Mauritius fai da te: qualche consiglio pratico

Siamo andati a Mauritius quando Amanda aveva circa 2 anni. Un viaggio ricco ed emozionante, un mare da favola ed una terra tutta da scoprire…

Mauritius fai da te: perchè?

Mauritius, come altre isole tropicali, tende ad essere considerata una meta elitaria e poco accessibile economicamente. Certamente sull’isola è possibile trascorrere costose vacanze in lussuosi resort, ma è altrettanto vero che, organizzando il viaggio in autonomia e prestando attenzione alle scelte effettuate, si riescono a risparmiare parecchi soldi (noi in due settimane nel 2009 abbiamo speso circa 3000 euro in 3, comprensivi di voli, assicurazioni, alloggi, pasti, trasporti, souvenir, escursioni…).

D’altronde si tratta di un paese relativamente povero (basta uscire un attimo dagli hotel per rendersi conto di come vive la gente), la moneta locale è la rupia, e i costi della vita aumentano solo quando si ha di fronte un turista (sprovveduto o spendaccione)!

Dio creò prima Mauritius e poi il paradiso terrestre. Che è la copia di Mauritius.

(Mark Twain, 1885)

Perché scegliere Mauritius con bambini?

Mauritius fai da te con bambini - Viaggio a Mauritius con bambini - Mauritius con bimbi - mauritius con neonato

Come ho già raccontato in questo post, noi amiamo viaggiare alla scoperta di isolette tropicali. Sicuramente il fatto di aver trovato un volo in offerta ha inciso positivamente sulla scelta di quest’isola (vedi paragrafo “il volo”). Ma i motivi per cui recarsi a Mauritius con bambini sono molteplici…

Il mare attorno a Mauritius è basso, caldo e calmo, perfetto anche per i bimbi più piccoli; le spiagge hanno quasi sempre delle aree ombreggiate, anche se non sono attrezzate (ovviamente, volendo, ci sono anche spiagge attrezzate). Noi comunque ci portiamo sempre la tendina parasole…non si sa mai!

Mauritius fai da te con bambini - Viaggio a Mauritius con bambini - Mauritius con bimbi - mauritius con neonato

L’isola di Mauritius non è solo mare paradisiaco: è anche un entroterra ricco di vegetazione lussureggiante e immense coltivazioni di canna da zucchero; è contatto con una popolazione accogliente, una cultura fatta di religiosità induista ma anche cattolica…. Un ottimo modo per avvicinare i nostri piccoli esploratori ad un mondo lontano dal nostro…Per qualche dettaglio su cosa fare a Mauritius con bambini: “Mauritius con bambini: non solo mare” e “Il nostro viaggio a Mauritius: tutte le tappe a misura di bimbi“.

Mauritius è la terra del Dodo…e un viaggio alla ricerca del Dodo non è così comune 😉

Mauritius è una isola sicura e la situazione sanitaria è buona, senza particolari rischi o malattie endemiche (per ogni aggiornamento è opportuno consultare il sito ViaggiareSicuri).

Mauritius è solo 3 ore avanti rispetto all’Italia, un fuso orario non eccessivo anche per i genitori (i bambini sono molto più bravi di noi ad adattarsi!) 😉

Quando andare a Mauritius

Noi siamo andati tra fine ottobre e inizio novembre e il clima è stato ottimo: giusto un paio di acquazzoni passeggeri, temperature calde ma senza esagerare, poca escursione termica tra il giorno e la notte, abbastanza ventilato.
Teoricamente i mesi migliori per andare sono ottobre-dicembre e marzo-aprile. Andrebbero evitati i mesi di gennaio e febbraio, in cui è più probabile incorrere nei cicloni.
Ormai però sappiamo tutti che il clima è sempre più imprevedibile, quindi…in bocca al lupo, qualunque sia il periodo scelto!

Mauritius fai da te: il volo

Mauritius fai da te con bambini - Viaggio a Mauritius con bambini - Mauritius con bimbi - mauritius con neonato

L’idea di andare a Mauritius era nata per caso, come al solito: avevamo voglia di partire, quindi abbiamo iniziato a monitorare i costi dei voli iintercontinentali, quando finalmente ci siamo imbattuti in una buona offerta di Eurofly (ora Meridiana Fly) per l’isola di Mauritius: volo diretto da Malpensa a circa 650 euro a testa (Amanda non pagava perché non aveva ancora compiuto due anni).
Diciamo che complessivamente il volo è andato bene, ma abbiamo avuto qualche problema logistico mal gestito dalla compagnia aerea: il volo di andata è stato posticipato al giorno successivo e siamo stati costretti ad alloggiare a Milano per una notte.

Mauritius fai da te con bambini - Viaggio a Mauritius con bambini - Mauritius con bimbi - mauritius con neonato

Al ritorno inoltre non c’è stata alcuna possibilità di prenotare i posti con culletta quindi il viaggio è stato un po’ impegnativo.

Queste cose possono capitare: alcune compagnie attuano politiche decisamente non baby-friendly, altre invece puntano al risparmio e overbooking e disservizi possono diventare la normalità. Viste le nostre esperienze con compagnie di questo genere, posso dare due consigli:

  • quando possibile, optare per un volo di linea, dove il rischio di overbooking è ridotto (prenotando con largo anticipo si riescono comunque a trovare delle buone tariffe)
  • in caso di problemi (ritardi, overbooking o quant’altro) esiste una Carta dei Diritti del Passeggero che raccoglie tutta la normativa a tutela i viaggiatori: nel nostro caso, per esempio, Eurofly ci ha rimborsato 500 euro a testa per il ritardo del volo (ma la causa è durata circa 2 anni).

Per saperne di più > Come prenotare un volo low cost

Mauritius fai da te:  alloggio e pasti

Mauritius fai da te con bambini - Viaggio a Mauritius con bambini - Mauritius con bimbi - mauritius con neonato

Appena trovato il volo, abbiamo iniziato a verificare che sull’isola esistessero alloggi economici ma dignitosi.

Ovviamente la scelta è davvero ampia: ci sono alloggi per tutti i gusti e per tutte le tasche: dalle semplici guesthouse ai resort 5 stelle.

Avendo Amanda piccolina abbiamo optato per un alloggio superiore alle semplici guesthouse a cui siamo abituati: Villa Asso a Belle Mare, una delle località più note dell’isola, situata sul lato orientale. Qui la spiaggia è lunga e stretta, in gran parte libera ma volendo ci sono zone attrezzate e attività balneari, l’acqua bassa è adatta anche per i bambini piccoli e ci sono tanti alberi che garantiscono ombra.

Asso Villa è un mini resort gestito da persone del posto, capitanate dal “mitico” Asso, un  cuoco che ha lavorato per tanti anni in Italia e quindi parla un ottimo italiano e cucina divinamente. Quando siamo andati noi aveva alcune camere poste a 10 minuti a piedi dal mare e altre più vicine. A quanto vedo ora dal sito, invece, si è ingrandito e si trova a due passi dal mare.

Mauritius fai da te con bambini - Viaggio a Mauritius con bambini - Mauritius con bimbi - mauritius con neonato

In fase di prenotazione abbiamo scelto solo pernottamento e colazione ma una volta sul posto, dopo aver provato qualche ristorante locale, abbiamo optato per la mezza pensione, sia per comodità sia per l’ottima qualità del cibo e i prezzi nella media. Rimanevamo fuori a cena solo quando trascorrevamo la giornata lontani dall’albergo e quindi ci faceva comodo cenare fuori.

Per pranzo invece abbiamo sempre sfruttato i take away presenti in quasi tutti i ristoranti: ci piace infatti pranzare in spiaggia. Chi invece ama sedersi comodamente ad un tavolo, presso tutte le località turistiche e le spiagge più rinomate si trovano diversi ristoranti. Come per gli alberghi, le tipologie oscillano dagli spartani ristorantini locali ai lussuosi ristoranti con dress code!

Spostamenti sull’isola

Mauritius fai da te con bambini- Viaggio a Mauritius con bambini - Mauritius con bimbi - mauritius con neonato

Per spostarci sull’isola abbiamo noleggiato un’auto, prenotandola da casa presso un autonoleggio locale (avevamo trovato il nominativo sulla nostra guida “Mauritius e Reunion” di Lonely planet). Una Toyota Corolla per 5 persone (oltre a noi c’erano i nonni) per 12 giorni ci è costata circa 30 euro al giorno (più aumentano i giorni più cala il prezzo giornaliero). Consiglio vivamente di stipulare l’assicurazione che copre ogni rischio!

Lo stesso autonoleggio si era occupato di rilasciarci il permesso temporaneo di guida.

A Mauritius non è obbligatorio l’uso del seggiolino per i bambini quindi abbiamo viaggiato senza. Consiglio comunque di chiedere all’autonoleggio di metterne uno a disposizione.

La guida è a sinistra, le strade sono sicure e ben messe ma ci sono pochi cartelli con le indicazioni. Se si aggiunge che di sera sono completamente buie per l’assenza di lampioni, è fondamentale dotarsi subito di una cartina stradale dell’isola.

Esistono ovviamente anche gli autobus pubblici, ma non avendoli provati non saprei dire se siano efficienti o meno: tentar non nuoce e sicuramente sono meno costosi di un’auto a noleggio!

Passeggino o zainone?

La scelta del mezzo di trasporto dei pupi, ovviamente, varia in base all’età. Quando siamo andati noi (Amanda aveva poco meno di 2 anni) abbiamo scelto di prendere solo lo zainone e devo dire che ci siamo trovati bene. In spiaggia ovviamente il passeggino sarebbe stato scomodo, ma anche nei paesini e nelle città non ci sarebbe stato d’aiuto: i marciapiedi, se ci sono, tendono ad essere stretti e spesso occupati da bancarelle. Nei mercati locali, infine, è praticamente impossibile spostarsi su 4 ruote.

Assicurazione di viaggio

Come già detto, Mauritius è un’isola sicura e con pochi rischi. Ma noi abbiamo comunque provveduto a stipulare un’assicurazione di viaggio.
L’abbiamo sempre fatto ma a maggior ragione dopo il viaggio alle Seychelles (gennaio 2009) quando una gastroenterite di Amanda ci aveva costretti ad un ricovero ospedaliero.
Da quest’anno inoltre non mancheremo più di stipulare anche l’assicurazione contro l’annullamento (i motivi li ho spiegati in questo post).

Per il viaggio a Mauritius abbiamo optato per un’assicurazione medica tutto incluso.
Per fortuna non ne abbiamo avuto bisogno ma il mio consiglio è sempre quello di stipularla, non foss’altro che per scaramanzia!

Per saperne di più > Assicurazione di viaggio annuale per tutta la famiglia

Telefonare a Mauritius

Acquistando una SIM locale è possibile effettuare chiamate a prezzi vantaggiosi, sia sull’isola che verso l’Italia.

Souvenir

Mauritius fai da te con bambini: il dodo - Viaggio a Mauritius con bambini - Mauritius con bimbi - mauritius con neonato

A Mauritius si possono acquistare diversi souvenir: dai mercati locali, ai centri commerciali in città alle boutique di lusso, ce n’è per tutti i gusti.
Il mio consiglio, come sempre, è quello di acquistare prodotti artigianali realizzati sull’isola, che quindi contribuiscono a far girare l’economia locale.

Noi abbiamo acquistato:

  • Tanto zucchero di canna, ottimo, ecconomico e decisamente a kilometri zero
  • Qualche oggetto di artigianato locale in legno intagliato
  • Magliette e maglioni presso i mercati o i negozi che spacciano articoli di marchi famosi: a Mauritius vengono realizzati capi per conto di famose marche europee di maglieria ed è quindi possibile comprarle sull’isola a prezzi molto vantaggiosi. Contrattare fa parte della cultura locale e può essere molto divertente!
  • Capi di abbigliamento Geko Kids, un marchio prodotto nell’isola che produce abiti colorati di buonissima qualità in cotone biologico.

Mauritius fai da te con bambini: il dodo - Viaggio a Mauritius con bambini - Mauritius con bimbi - mauritius con neonato

Infine, come cerchiamo di fare durante ogni viaggio, abbiamo acquistato un libro per bambini, che racconta la vita dell’isola attraverso una storia semplice e riccamente illustrata: “Nel paese del Dodo” di Henry Koombes. E’ disponibile in diverse lingue, compreso l’italiano. Noi l’abbiamo acquistato presso una libreria nel centro commerciale di Port Louis, ma l’abbiamo visto anche in un negozio all’aeroporto.

 

E ora non mi resta che raccontare cosa abbiamo visto a Mauritius…ecco qui:

  1. Mauritius con bambini: non solo mare
  2. Il nostro viaggio a Mauritius: tutte le tappe a misura di bimbi

 

Milly
[testi e fotografie di milena marchioni]

 

Potrebbero interessarti anche:

  1. Documenti necessari per i minori in viaggio
  2. Come siamo sopravvissuti a 18 ore di viaggio (e 6 di fuso orario)
  3. Un sogno chiamato libertà: Eleuthera (Bahamas)
  4. Visitare isole tropicali con bambini? Si può! 10 scatti dai nostri viaggi…
  5. Compagnie aeree che non amano i bambini

 

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOKTWITTER, INSTAGRAM e GOOGLE+

L'autrice: * Milly Marchioni *

Mamma di Amanda, classe 2007. Viaggiatrice indipendente, adoro il mare e le isole tropicali ma anche la montagna e in generale i viaggi a contatto con la natura...passando per le città, i piccoli borghi, i castelli, le sagre di paese... Scoprire il mondo con gli occhi di mia figlia mi sta aiutando a crescere come viaggiatrice ma soprattutto come persona.

Commenti

  • Reply Alla ricerca di Shambala

    allora aspetto prossimo post Milly, così mi scaldo per bene guardando foto e ripercorrendo quello che è stato uno degli ultimi nostri viaggi senza la piccola… poi apro la finestra, vedo sta cappa grigia e il freddo e l’inverno alle porte e….lasciamo stare 🙁

    • Reply *Milly*

      a chi lo dici!? Pensa la tortura di sfogliare tutte le foto per scegliere quelle da pubblicare…con la finestra di fianco al viso…e fuori solo nebbia!! 😉

  • Reply Roberta

    bellissima Mauritius! Io e mio figlio con un’amica e sua figlia ci siamo stati a febbraio 2014 affittando un appartamento su AirBnB a Flic en Flac e abbiamo speso 300 euro (in 4) per 8 giorni – confermo che si riesce a fare un viaggio low-cost sull’isola (noi abbiamo volato con Emirates comprando i voli nella settimana dei “saldi” e spendendo 1100 euro a coppia (i bimbi hanno pagato avendo 4 anni). Flic en Flac ci è molto piaciuta, è tranquilla, adatta ai bimbi, con una grande spiaggia con pineta. E ai bambini è piaciuta moltissima la gita all’Isola dei Cervi!

    • Reply * Milly Marchioni *

      Grazie Roberta, la tua è una bellissima testimonianza! Io non ho mai avuto occasione di provare AirBnB e sono proprio curiosa perché credo che ti consenta sia di vivere in contatto con la gente dei posti in cui vai, sia di risparmiare soldi! Grazie dei consigli e W i tropici low cost. la nostra passione! 😉

  • Reply Creativeblogger

    Ciao Milly! anch’io ho visitato Mauritius quest’estate e sono rimasta affascinata anche se il clima non è stato dei migliori. Nonostante tutto ho deciso di dedicare un blog di viaggi partendo proprio da questa meravigliosa località . Colgo l’occasione di farti i complimenti per il blog in quanto lo conobbi grazie alla trasmissione ” Alle Falde del Kilimangiaro” dove parlavano appunto del tuo blog. Non ho ancora bambini ma sono sicura che potranno tornarmi utili i tuoi consigli in un futuro. Se ti interessa ti invito sul mio blog, non per farmi pubblicità ma semplicemente per convivere la stessa passione e magari perché no, potresti darmi qualche suggerimento. Un saluto. Romina.

    • Reply * Milly Marchioni *

      Ciao Romina, grazie per il tuo commento! Passo sicuramente a dare un’occhiata al tuo blog!!

  • Pingback: Viaggiare in gravidanza: Thailandia alla menta | Bimbi e Viaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *