EasyJet con bambini: 3 esperienze a confronto

Come ci siamo trovate a volare su EasyJet con bambini? Ecco le nostre testimonianze, frutto di una lunga esperienza di voli da Malpensa, Venezia e Roma… Non l’abbiamo tutte vissuto nello stesso modo, vediamo perchè…

Una delle tante ricchezze che abbiamo qui su Bimbieviaggi è la presenza di una nutrita schiera di scrittrici, viaggiatrici ossessivo – compulsive, che trascorrono le loro giornate in chat a scambiarsi consigli e ad alimentare l’economia turistica di mezzo mondo! 😉

Scherzi a parte, da una delle nostre piacevoli chiacchierate, è uscito un confronto molto interessante sulle compagnie low cost che usiamo maggiormente, perchè non tutte abbiamo avuto le stesse impressioni.

Iniziamo quindi con EasyJet per raccontare le esperienze di Francesca, Enrica e Jessica.

EasyJet con bambini: l’esperienza di Francesca da Venezia e da Malpensa

EasyJet è una compagnia low cost che noi abbiamo utilizzato con Lorenzo per volare da Venezia a Berlino e da Malpensa a Minorca, oltre a numerose altre volte verso il Regno Unito per motivi lavorativi.

EasyJet con bambini-scritta

Nonostante le tariffe non siano economiche come quelle di Ryanair, noi la preferiamo di gran lunga alla compagnia irlandese per i seguenti motivi:

  1. Le famiglie con bambini fino a cinque anni hanno l’imbarco prioritario garantito, senza alcun sovrapprezzo.
  2. Il bagaglio a mano ha limiti dimensionali ma non di peso (e questa è una bellissima cosa, soprattutto per noi che viaggiamo spesso per lavoro e nel trolley infiliamo il pc).
  3. Easyjet vola su aeroporti primari piuttosto che secondari; ad esempio per noi della zona Veneto/Friuli Venezia utilizza la struttura di Venezia Marco Polo, infinitamente più confortevole di Treviso (che invece è presidio di Ryanair). Altri esempi: Milano Malpensa anziché Orio al Serio, Londra Gatwick anziché Londra Stansted, Parigi Charles De Gaulle anziché Beauvais, … e così via.

L’hub italiano di EasyJet è lo scalo milanese di Malpensa, dove il T2 è quasi interamente dedicato ai voli di questa compagnia. Il T2 è abbastanza essenziale come struttura (giusto per stare in tema di low cost!) e in Agosto l’ho trovato sovraffollato e poco pulito. Nella zona check in c’è però il free-wifi.

Altro punto a favore di EasyJet è la possibilità di avere la card EasyJet Plus, di cui ci parlerà Jessica, e quella di prenotare voli gratuiti utilizzando le miglia Emirates.

EasyJet con bambini: l’esperienza di Jessica da Malpensa

Abitando a due passi da Malpensa, siamo dei veri e propri affezionati di EasyJet, avendo all’attivo con loro 10 voli da quando c’è Bea (Londra, Copenaghen, Bruxelles, Minorca, Parigi), una trentina prima che lei nascesse e già sei prenotati (Londra, Tenerife e Brindisi). Per quest’anno posso usufruire della carta EasyJet plus, che dà diritto a imbarco prioritario, file riservate, banco consegna e ritiro valigie dedicato.

EasyJet con bambini-monitor

Noi ci siamo sempre trovati bene: di prassi prima imbarcano gli speedy boarding e poi le famiglie con bambini fino a 5 anni (fino a due adulti per ogni bambino), sull’aereo ci hanno sempre assegnato posti nelle prime file, consentendo inoltre a Bea due bagagli a mano (tipo passeggino e borsa) anche quando non aveva posto assegnato perché sotto i due anni. Anche con i liquidi sono sempre stati flessibili.

Adesso il bagaglio a mano consentito è 50x40x20 con addirittura una postilla dedicata alla mitica valigia trunki!

Ottimi gli sconti sul noleggio e sui trasporti da /per aeroporti se prenotati in fase di prenotazione online (es. 20% su Gatwick Express, fino al 30% su Europcar).

EasyJet con bambini-bea

Easy Jet con bambini: l’esperienza di Enrica da Roma

Anche a me è capitato spesso di volare con Easy Jet, almeno una ventina di volte, ma non ho mai ricevuto alcuna proposta per la carta EasyJet plus.

Non abbiamo inoltre mai potuto usufruire dell’imbarco prioritario gratuito per bambini, né a Fiumicino, né a Londra. Anzi, l’ultima volta a Luton non ce lo hanno offerto pur essendo incinta e con bambina. Inoltre da quando c’è assegnazione dei posti ogni volta che ho fatto il check in senza acquistarli (mi rifiuto a priori!) ci hanno sempre, 100% delle volte, assegnato l’ultima o penultima fila.

EasyJet con bambini-posti

Notando questa differenza rispetto all’aeroporto di Milano, ne deduco che forse dipenda dal personale, ma sinceramente non ho mai gradito questo tipo di trattamento.

Detto ciò, concordo comunque con Francesca: anche io preferisco EasyJet a Ryanair.

Il T2 di Fiumicino è quasi tutto EasyJet e devo dire che non funziona troppo male. A Londra vola su Gatwick e Luton, che sono altrettanto lontani dalla città quanto Stansted, ma almeno l’aeroporto di Gatwick è decisamente migliore, secondo solo a Heathtrow.

EasyJet con bambini-roma

Per concludere…

La nostra opinione complessiva è tendenzialmente positiva anche se abbiamo constatato che il trattamento è diverso tra i vari aeroporti.

Per ogni informazione, questa è la pagina dedicata a chi viaggia con bambini > EasyJet viaggiare con bambini

.

Milly
(Testi di Milena Marchioni e foto bimbieviaggi.it di Jessica Riva)
(la foto di copertina è tratta dall’originale di Mark Harkin con licenza Creative Commons)
(la foto originale della scritta, l’originale dei seggiolini e l’originale dei 2  aerei sono di Christopher Doyle con licenza Creative Commons)

.

Iscriviti alla newsletter di Bimbi e Viaggi per rimanere sempre aggiornato sulle novità!

(Privacy Policy)

 

Dai un’occhiata anche qui:

  1. Tutte le nostre recensioni sulle compagnie aeree con bambini
  2. Compagnie aeree baby friendly: chi offre di più?
  3. Come prenotare un volo low cost
  4. Aereo con bambini: tutto quello che bisogna sapere prima di partire
  5. Bimbi in aereo: Airbus o Boeing? Ecco come scegliere!
  6. Bambini e mal d’auto: come prevenire e gestire la cinetosi
  7. Rimborso per volo cancellato o ritardo: la Carta dei Diritti del Passeggero

L'autrice: * Milly Marchioni *

Mamma di Amanda, classe 2007. Viaggiatrice indipendente, adoro il mare e le isole tropicali ma anche la montagna e in generale i viaggi a contatto con la natura...passando per le città, i piccoli borghi, i castelli, le sagre di paese... Scoprire il mondo con gli occhi di mia figlia mi sta aiutando a crescere come viaggiatrice ma soprattutto come persona.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *