alla parte centrale del tempio. Lungo tutta la salita troverete una serie di circa 600 Scritture di Dai-hannyakyo (fatele ruotare mentre salite e scendete. Si dice che porti una fortuna). Una volta arrivati in cima si possono visitare i vari edifici che compongono il tempio.

Miyajima - giappone fai da te con bambini
Miyajima

Dopo il tempio abbiamo passeggiato sulla collina di Miyajima. Ci sono molti cervi in giro. Sono selvatici quindi non bisogna dargli da mangiare ma attenti a zaini e cartine perché masticano tutto.

HIROSHIMA

Il pomeriggio siamo partiti per Hiroshima. Abbiamo alloggiato nell’ostello “J Hoppers Hiroshima guest house” a due passi dal parco della pace. Pulitissimo e confortevole come tutti i posti in cui abbiamo alloggiato, ma consigliato solo per chi ha grande spirito di adattamento. Bagno in comune. Sala e cucina piccoli anche se tutto pulito in perfetto stile giapponese. Frequentato da persone molto giovani più che da famiglie quindi poco silenzioso la notte. Noi ci siamo trovati molto bene, abbiamo dormito su un comodissimo tatami ma, come ho detto, abbiamo spirito di adattamento. È stata una toccata e fuga. Giusto una passeggiata nel parco della pace per fare qualche foto e riflettere su quello che vedevamo. E’ tutto molto toccante, impossibile non commuoversi.

HIroshima - Giappone con bambini

Per altre info su Hiroshima:

Hiroshima con bambini: emozioni da un viaggio in Giappone

 

NARA

Il giorno dopo partiamo per Nara, ultima tappa prima di tornare a Tokyo. Alloggiamo in un ostello molto bello “Oak Hostel”. Troviamo anche una ragazza alla reception che parla italiano. Alloggio veramente bellissimo, nuovo e in una posizione centralissima per visitare la città. Mio figlio è impazzito per i cerbiatti. In giro per il parco si trovano vari chioschetti che vendono i biscotti per loro. Dentro il parco c’è anche il tempio più famoso della città con il Budda di legno più grande del mondo.

Una giornata molto rilassante. Il giorno dopo si torna a Tokyo. Il nostro splendido viaggio è quasi finito.

 

Ultimi giorni a TOKYO

Gli ultimi tre giorni a Tokyo li abbiamo passati senza alcuna pianificazione, seguendo i ritmi di nostro figlio che era davvero stanco e godendoci la città.

Una cosa che ho imparato viaggiando con mio figlio è che nessuna pianificazione andrà mai a buon fine.

Abbiamo alloggiato di nuovo in zona Asasuka all’hotel Wing international, stanza piccola ma confortevole, colazione inclusa da consumare in un ristorante a due passi dalla struttura, e attivato il pass della metro per tre giorni per girare perchè il japan rail pass ci scadeva in giornata.

Abbiamo visitato la Yanaka, la via sopravvissuta a terremoti e alla guerra, detta anche via dei gatti per via dei vari negozi con oggetti gattofili. In questo quartiere abbiamo assaggiato un buonissimo biscotto ripieno di fagioli azuki o crema di soia. Riesco ancora a ricordarmi il sapore. Molto caratteristico anche il quartiere Sugamo, detto anche il quartiere degli anziani perché ci sono molti negozi dedicati a loro.

Visto che mio figlio in questo viaggio si è appassionato di sushi, abbiamo anche fatto un salto al grande mercato del pesce di Tokyo. Lo consiglio sia come esperienza gastronomica sia per perdersi tra i colori e gli odori delle bancarelle.

Per vedere la città dall’alto siamo saliti sul Tokyo Metropolitan Governament Building. E’ il palazzo del “comune” di Tokyo, composto da due torri: quella a Sud presenta una vista migliore, ma chiude prima di quella a Nord. Il punto panoramico è al 45esimo piano ed è gratis.

Tokyo Metropolitan Governament Building - giappone fai da te con bambini
Tokyo Metropolitan Governament Building

Prima di partire, il Giappone ci ha fatto un ultimo regalo: la fioritura anticipata dei ciliegi. Pensavamo che non saremmo riusciti a vederla, invece le temperature miti hanno fatto fiorire in anticipo. L’ultimo giorno l’abbiamo passato ammirando questi fiori meravigliosi al parco di Ueno. Uno spettacolo di colori.

fioritura dei ciliegi giappone fai da te con bambini

Il Giappone era un sogno prima di partire e quando ci penso ancora mi commuovo. E’ stato il primo viaggio davvero impegnativo con Carlo e non mi ha deluso neanche per un istante. E’ un paese perfetto per le famiglie.
Abbiamo mangiato divinamente in ogni posto e speso pochissimo. Bancarelle, ristoranti, cibi dei konbini. Assaggiato tutto quello che potevamo. Basta tenersi lontano dai posti per turisti per provare esperienze gastronomiche favolose.

Il viaggio di ritorno è filato liscio. Siamo tornati con la malinconia ma con la promessa di tornarci un giorno.

Vorrei ringraziare di cuore Milena e la community di Bimbi e viaggi. Ho prenotato e pianificato tutto grazie ai vostri preziosi consigli!

 

Marzia

{testi e fotografie di Marzia Casu}
{foto di copertina di anek.soowannaphoom via Shutterstock}

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

Per altre informazioni sui viaggi con bambini, leggi la nostra guida: “Bimbi e Viaggi: la guida completa per viaggiare sereni con i bambini

Per saperne di più, clicca qui: Cos’è Bimbieviaggi Blog di Viaggi e Vacanze con bambini

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOK, INSTAGRAM, TWITTER

 

Dai un’occhiata anche qui:

L'autrice: *Redazione*

Della Redazione di Bimbi e Viaggi fanno parte tutti i genitori che hanno raccontato i loro viaggi in giro per il mondo assieme ai loro piccoli esploratori: http://www.bimbieviaggi.it/chi-scrive-per-bimbieviaggi/

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *