Maldive in guesthouse: per molti ma non per tutti

Oggi vi spiego perché non dovete andare alle Maldive in guesthouse e perché, se deciderete invece di farlo, vivrete un’esperienza di viaggio unica e appagante a 360 gradi.

Succede di rado che decidiamo di tornare in un luogo che abbiamo già visitato, ma le Maldive hanno sempre rappresentato un’eccezione: per noi amanti dei paradisi tropicali, il mare di questo arcipelago rappresenta probabilmente la migliore scelta in tutto il mondo.

maldive in guesthouse veyo retreat veymandooh
Atollo di Thaa, escursione dall’isola di Veymandoo

Aggiungiamo inoltre due elementi fondamentali: la comodità dei voli Emirates che partono da Bologna, rendendo le Maldive una destinazione anche comoda da raggiungere, e infine l’esistenza delle guesthouse, che rendono le Maldive una destinazione più accessibile da un punto di vista economico. Il gioco è quindi fatto, ed eccoci rientrati dal nostro quinto viaggio nel paradiso dell’Oceano Indiano, il terzo alloggiando in guesthouse.

Per una panoramica generale sulle Maldive, per capire la differenza tra isola-resort e isola dei pescatori, abbiamo già scritto diversi articoli ricchi di informazioni e consigli pratici, tutti raccolti in questa pagina:

Organizzare un viaggio alle Maldive: informazioni e consigli pratici

Maldive in guesthouse:
come si vive nelle isole dei pescatori?

Ho già raccontato in questo articolo le mie impressioni dopo la nostra prima esperienza in un’isola dei pescatori, e vi consiglio di leggerlo prima di andare avanti, perché racconta l’emozione intensa di un viaggio di questo genere:

Isole dei pescatori alle Maldive: la comunità e le spiagge dell’atollo di Meemu

Le caratteristiche principali delle isole abitate sono praticamente sempre le stesse. Oggi, però, voglio condividere alcune riflessioni in base alle quali ho capito che scegliere di visitare le Maldive alloggiando in un’isola abitata dai locali con la sola motivazione di risparmiare è un errore!

 

Le isole dei pescatori non stanno sotto una campana di vetro

maldive in guesthouse veyo retreat veymandooh atollo di taah
Isola di Veymandoo, atollo di Thaa

Noi “occidentali” siamo abituati all’immagine delle Maldive fatta di: mare incantevole, spiaggia immacolata, cibo internazionale, relax, zero spostamenti e zero “investimenti morali”. Ciò succede perché siamo cresciuti con l’idea che “Maldive” fosse sinonimo di “isola-resort-perfetta”, in cui non ci sono zanzare, né rifiuti, dove tutte le spiagge sono accessibili in costume e si può bere alcool e fumare. Poi magari nessuno sa che i rifiuti vengono conferiti nelle isole deserte e che la sabbia viene spesso prelevata da altre isole…ma “va bene così”.

Adesso però non esistono solo i resort, grazie alle riforme che, dal 2009, consentono ai locali di avviare attività imprenditoriali per accogliere i turisti: questa apertura ci ha fatto capire che alle Maldive vivono anche delle persone diverse dai lavoratori dei resort, e vivono in un mondo che non ha niente a che fare con i resort, né tantomeno con il nostro concetto di “vita quotidiana”.

 

Isole dei pescatori: vivere una vita intera in 2 km quadrati

Alle Maldive ci sono circa 200 isole abitate (su un totale di oltre mille isole e isolotti), sparse tra gli atolli dell’arcipelago: una miriade di villaggi, a volte piccoli a volte un po’ più grandi, ma comunque limitatissimi rispetto alle dimensioni di una qualsiasi delle nostre città che, per quanto ridotta possa essere, ci consente di salire in auto, bus o treno e raggiungere liberamente e in qualsiasi momento ogni luogo ci interessi visitare.

maldive in guesthouse veyo retreat veymandooh atollo di taah
Isola di Veymandoo, atollo di Thaa

Alle Maldive molte persone non si spostano dalla loro isoletta, se non per recarsi in un vicino resort a lavorare, oppure nella capitale per curarsi o studiare.

Vi immaginate quanto possa essere delicato l’equilibrio in una comunità del genere?

Non voglio (nè posso) entrare nel merito di un’analisi antropologica, ma credo sia fondamentale partire da questo aspetto “umano” per capire meglio il luogo in cui stiamo viaggiando.

 

La cultura e la religione nelle isole maldiviane

moschea maldive in guesthouse veyo retreat veymandooh atollo di taah
La moschea più antica di Veymandoo

Altro elemento fondamentale è rappresentato ovviamente dalla cultura locale. Le isole maldiviane sono 100% musulmane e il ritmo della vita è scandito dalle 5 preghiere quotidiane, durante le quali i negozi chiudono e ogni attività è sospesa. Il venerdì è il giorno di festa (come la nostra domenica) e alcune guesthouse sospendono addirittura le escursioni.

Mentre gli uomini si recano in moschea, al richiamo dell’imam, le donne pregano in casa. La prima preghiera è attorno alle 5 del mattino (e se la guesthouse è vicina al minareto si può sentire il richiamo, anche se la conformazione degli edifici garantisce in genere un discreto isolamento). Le donne, dopo la preghiera, preparano la colazione per i mariti che poi si recano al lavoro. Solo il giorno in cui si conclude il Ramazan (come lo chiamano qui) sono gli uomini che lavorano in cucina e preparano i pasti per il resto della famiglia.

scuola maldive in guesthouse atollo di taah veymandoo
Scuola di Veymandoo

Tutte le bambine, a una certa età, che può variare da famiglia a famiglia, indossano il velo e seguono le tradizioni che la loro cultura definisce.

Non tutte le isole offrono alle donne la possibilità di lavorare, soprattutto perché in genere i lavori da fare sono pochi quindi è assolutamente impossibile che ci possa essere la piena occupazione.

Le giornate scorrono quindi con un ritmo che ci potrebbe sembrare (o forse lo è) accidioso, con lunghe pause in cui le famiglie (allargate a diversi gradi di parentela) trascorrono tempo insieme parlando ed occupandosi della vita domestica, o incollandosi agli smartphone per aprire una finestra sul mondo.

maldive in guesthouse veyo retreat veymandooh atollo di taah
Isola di Veymandoo, atollo di Thaa

Detto ciò, nelle isole visitate abbiamo sempre visto tante persone affacendate: donne che spazzano le stradine sabbiose per rimuovere rifiuti e foglie, o che lavorano le foglie di palma per realizzare scope o prodotti da vendere ai resort; donne intente a coltivare frutta e verdura per il fabbisogno dell’isola; pescatori impegnati tutto il giorno nella pesca o nella lavorazione del tonno, uffici governativi presidiati da impiegati e impiegate, maestri, presidi, ecc…

maldive in guesthouse atollo di taah veymandoo

L’atmosfera che si respira qui è di estrema semplicità ma anche di “agio”. Il benessere deriva sia dalla ricchezza della terra, che dai lavori retribuiti: tutti hanno smartphone di ultima generazione, si spostano in scooter e addirittura ho visto anche due auto a Veymandoo (acquistate esclusivamente per ostentare ricchezza, viste le dimensioni dell’isola).

Anche il sistema scolastico è molto strutturato. Abbiamo avuto l’occasione di visitare la scuola di Veymandooh e parlare con insegnanti e preside. Ci hanno spiegato il loro sistema, che richiama in gran parte quello delle nostre scuole private internazionali, con una grande e importante differenza: alle Maldive è gratuito e quindi accessibile a tutti. Dai 6 ai 18 anni i bambini e ragazzi frequentano l’istituto studiando tutte le materie in lingua inglese, più qualche ora di studio della lingua locale –il Divehi- e della lingua araba, necessaria per leggere e comprendere il Corano. Indossano tutti una divisa, le bimbe che non hanno il velo portano lunghe trecce chiuse con un nastro azzurro. Non fanno esami o test perché le valutazioni sono “discorsive” e vengono effettuate dagli insegnanti descrivendo le capacità raggiunte di anno in anno. Uscendo da quella scuola, ho percepito di essere io quella in “difetto culturale”, pensando a tutti i limiti ed i problemi della nostra scuola pubblica, che non è neanche gratuita…

scuola maldive veymandooh atollo di thaa
Scuola di Veymandoo, atollo di Thaa

 

La gestione deI rifiuti alle Maldive

Come abbiamo già scritto più volte, l’aumento dei turisti che si recano nelle isole dei pescatori ha fatto emergere sempre di più il grande problema di questo paradiso: la gestione dei rifiuti.

Se da un lato il benessere e il tenore di vita della popolazione causano la produzione di una grande quantità di rifiuti non decomponibili (plastica in primis), che si vanno a sommare a quelli (inimmaginabili) prodotti dai resort, dall’altro lato quali sono le reali capacità di gestione degli stessi?

Alcune isole hanno introdotto, o stanno introducendo, sistemi per raccoglierli e smistarli in qualche modo: a Veymandoo, per esempio, è vietato gettare rifiuti a terra (pena una multa salata) e stanno approntando una centrale per lo smaltimento (infatti l’isola è molto pulita!) ma nelle altre isole che ho visitato ciò non avviene, e lo spettacolo può essere davvero impietoso. In questi casi, l’unica via per eliminare i rifiuti è quella di bruciarli.

punto di raccolta dei rifiuti
Punto di raccolta dei rifiuti

La prima volta che ho visto quello che mi è parso uno scempio, mi sono messa a piangere: ai lati di alcune strade, e soprattutto nelle isole deserte, si trova davvero di tutto. Le mie amate Maldive ridotte così? Come può essere possibile? Come possono permettere che ciò avvenga?

Ma se penso alle possibili soluzioni, capisco quanto sia davvero difficile risolvere questo problema.

Io non credo che si tratti, come molti sostengono, di inciviltà dei locali. Probabilmente l’accidia che inevitabilmente li contraddistingue li induce a non preoccuparsi troppo del futuro. Ma il problema fondamentale è ciò che il mare porta in giro e, puntualmente, consegna con gli interessi alle spiagge dove arrivano le correnti. Tutti i rifiuti prodotti dai resort o dalla popolazione locale che non vengono bruciati, sono destinati a “volare” da qualche parte, trascinati dalle mareggiate, dai monsoni, dal vento, dalla pioggia…. State due giorni in un’isola battuta dai monsoni e capirete meglio l’ineluttabilità di questo fenomeno.

Chiedetevi inoltre chi potrebbe avere l’interesse ad investire denaro per risolvere questo problema, collocato fisicamente su una superficie di circa 300 kmq sparsi all’interno di un’area di circa 90.000 kmq, se calcoliamo anche il mare.

Insomma, senza esprimere giudizi o paragonare “noi a loro” (anche perché ne usciremmo perdenti, visto che la stessa identica cosa succede in molte zone del nostro paese dove invece il conferimento e lo smaltimento dei rifiuti sono una realtà assodata da decenni) considerate questi spunti ogni volta che vi trovate a visitare le Maldive in guesthouse (e se avete soluzioni da proporre, fatevi avanti che i contatti li abbiamo!).

 

Maldive in guesthouse: i “limiti” per i turisti

Infine non posso non citare i “tabù” che inducono molti “viaggiatori” a rinunciare a questo tipo di esperienza e che riguardano prevalentemente tre aspetti della vita in guesthouse alle Maldive:

  • abbigliamento decoroso: la religione musulmana impone che le donne abbiano sempre spalle e ginocchia coperte, quindi anche noi turiste dobbiamo indossare tshirt e pinocchietti/bermuda/gonne lunghe. Io ho visto anche delle ragazze indossare canottiere e pantaloncini, sia a Male che sulle isole, ma d’altronde si sa che i maleducati sono ovunque;
spiaggia pubblica di hulumale
Spiaggia pubblica di Hulumale
  • alcool vietato: nelle isole dei pescatori non si possono bere, né importare, bevande alcooliche; questo per me non ha mai rappresentato un problema, ma per altri pare esserlo;
  • bikini vietato nelle spiagge pubbliche: nelle spiagge pubbliche delle Maldive è severamente vietato indossare il bikini e bisogna fare il bagno vestiti. Solo nelle spiagge private si può e molte guesthouse le stanno realizzando, in modo da avere una base anche sull’isola principale. Il “problema” della private beach  è facilmente superato organizzando escursioni quotidiane presso isole deserte dove non ci sono problemi (e le escursioni vengono organizzate quotidianamente nelle isole dei pescatori).
spiaggia pubblica di veymandooh
Spiaggia pubblica di Veymandoo

 

Maldive in guesthouse sì o no?

Se tutto quello che ho scritto qui sopra vi mette a disagio, forse le Maldive in guesthouse non sono la soluzione che fa per voi.

Se invece, così come avviene per qualsiasi paese al mondo, avete voglia di scoprire queste meravigliose isole per quello che sono veramente, oltre la bellezza del mare, se -come me- amate il contatto umano oltre a quello con la bellezza dei paesaggi, allora le guesthouse fanno al caso vostro!

Questo articolo nasce a seguito del nostro viaggio a Veymandoo, l’isola dell’atollo di Taah dove abbiamo vissuto un’esperienza davvero unica: siamo stati i primissimi turisti ad alloggiare sull’isola, nella guesthouse Veyo Retreat.

Potete immaginare lo stupore e la curiosità della popolazione locale, così come la mia, che ho trascorso le giornate a fare domande e indagare approfonditamente l’aspetto umano che cerco sempre durante i miei viaggi.

Le conclusioni a cui sono arrivata non sono certo verità assolute, ma rappresentano semplicemente il mio pensiero allo stato attuale.

maldive in guesthouse atollo di thaa
Isola di Veymandoo, atollo di Thaa

Di Veymandoo mi ha colpito molto il suo essere diversa dalle altre isole visitate, proprio per via della sua “illibatezza” rispetto al turismo. Ho trovato una perla preziosissima, fatta di sorrisi sinceri, occhi curiosi, calda accoglienza, voglia di scoprire e di aprirsi.

Ma ho visto anche sguardi perplessi, soprattutto dalle persone anziane.

Mi sono chiesta se davvero facciamo bene ad andare a rompere questi equilibri e, anche se in cuor mio non ho la risposta, i ragazzi del posto mi hanno detto che sì, questa apertura è salutare.

veyo retreat maldive veymandooh atollo di thaa
Veyo Retreat, isola di Veymandoo

Io però vorrei tornare lì fra qualche anno e ritrovare gli stessi sorrisi e la stessa voglia di aprirsi: solo così sarò certa che non stiamo sbagliando.

Nel frattempo il mio invito è quello di visitare le Maldive in guesthouse solo se si ha davvero voglia di entrare in punta di piedi e con il rispetto che questa esperienza comporta. Qui le Maldive non sono solo mare…e proprio per questo, secondo me, valgono molto di più!

 

Dopo questa lunga premessa, è ora di raccontare il nostro meraviglioso viaggio a Veymandoo, reso unico proprio da questo speciale rapporto umano che si è instaurato con le persone che ci hanno accolto, avendo sempre come sfondo il mare più bello del mondo. Eccolo qui: Veyo Retreat a Veymandoo Maldive: la nostra guesthouse nell’atollo di Thaa

 

veyo retreat atollo di thaa maldive
Escursione da Veyo Retreat, isola di Veymandoo

 

Qui ho raccolto tutti i post pubblicati sui social durante il viaggio:

Atollo di Thaa: la nostra vacanza a Veyo Retreat Guesthouse

 

Qui trovate tutti i nostri articoli sull’isola di Veymandoo:

Il nostro viaggio a Veymandoo

***

>>> ORGANIZZARE UN VIAGGIO ALLE MALDIVE <<<
>>> tutti i nostri post <<<

 

Milly
{testi e fotografie di Milena Marchioni}

 

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

Per altre informazioni sui viaggi con bambini, leggi la nostra guida: “Bimbi e Viaggi: la guida completa per viaggiare sereni con i bambini

Per saperne di più, clicca qui: Cos’è Bimbieviaggi Blog di Viaggi e Vacanze con bambini

Se ti piace il blog, seguici anche su FACEBOOK, INSTAGRAM, TWITTER e GOOGLE+

L'autrice: * Milly Marchioni *

Mamma di Amanda, classe 2007. Viaggiatrice indipendente, adoro il mare e le isole tropicali ma anche la montagna e in generale i viaggi a contatto con la natura...passando per le città, i piccoli borghi, i castelli, le sagre di paese... Scoprire il mondo con gli occhi di mia figlia mi sta aiutando a crescere come viaggiatrice ma soprattutto come persona.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *